Print this page
Domenica, 05 Maggio 2019 15:29

Rapporto sulle aziende che producono armi nucleari

Written by Flip
Rate this item
(0 votes)

ICAN (Campagna internazionale per abolire le armi nucleari) e la sua organizzazione partner Pax hanno pubblicato un rapporto con i profili completi di 28 aziende legate alla produzione di armi nucleari.

Queste sono le 28 aziende della lista nera.

Aecom (Stati Uniti)

Aecom si appoggia al Lawrence Livermore National Laboratory, è coinvolta nella ricerca, progettazione, sviluppo e produzione di armi nucleari, incluso il programma di estensione della vita della bomba nucleare B6110 e della testata nucleare W80-1 per missili da crociera lanciati per via aerea. Aecom detiene un contratto di 45,5 milioni di dollari USA (40,1 milioni di euro) all’anno dal 2007.

Aerojet Rocketdyne (Stati Uniti)

Aerojet Rocketdyne è coinvolta nella manutenzione dei sistemi di propulsione per i missili balistici intercontinentali Minuteman III per gli Stati Uniti, nell’ambito di un contratto da 28,9 milioni di dollari USA (25,5 milioni di euro) inizialmente aggiudicato nel 2013. Produce anche sistemi di propulsione per i missili del Tridente II (D5) per gli Stati Uniti e il Regno Unito.  Aerojet Rocketdyne è anche un subappaltatore del nuovo Ground Based Strategic Deterrent per l’arsenale americano. Nel 2018, Aerojet Rocketdyne si è aggiudicata un ulteriore contratto quinquennale per 20 milioni di dollari USA (17,6 milioni di euro) per la tecnologia di spinta solida che sarà applicata alla prossima generazione di sistemi d’arma.

Airbus (Olanda)

Airbus è una società con sede in Olanda che si occupa della manutenzione e dello sviluppo di diversi missili nucleari armati per l’arsenale nucleare francese attraverso ArianeGroup, una joint venture con la società francese Safran. Airbus fa inoltre parte della joint venture MBDA che fornisce missili a medio raggio aria-superficie, anche per l’arsenale francese.

BAE Systems (Regno Unito)

BAE Systems ha un contratto del valore massimo di US$ 368,7 milioni (€ 328 milioni), originariamente da ottobre 2014, che durerà fino al 2021, pagato dai governi degli Stati Uniti e del Regno Unito per i componenti chiave dei missili del Tridente II (D5). BAE ha anche un contratto da 951,4 milioni di dollari USA (830,8 milioni di euro) da parte dell’aviazione militare statunitense per il sistema Minuteman III Intercontinental Ballistic Missile (ICBM), che durerà fino al 2022. BAE è inoltre coinvolta direttamente nell’arsenale francese, attraverso MBDA Systems, per lo sviluppo del missile a medio raggio aria-suolo ASMPA e del suo successore, ASN4G. Nel luglio 2017, la BAE ha ottenuto una nuova variante da 45,2 milioni di dollari (39,6 milioni di euro) di un contratto esistente per lo sviluppo del programma di sostituzione dei missili balistici intercontinentali di terra del Ground Based Strategic Deterrent (GBSD).

Bechtel (Stati Uniti)

Bechtel è un’azienda a conduzione familiare impegnata nello sviluppo di armi nucleari presso il Lawrence Livermore National Laboratory, il complesso Y-12 e la centrale di Pantex. Bechtel ha attualmente circa 1.174 milioni di dollari USA (1.035 milioni di euro) di contratti in essere in questi impianti. Bechtel è anche coinvolta in una delle nuove armi nucleari in fase di progettazione negli Stati Uniti, il Ground Based Strategic Deterrent, anche se non è chiaro a quanto ammonti il loro contratto.

Bharat Dynamics Limited (India)

Bhrat Dynamics Limited produce componenti chiave per i missili nucleari Prithvi-II e Agni-V per l’arsenale indiano.

Boeing (Stati Uniti)

