flag_rotate-03flag_rotate-02flag_rotate-13flag_rotate-12flag_rotate-09
Sabato 24 Aprile 2010 03:37

DON CARLO, IL PRETE COMANDANTE PARTIGIANO CHE LIBERO’ REGGIO EMILIA

Scritto da  Giancarlo Giannotti

DON CARLO, IL PRETE COMANDANTE PARTIGIANO CHE LIBERO’ REGGIO EMILIA



Dal cestino della storia, è riemerso il memoriale di un  grande protagonista della Resistenza: don Domenico Orlandini, fondatore e comandante, col nome di battaglia di “Carlo”, della brigata
partigiana “Fiamme Verdi” che operò nella provincia di Reggio Emilia fino alla liberazione  della città, la sera del 24 aprile 1945.  Fu, a dir poco, un grande che si meritò dal rinato esercito italiano il grado di generale di brigata.

Dagli inglesi, inoltre, gli fu conferita la più alta onorificenza militare britannica, la “Victoria Cross”,  per aver liberato dai campi di prigionia italiani e condotto, a più riprese, al di là delle linee tedesche almeno 3.700 soldati  alleati, tra cui anche il figlio del generale Montgomery.  Già nell’ottobre del 1943, gl’inglesi ebbero subito fiducia in questa sorta di prete ribelle, più propenso all’uniforme che non alla tonaca, tanto che lo addestrarono e lo utilizzarono come agente del loro servizio d’intelligence.

 Nei due anni successivi “Don Carlo”, come ormai tutti lo chiamavano, fu anche il loro referente circa i lanci di materiale bellico e logistico sull’Appennino reggiano, sempre a stretto contatto di agenti inglesi che operavano dietro le linee, nell’Emilia ancora oppressa e massacrata dalle divisioni nazi-fasciste.

Erano i mesi e gli anni della mattanza. Ai massacri si rispondeva con i massacri.  Al sangue col sangue. Le vittime innocenti si aggiungevano ad altre vittime innocenti. All’orrore si sommava altro orrore.

E Il comandante don Carlo, con le sue Fiamme Verdi,  fu uno di quelli che spesso inceppò quella macchina generatrice di morte che fu la guerra  civile dentro un conflitto mondiale non ancora spento.  Salvare vite umane, senza curarsi di quale divisa indossassero, al di là dei meriti o delle colpe, fu una delle sue costanti. Sappiamo che tremila settecento furono i soldati alleati, ma nessuno saprà mai quanti furono i ragazzi di Salò, in fuga dai massacri commessi, che salvò dai mitra comunisti che sparavano su tutto ciò che rappresentava il passato. Come non sapremo mai quanti furono quei  civili che salvò da una giustizia sommaria, solo perché familiari o amici, di gente che aveva collaborato col passato regime fascista. Salvò anche partigiani dalla mannaia di altri partigiani. O preti che durante le loro omelie avevano criticato le emergenti  ideologie staliniste o bolsceviche.

Durante la lotta partigiana, fu in contatto coi fratelli Dossetti, Marconi, Togliatti e tanti altri che si prodigarono per liberare l’Italia dalle catene nazi-fasciste

Si dice che chi salva un uomo, salva tutta l’umanità, e don Carlo di gente ne ha salvata davvero tanta. Peccato che nessuno abbia salvato lui dal grigio anonimato dentro cui scomparve nei decenni successivi. Partigiano e sacerdote  schietto, diretto, scaltro, dallo spirito troppo libero per farsi irretire  nei giochetti dei politici del dopoguerra, si mosse forse negli ambienti ecclesiastici ed in quelli dei partiti nati dalla Resistenza, come un elefante dentro un negozio di porcellane. E i cocci li pagò col suo isolamento. 

Nei trent’anni successivi, fu spedito a fare il parroco nelle sperdute chiesuole  dell’Appennino reggiano, dove ancora tutti lo ricordano come prete allegro e spregiudicato, ma capace di portare a Dio gente che senza di lui in chiesa non ci sarebbe mai entrata.

Morì nel 1977 nella casa canonica di Pianzano, dove riposa nel vicino cimitero, a strapiombo su una vallata che evoca volteggi di aquile e vagabondare di lupi.

Il suo memoriale, scritto dallo stesso don Domenico Orlandini, attorno al 1948, è stato per la prima volta dato alle stampe e divulgato, dalle EDIZIONI DEL NOCE col titolo di “Memoriale di don Carlo,  l’ eroe sconosciuto” .

Speriamo che renda giustizia e notorietà a un grande partigiano, a un grande sacerdote e, soprattutto, a un grande italiano.

