flag_rotate-03flag_rotate-02flag_rotate-13flag_rotate-12flag_rotate-09
Sabato 24 Aprile 2010 03:37

DON CARLO, IL PRETE COMANDANTE PARTIGIANO CHE LIBERO’ REGGIO EMILIA

Scritto da  Giancarlo Giannotti

DON CARLO, IL PRETE COMANDANTE PARTIGIANO CHE LIBERO’ REGGIO EMILIA



Dal cestino della storia, è riemerso il memoriale di un  grande protagonista della Resistenza: don Domenico Orlandini, fondatore e comandante, col nome di battaglia di “Carlo”, della brigata
partigiana “Fiamme Verdi” che operò nella provincia di Reggio Emilia fino alla liberazione  della città, la sera del 24 aprile 1945.  Fu, a dir poco, un grande che si meritò dal rinato esercito italiano il grado di generale di brigata.

Dagli inglesi, inoltre, gli fu conferita la più alta onorificenza militare britannica, la “Victoria Cross”,  per aver liberato dai campi di prigionia italiani e condotto, a più riprese, al di là delle linee tedesche almeno 3.700 soldati  alleati, tra cui anche il figlio del generale Montgomery.  Già nell’ottobre del 1943, gl’inglesi ebbero subito fiducia in questa sorta di prete ribelle, più propenso all’uniforme che non alla tonaca, tanto che lo addestrarono e lo utilizzarono come agente del loro servizio d’intelligence.

 Nei due anni successivi “Don Carlo”, come ormai tutti lo chiamavano, fu anche il loro referente circa i lanci di materiale bellico e logistico sull’Appennino reggiano, sempre a stretto contatto di agenti inglesi che operavano dietro le linee, nell’Emilia ancora oppressa e massacrata dalle divisioni nazi-fasciste.

Erano i mesi e gli anni della mattanza. Ai massacri si rispondeva con i massacri.  Al sangue col sangue. Le vittime innocenti si aggiungevano ad altre vittime innocenti. All’orrore si sommava altro orrore.

E Il comandante don Carlo, con le sue Fiamme Verdi,  fu uno di quelli che spesso inceppò quella macchina generatrice di morte che fu la guerra  civile dentro un conflitto mondiale non ancora spento.  Salvare vite umane, senza curarsi di quale divisa indossassero, al di là dei meriti o delle colpe, fu una delle sue costanti. Sappiamo che tremila settecento furono i soldati alleati, ma nessuno saprà mai quanti furono i ragazzi di Salò, in fuga dai massacri commessi, che salvò dai mitra comunisti che sparavano su tutto ciò che rappresentava il passato. Come non sapremo mai quanti furono quei  civili che salvò da una giustizia sommaria, solo perché familiari o amici, di gente che aveva collaborato col passato regime fascista. Salvò anche partigiani dalla mannaia di altri partigiani. O preti che durante le loro omelie avevano criticato le emergenti  ideologie staliniste o bolsceviche.

Durante la lotta partigiana, fu in contatto coi fratelli Dossetti, Marconi, Togliatti e tanti altri che si prodigarono per liberare l’Italia dalle catene nazi-fasciste

Si dice che chi salva un uomo, salva tutta l’umanità, e don Carlo di gente ne ha salvata davvero tanta. Peccato che nessuno abbia salvato lui dal grigio anonimato dentro cui scomparve nei decenni successivi. Partigiano e sacerdote  schietto, diretto, scaltro, dallo spirito troppo libero per farsi irretire  nei giochetti dei politici del dopoguerra, si mosse forse negli ambienti ecclesiastici ed in quelli dei partiti nati dalla Resistenza, come un elefante dentro un negozio di porcellane. E i cocci li pagò col suo isolamento. 

Nei trent’anni successivi, fu spedito a fare il parroco nelle sperdute chiesuole  dell’Appennino reggiano, dove ancora tutti lo ricordano come prete allegro e spregiudicato, ma capace di portare a Dio gente che senza di lui in chiesa non ci sarebbe mai entrata.

Morì nel 1977 nella casa canonica di Pianzano, dove riposa nel vicino cimitero, a strapiombo su una vallata che evoca volteggi di aquile e vagabondare di lupi.

Il suo memoriale, scritto dallo stesso don Domenico Orlandini, attorno al 1948, è stato per la prima volta dato alle stampe e divulgato, dalle EDIZIONI DEL NOCE col titolo di “Memoriale di don Carlo,  l’ eroe sconosciuto” .

Speriamo che renda giustizia e notorietà a un grande partigiano, a un grande sacerdote e, soprattutto, a un grande italiano.

News

La fine dell’Euro - Per qualcuno che la sa lunga, è molto prossima

 La fine dell’Euro  - Per qualcuno che la sa lunga, è molto prossima

Cammina, cammina... le favole una volta cominciavano sempre così e alla fine si concludevano tutte con un lieto fine. Quella dell'Euro invece pare si concluderà con un disastro del resto annunciato. Gli inglesi del Guardian prevedono che entro un biennio...