La Boeing sta costruendo nuove armi nucleari per gli Stati Uniti. Tra queste, per un contratto del 2017 di 349,2 milioni di dollari (297 milioni di euro), è incluso il deterrente strategico a terra in sostituzione del Minuteman III ICBMs. Boeing è anche coinvolta nello sviluppo di armi da stallo a lungo raggio e si è aggiudicata diversi contratti dal 2017 per questa nuova arma nucleare, per un valore di 344,5 milioni di dollari USA (304 milioni di euro). Boeing è titolare di diversi contratti relativi ai missili balistici intercontinentali a lungo raggio nucleari statunitensi, Minuteman Intercontinental Ballistic Missiles (ICBM). Boeing ha attualmente contratti per un valore di oltre 703,3 milioni di dollari USA (620 milioni di euro) per i componenti chiave del sistema Minuteman. Uno di questi contratti comprende lo sviluppo di “kill switch” che causa l’autodistruzione del missile dopo il lancio. Boeing ha ricevuto un nuovo contratto di 26,7 milioni di dollari (23,0 milioni di euro) dagli Stati Uniti e dal Regno Unito per i lavori del Tridente II (D5) nell’ottobre 2018. Ciò si aggiunge ai contratti in essere per lavori relativi al sistema per un valore di oltre 88,9 milioni di dollari (79,0 milioni di euro). Boeing sta inoltre producendo il tail-kit per le nuove bombe B61. Più della metà di tutte queste bombe sono attualmente dispiegate dagli Stati Uniti in cinque paesi europei (Belgio, Germania, Italia, Paesi Bassi e Turchia). I 185 milioni di dollari (163 milioni di euro) in contratti significheranno che le nuove bombe B61-12 saranno pronte per l’uso entro maggio 2019. Non è ancora chiaro quando le nuove bombe saranno consegnate alle loro sedi europee, poiché altre società stanno modificando gli impianti di stoccaggio nei paesi ospitanti.

BWX Technologies (Stati Uniti)

BWX Technologies ha un nuovo contratto da 76 milioni di dollari (70,8 milioni di euro) per i componenti del Tridente II (D5) per le marine statunitensi e britanniche. BWXT ha inoltre ottenuto un contratto da 505 milioni di dollari USA (427,5 milioni di euro) per preparare la produzione di materiali nucleari supplementari per le armi nucleari, che inizialmente riguarderà la produzione di trizio, ma prevede anche di produrre materiali nucleari supplementari nel breve termine. BWXT è anche coinvolta nella partnership che supervisiona il Lawrence Livermore National Laboratory, compreso il programma di estensione della vita della bomba nucleare B61 e della testata nucleare W80-1 per missili da crociera lanciati per via aerea. La partnership riceve 45,5 milioni di dollari USA (37,6 milioni di euro) all’anno per questo lavoro.

Laboratorio Charles Stark Draper (Stati Uniti)

Il Charles Stark Draper Laboratory ha un contratto da 370,2 dollari (350,5 milioni di euro), pagato da Stati Uniti e Regno Unito, per i lavori sul sistema Trident II (D5). Nel 2018, Draper ha ottenuto un altro contratto di 109,5 milioni di dollari (95,9 milioni di euro) per ulteriori lavori sul sistema Trident, tra cui la guida ipersonica e il supporto per gli esperimenti di volo ipersonico, da concludersi entro settembre 2019.

Costruzioni Industrielles de la Méditerranée (Francia)

Constructions Industrielles de la Méditerranée è stata inclusa per la prima volta poiché sono disponibili maggiori informazioni sui componenti chiave specificamente progettati per l’arsenale nucleare francese. CNIM progetta e produce i sistemi di lancio sottomarini progettati per i missili M51 con armi nucleari.

Fluoro (Stati Uniti)

Fluor è coinvolta in diversi impianti di produzione di armi nucleari degli Stati Uniti. Attraverso una joint venture, Savannah River Nuclear Solutions (SRNS) ha un contratto da 8 miliardi di dollari (7,1 miliardi di euro) per gli sforzi relativi ai componenti chiave del programma W88 Alt 370, la testata nucleare dispiegata sul Tridente II (D5).

General Dynamics (Stati Uniti)

General Dynamics ha una serie di contratti sulle componenti chiave per i sistemi Trident II (D5) del Regno Unito e degli Stati Uniti. Un contratto iniziale di 30,6 milioni di dollari USA (28,2 milioni di euro) aggiudicato nel 2015 è stato ripetutamente modificato (anche cinque volte tra novembre 2017 e dicembre 2018) portando il valore totale del contratto a oltre 174,4 milioni di dollari USA (155,6 milioni di euro). Un’altra filiale di General Dynamics, General Dynamics Electric Boat, ha ricevuto nel settembre 2017 un contratto del valore massimo di 46,5 milioni di dollari (43,4 milioni di euro) per i lavori di integrazione per la produzione di kit di supporto alle armi strategiche del Regno Unito per i sottomarini della classe dei missili balistici Columbia. Nel 2018 tale contratto è stato significativamente modificato, prima nel mese di aprile, per 126,2 milioni di dollari USA (102,4 milioni di euro), e di nuovo per 480,6 milioni di dollari USA (414 milioni di euro) nel settembre 2018.

