Print this page
Sabato, 13 Aprile 2019 22:51

Puglia - Xylella, lo Stato non tiene conto degli studi del CREA

Written by Paolo Maddalena
Rate this item
(0 votes)

È sorprendente che il Ministero delle politiche agricole, dopo aver creato un apposito centro per lo studio della Xylella, il CREA, non tiene in alcun conto dei risultati di questo studio, secondo il quale è assolutamente sbagliato operare gli sradicamenti degli ulivi, perché il loro disseccamento è dovuto dall’abbandono delle buone pratiche agricole e dall’uso dei pesticidi che hanno inaridito il terreno.

Sarebbe obbligo del Ministro attuare i risultati di questo studio dal Ministero ordinato, piuttosto che uniformarsi a una politica distruttiva, che deriva da una campagna menzognera avallata dalle centrali a biomasse e dalla Commissione Europea, la quale non lascia occasioni per dimostrare la sua dipendenza dagli interessi neoliberisti ai danni della prosperità dell’Italia.

Il recente documento del CREA deve essere portato all’esame dei giudici, amministrativi o ordinari, presso i quali tendono le cause promosse dagli interessati alla conservazione degli ulivi e Ministero e Regione devono essere diffidati a compiere il loro dovere, che è quello di tutelare la produzione agricola e non di distruggerla.

Si ricorda in proposito che sono evidentissime anche le responsabilità del Ministro dell’Ambiente il quale si ostina a non utilizzare i suoi poteri di prevenzione e ripristino dei danni ambientali, falsamente attribuiti al batterio della Xylella.

Il tutto va denunciato alla Procura della Repubblica e alla Procura regionale della Corte dei Conti.

Anche su: https://www.attuarelacostituzione.it/2019/04/12/xylella-si-continua-a-sradicare-senza-tener-conto-dello-studio-contrario-fatto-dal-crea/?fbclid=IwAR3y176sx5raNB2QkEkd2Gp31Xulo-SpZg3ee2Ph4aR5nSKiETCE5y930I8

Read 537 times Last modified on Sabato, 13 Aprile 2019 14:55

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information