Economia Administrator

Continua a leggere

ROBERTO ORMANNI: DA QUELLI DELLA NOTTE ALL’IMPEGNO GIORNALISTICO

ROBERTO ORMANNI: DA QUELLI DELLA NOTTE ALL’IMPEGNO GIORNALISTICO

Le trasmissioni televisive di Renzo Arbore sono state delle vere e proprie 'officine' dell'arte dell'intrattenimento, che hanno fatto conoscere al pubblico personaggi dalla più svariata allocazione culturale e artistica. 'Quelli della notte' e 'Indietro tutta' hanno dato alla televisione, o...

In primo piano Administrator

Continua a leggere

UN CAOS NEPPURE TROPPO CALMO

 UN CAOS NEPPURE TROPPO CALMO

E non certo dell'assoluta qualità che ha permesso al nostro conterraneo Sandro Veronesi di vincere il Premio Strega del 2006, anche se qualche caotico tratto di Nanni Moretti, interprete principale del film di Antonello Grimaldi, Matteo Renzi ce l'avrebbe....   Il Convegno...

Politica Mamerto Morescalchi

Continua a leggere

COMMERCIO ESTERO: A OTTOBRE SALDO RECORD PER L’ITALIA SUI MERCATI ESTERI

COMMERCIO ESTERO: A OTTOBRE SALDO RECORD PER L’ITALIA SUI MERCATI ESTERI

Quasi 4 miliardi, a ottobre, l’attivo della bilancia commerciale italiana nei dati destagionalizzati, il valore più alto degli ultimi anni. In ripresa le vendite sul versante europeo (+4,7% su base annua) Roma, 16 dicembre 2014 – Buoni risultati per la bilancia...

Economia Administrator

Continua a leggere

ROMA A MENO UNO DALLA JUVE

ROMA A MENO UNO DALLA JUVE

Genoa e Sampdoria avevano la possibilità, fermando la corsa di Roma e Juventus, di dare una dimensione più “aperta” a questo campionato. Operazione riuscita a metà perchè la Samp ferma sul pareggio la capolista in casa propria e permette alla...

Sport Francesco Guzzardi

Continua a leggere

Un pittore arbereshe a Roma.

Un pittore arbereshe a Roma.

"Ngjyrat e Arberise", la mostra di Francesco Senise   Il 10 dicembre, si è inaugurata a Roma, presso la sede dell' Ambasciata Albanese, la mostra "Ngjyrat e Arberise", del pittore arbereshe Francesco Senise. Nato a Lungro, in provincia di Cosenza, Senise...

App.ti culturali Administrator

Continua a leggere

CIBO ED EVOLUZIONE UMANA

CIBO ED EVOLUZIONE UMANA

L’entità umana sembra costituita fondamentalmente da corpo, mente, coscienza e spirito. Ogni azione è sempre preceduta da un pensiero mai disgiunto dalla coscienza e questa dalla dimensione spirituale. Se ne deduce che la scelta di un determinato modo di comportarsi...

Spiritualitá Franco Libero Manco

Continua a leggere

Roma - teatro: "Un’incantevole grande età" - Evoluzione e progresso nella Cooperazione Sociale

Roma - teatro:

  Ideare, crederci e agire è il percorso non immaginario, ma concreto e reale, che abbiamo il piacere di scoprire e condividere nell’ambito della Cooperazione Sociale, attraverso il progetto Un’incantevole grande età realizzato dall’Associazione Temporanea di Impresa tra la Cooperativa Sociale...

Cinema - teatro Administrator

Continua a leggere

INNAMORARSI DI MILANO: TANTA GENTE CHE CORRE, TANTA CULTURA CHE VIVE … QUALCHE ASINO CHE PASCOLA AI CONFINI DEL MONDO

INNAMORARSI DI MILANO: TANTA GENTE CHE CORRE, TANTA CULTURA CHE VIVE … QUALCHE ASINO CHE PASCOLA AI CONFINI DEL MONDO

Conversazione con Alessandra Giordano, autrice di Cadorna non è una fermata*   Il Cadorna non è una fermata di Alessandra Giordano è un libro composto, per la prima metà, da squarci di vita metropolitana (e in metropolitana) e, per la seconda...

Editoria Roberto Fantini

Continua a leggere

ROMA & JUVE E POI… “GENOVA”

ROMA & JUVE E POI… “GENOVA”

La Juventus impatta contro la Fiorentina e la Roma non fa meglio in casa contro il Sassuolo, ne approfittano le genovesi che battono Milan e Verona candidandosi come antagoniste del duo in testa. Male le milanesi entrambe sconfitte e ottime...

Sport Francesco Guzzardi

Continua a leggere

 

violo1

antonio

mironov1

notizie nazionali def

logo .net 2

storieslogo1

matteobarale logo212

da