Honeywell International (Stati Uniti)

Honeywell International gestisce e amministra il National Security Campus (NSC) (ex Kansas City Plant), l’impianto responsabile della produzione di circa l’85% dei componenti non nucleari per le armi nucleari statunitensi nell’ambito di un contratto quinquennale di 900 milioni di dollari USA (817,4 milioni di euro) aggiudicato nel luglio 2015. È inoltre comproprietario di Savannah River Nuclear Solutions (SRNS), che ha un contratto da 8 miliardi di dollari (7,1 miliardi di euro) per gli sforzi relativi ai componenti chiave del programma W88 Alt 370, la testata nucleare dispiegata sul Tridente II (D5). Honeywell è inoltre associata ad altri impianti di produzione di armi nucleari statunitensi, tra cui un contratto da 5 miliardi di dollari (4,6 miliardi di euro) per il Nevada National Security Site e un contratto da 2,6 miliardi di dollari (2,5 miliardi di euro) per il Sandia National Laboratory. Entrambi gli impianti sono responsabili della produzione, del collaudo e della progettazione delle testate. Inoltre, Honeywell ha ricevuto nuovi contratti nel 2018 per un valore di 19,0 milioni di dollari USA (16,2 milioni di euro) per lo strumento di guida PIGA per il Minuteman III.

Huntington Ingalls Industries (Stati Uniti)

Huntington Ingalls Industries ha rilevato la gestione e le attività del Los Alamos National Laboratory nel 2018 con un contratto quinquennale del valore stimato di 2,5 miliardi di dollari USA (2,2 miliardi di euro) all’anno. Huntington Ingalls Industries fornirà “personale, sistemi, strumenti e servizi di ritorno dell’azienda nelle aree di produzione dei pozzi, produzione di plutonio, scale-up della produzione, operazioni e produzione nucleare”. Huntington Ingalls Industries partecipa inoltre a un contratto da 5 miliardi di dollari USA (4,6 miliardi di euro) presso il Nevada National Security Site, e da 8 miliardi di dollari USA (7,1 miliardi di euro) presso il Savannah River Site and Savannah River National Laboratory in South Carolina.

Jacobs Engineering (Regno Unito)

Jacobs Engineering fa parte del UK Atomic Weapons Establishment, che attualmente ha un contratto di 25 anni per la manutenzione dell’arsenale del Tridente britannico, per un valore di 25,4 miliardi di sterline (29,6 miliardi di euro). Jacobs faceva anche parte del gruppo che nel 2017 ha rilevato la gestione e le operazioni del Nevada National Security Site nell’ambito di un contratto decennale di 5 miliardi di dollari USA (4,6 miliardi di euro).

Larsen e Toubro (India)

Sono coinvolti nella produzione di componenti chiave per l’arsenale nucleare indiano. Tra questi, il sistema di lancio del missile nucleare Prithvi II. È anche coinvolto nel Dhanush, la variante navale del Prithvi-II.

Leidos (Stati Uniti)

Leidos è socio di minoranza di Consolidated Nuclear Services LLC (CNS), che ha rilevato nel 2014 la gestione e l’esercizio del National Security Complex Y-12 in Tennessee e della centrale di Pantex in Texas sulla base dello stesso contratto da US$ 446 milioni (€ 326,5 milioni). Questi impianti sono coinvolti nella produzione di trizio per le armi nucleari statunitensi e nelle modifiche alle testate M76/MK4A, W76-2, W80-1 e W88.

Leonardo (Italia)

Leonardo è una società italiana (precedentemente nota come Finmeccanica) coinvolta nell’arsenale nucleare francese attraverso MBDA-Systems. A partire dal 2016, MBDA ha iniziato la progettazione e lo sviluppo dell’aggiornamento a medio termine dei missili Aria-suolo di media portata (ASMPA) per mantenerlo nell’arsenale francese fino al 2035. Nel bilancio del Ministero della Difesa francese del 2019, sono previste tre consegne di ASMPA aggiornati dopo il 2019. MBDA è inoltre coinvolta nei lavori sul sistema futuro (ASN4G) che dovrebbe essere operativo dopo il 2035.

Lockheed Martin (Stati Uniti)

Lockheed Martin detiene i contratti del Tridente II (D5) per un valore di circa 6.550,1 milioni di dollari (5.730,4 milioni di euro). Di questi, 918,9 milioni di dollari (801,9 milioni di euro) sono stati assegnati tra marzo 2018 e gennaio 2019.  Inoltre Lockheed ha almeno 495 milioni di dollari (413,6 milioni di euro) di contratti in sospeso relativi al Minuteman III ICBM. È coinvolta in un contratto di ricerca e progettazione per 900 milioni di dollari (764,2 milioni di euro) per il nuovo missile LRSO (Long-Range Standoff) dell’Aeronautica Militare statunitense. Le attività associate alle armi nucleari di Lockheed Martin non si limitano alla sola produzione missilistica statunitense. Fa anche parte del contratto di 25 anni di 25 miliardi di sterline (29,6 miliardi di euro) per la UK Atomic Weapons Establishment.