News

QUEL MEGAFALLIMENTO CHIAMATO OCCIDENTE

QUEL MEGAFALLIMENTO CHIAMATO OCCIDENTE

Si può tranquillamente cominciare da quello della Politica Statunitense, tradizionalmente assai capace di agire e ben incidere all'interno dei suoi confini, quanto altrettanto insipiente, fanciullesca ed impreparata fuori da questi; e bisogna avere il coraggio di continuare con quella Europea,...

Politica Mamerto Morescalchi

Continua a leggere

GUERRA, UN MALE EVITABILE

GUERRA, UN MALE EVITABILE

            Dire no ad un male serve a poco se non si combattono le cause che lo generano. La guerra, come la malattia, non è la causa ma l’effetto di un male profondo e diffuso: è la sommatoria delle singole...

Spiritualitá Franco Libero Manco

Continua a leggere

Augusto, pensaci tu!

Augusto, pensaci tu!

Duemila anni fa, nel 14 d.C., moriva Augusto, il primo imperatore di Roma. Il compleanno ufficiale della città cade il 21 aprile del 753 a.C.. Romolo è il mitico fondatore, figlio si Marte e di Rea Silvia. La sacerdotessa di...

App.ti culturali Elena Sidoni

Continua a leggere

AltaRoma 2014

AltaRoma 2014

Con la futuristica sfilata di giovani promesse presso l’Ambasciata di Polonia si è conclusa la settimana di Alta Moda a Roma. Anche in questa stagione Antonella Rossi, sotto la guida della giovane creativa Giulia Mori, non ha smentito il solito...

Moda Administrator

Continua a leggere

Pianeta Urano Frammenti cosmici n. 27

Pianeta Urano Frammenti cosmici   n. 27

Frammenti che orbitano qua e là, individuati, carpiti; li commento e condivido con voi. Un pensiero Enoico… Frammenti di Alceo Beviamo, perché aspettare le lucerne? Breve il tempo. O amato fanciullo, prendi le grandi tazze variopinte, perché il figlio di Zeus e Sémele diede agli uomini...

Enogastronomia Urano Cupisti

Continua a leggere

UNIVERSALMENTE BANDITA, UNIVERSALMENTE PRATICATA: si chiama TORTURA. DIAMOLE UNO “STOP”.

UNIVERSALMENTE BANDITA, UNIVERSALMENTE PRATICATA: si chiama TORTURA. DIAMOLE UNO “STOP”.

                                     “… il termine «tortura» designa qualsiasi atto con il quale sono inflitti ad una persona dolore o sofferenze acute, fisiche o psichiche, segnatamente al fine di ottenere da questa o da una terza persona informazioni o confessioni, di punirla...

HUMAN RIGHTS Roberto Fantini

Continua a leggere

CHI FA PER SE', FA PER....DUE

CHI FA PER SE', FA PER....DUE

No, nello specifico caso per come ha agito ed agisce Matteo Renzi, questo proverbio deve essere perlomeno decurtato di un'unità....   Ancora una volta, e non sarà nemmeno l'ultima, Silvio Berlusconi è stato, prima salvato e rigenerato, poi rimesso sul binario più...

Politica Mamerto Morescalchi

Continua a leggere

LA MAGNIFICENZA DELL’ALBERO

LA MAGNIFICENZA DELL’ALBERO

Abbattere un albero è come frantumare un’antica opera scultorea   L’albero più di ogni altra creatura contribuisce al mantenimento della vita sulla terra. Distrattamente guardiamo un albero e raramente apprezziamo la sua bellezza e la sua immensa importanza biologica. Bello, maestoso, benefico....

Ambiente Franco Libero Manco

Continua a leggere

GLI ESSENI - Un popolo silenzioso e mirabile

GLI ESSENI  -  Un popolo silenzioso e mirabile

  Al tempo di Gesù la Palestina pullulava di movimenti e sette religiose. Tra queste gli Esseni, un movimento spirituale di derivazione ebraica tra i più conformi ai dettami della legge dei grandi profeti. La loro presenza storica va dal 2°...

Spiritualitá Franco Libero Manco

Continua a leggere

GIRAFFADA: poetica storia di animali, uomini e bambini per aiutarci a credere nel futuro

GIRAFFADA: poetica storia di animali, uomini e bambini per aiutarci a credere nel futuro

Anno 2002: uno zoo (quello palestinese di Qalqilya, a ridosso della West Bank) schiacciato da un muro grigio che ingabbia un popolo e lo divide dal mondo, lo separa dal futuro, lo svuota di speranza. Animali prigionieri che vengono amati...

HUMAN RIGHTS Roberto Fantini

Continua a leggere

 

violo1

antonio

mironov1

notizie nazionali def

logo .net 2

storieslogo1

matteobarale logo212

da