Moog (Stati Uniti)

Moog ha sviluppato veicoli di lancio e controlli missilistici strategici per i missili Minuteman III e Trident (D5). Moog fa inoltre parte del team Boeing che nel 2017 si è aggiudicato un contratto da 349,2 milioni di dollari USA (297,0 milioni di euro) per la crescita tecnologica e le attività di riduzione del rischio per il nuovo Deterrente Strategico di Terra.

Northrop Grumman (Stati Uniti)

Northrop Grumman sta attualmente cedendo le responsabilità a BAE Systems come principale appaltatore del sistema Minuteman III ICBM. Questo processo è iniziato nel 2013, ma ci sono stati ripetuti contratti “ponte” per un valore di oltre 165,0 milioni di dollari (128,3 milioni di euro), l’ultimo dei quali nel settembre 2018. Ora il processo di consegna dovrebbe essere completato nell’aprile 2019. Sebbene Northrop Grumman non sia più l’appaltatore principale dell’ICBM, ha ancora altri contratti relativi all’ICBM negli Stati Uniti, compresi quelli che ha rilevato quando ha acquisito Orbital ATK. Questi contratti aggiuntivi sono stati aggiudicati principalmente nel 2015, per un valore totale di circa 1.852,9 milioni di dollari USA (1.642,9 milioni di euro). Northrop Grumman, tramite ATK Launch Systems, si è inoltre aggiudicata un altro contratto relativo a Minuteman per 86,4 milioni di dollari (74,5 milioni di euro) nel settembre 2018. Northrop Grumman è inoltre coinvolta nei sistemi del Tridente II (D5) per gli Stati Uniti e il Regno Unito, con contratti in essere per un valore di circa 531,3 milioni di dollari (493,2 milioni di euro). Molte di queste attività produttive relative al Tridente II (D5) dovrebbero concludersi nel 2020. Northrop Grumman è inoltre collegata agli impianti di armi nucleari di Pantex e Y-12 attraverso un contratto da 446 milioni di dollari (326,5 milioni di euro) alla joint venture Consolidated Nuclear Services (CNS).

Raytheon (Stati Uniti)

Raytheon ha un contratto di 33,4 milioni di dollari USA (24,8 milioni di euro) per i lavori relativi al Minuteman III ICBMs. Raytheon è anche coinvolto nello sviluppo di nuove armi nucleari per gli Stati Uniti. Fa parte del team Boeing che lavora sul Ground Based Strategic Deterrent e nell’agosto 2017 Raytheon ha ricevuto un contratto quinquennale per 900 milioni di dollari (764,2 milioni di euro) per la nuova arma stabilizzatrice a lungo raggio.

Safran (Francia)

Safran è una società francese e due delle sue controllate (Snecma e Sagem) stanno sviluppando componenti chiave per i missili M51 per l’arsenale francese di armi nucleari. Safran fa anche parte della joint venture con la società olandese Airbus, responsabile della produzione in corso e della manutenzione dell’intero sistema missilistico.  L’impresa comune è anche incaricata di svolgere i compiti previsti dal bilancio 2019 del ministero della difesa francese per tre consegne di ASMPA aggiornati dopo il 2019.

Serco (Regno Unito)

Serco è una società britannica impegnata nella gestione e nelle operazioni dell’Atomic Weapons Establishment (AWE) con un contratto di 25 anni (dal 1999 al 2024) per un valore di 25,4 miliardi di sterline (29,6 miliardi di euro).

Textron (Stati Uniti)

Textron ha un contratto da 17,2 milioni di dollari (12,5 milioni di euro) per convertire fino a sei veicoli di rientro Minuteman III MK 12A nella configurazione Mod 5F.

Thales (Francia)

Secondo il ministero della Difesa francese, Thales è uno dei subappaltatori di MBDA che fornisce missili a medio raggio aria/terra ASMPA alle forze aeree francesi.

United Technologies Corporation (Stati Uniti)

United Technologies Corporation ha acquisito Rockwell Collins nel novembre 2018 e l’ha rinominata Collins Aerospace Systems. Questa società ha un contratto da 76 milioni di dollari USA (67 milioni di euro) per la sostituzione del sistema di controllo del lancio aereo per i missili Minuteman III ICBM.

Walchandnagar Industries Limited (India)

Walchandnagar Industries Limited produce sistemi di lancio per la serie indiana Agni di missili nucleari armati.

 per gentile concessione dell'agenzia di stampa Pressenza

Read 590 times Last modified on Domenica, 05 Maggio 2019 11:33

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information