flag_rotate-03flag_rotate-02flag_rotate-13flag_rotate-12flag_rotate-09
Sabato 24 Aprile 2010 03:37

DON CARLO, IL PRETE COMANDANTE PARTIGIANO CHE LIBERO’ REGGIO EMILIA

Scritto da  Giancarlo Giannotti

DON CARLO, IL PRETE COMANDANTE PARTIGIANO CHE LIBERO’ REGGIO EMILIA



Dal cestino della storia, è riemerso il memoriale di un  grande protagonista della Resistenza: don Domenico Orlandini, fondatore e comandante, col nome di battaglia di “Carlo”, della brigata
partigiana “Fiamme Verdi” che operò nella provincia di Reggio Emilia fino alla liberazione  della città, la sera del 24 aprile 1945.  Fu, a dir poco, un grande che si meritò dal rinato esercito italiano il grado di generale di brigata.

Dagli inglesi, inoltre, gli fu conferita la più alta onorificenza militare britannica, la “Victoria Cross”,  per aver liberato dai campi di prigionia italiani e condotto, a più riprese, al di là delle linee tedesche almeno 3.700 soldati  alleati, tra cui anche il figlio del generale Montgomery.  Già nell’ottobre del 1943, gl’inglesi ebbero subito fiducia in questa sorta di prete ribelle, più propenso all’uniforme che non alla tonaca, tanto che lo addestrarono e lo utilizzarono come agente del loro servizio d’intelligence.

 Nei due anni successivi “Don Carlo”, come ormai tutti lo chiamavano, fu anche il loro referente circa i lanci di materiale bellico e logistico sull’Appennino reggiano, sempre a stretto contatto di agenti inglesi che operavano dietro le linee, nell’Emilia ancora oppressa e massacrata dalle divisioni nazi-fasciste.

Erano i mesi e gli anni della mattanza. Ai massacri si rispondeva con i massacri.  Al sangue col sangue. Le vittime innocenti si aggiungevano ad altre vittime innocenti. All’orrore si sommava altro orrore.

E Il comandante don Carlo, con le sue Fiamme Verdi,  fu uno di quelli che spesso inceppò quella macchina generatrice di morte che fu la guerra  civile dentro un conflitto mondiale non ancora spento.  Salvare vite umane, senza curarsi di quale divisa indossassero, al di là dei meriti o delle colpe, fu una delle sue costanti. Sappiamo che tremila settecento furono i soldati alleati, ma nessuno saprà mai quanti furono i ragazzi di Salò, in fuga dai massacri commessi, che salvò dai mitra comunisti che sparavano su tutto ciò che rappresentava il passato. Come non sapremo mai quanti furono quei  civili che salvò da una giustizia sommaria, solo perché familiari o amici, di gente che aveva collaborato col passato regime fascista. Salvò anche partigiani dalla mannaia di altri partigiani. O preti che durante le loro omelie avevano criticato le emergenti  ideologie staliniste o bolsceviche.

Durante la lotta partigiana, fu in contatto coi fratelli Dossetti, Marconi, Togliatti e tanti altri che si prodigarono per liberare l’Italia dalle catene nazi-fasciste

Si dice che chi salva un uomo, salva tutta l’umanità, e don Carlo di gente ne ha salvata davvero tanta. Peccato che nessuno abbia salvato lui dal grigio anonimato dentro cui scomparve nei decenni successivi. Partigiano e sacerdote  schietto, diretto, scaltro, dallo spirito troppo libero per farsi irretire  nei giochetti dei politici del dopoguerra, si mosse forse negli ambienti ecclesiastici ed in quelli dei partiti nati dalla Resistenza, come un elefante dentro un negozio di porcellane. E i cocci li pagò col suo isolamento. 

Nei trent’anni successivi, fu spedito a fare il parroco nelle sperdute chiesuole  dell’Appennino reggiano, dove ancora tutti lo ricordano come prete allegro e spregiudicato, ma capace di portare a Dio gente che senza di lui in chiesa non ci sarebbe mai entrata.

Morì nel 1977 nella casa canonica di Pianzano, dove riposa nel vicino cimitero, a strapiombo su una vallata che evoca volteggi di aquile e vagabondare di lupi.

Il suo memoriale, scritto dallo stesso don Domenico Orlandini, attorno al 1948, è stato per la prima volta dato alle stampe e divulgato, dalle EDIZIONI DEL NOCE col titolo di “Memoriale di don Carlo,  l’ eroe sconosciuto” .

Speriamo che renda giustizia e notorietà a un grande partigiano, a un grande sacerdote e, soprattutto, a un grande italiano.

News

La lezione di Andrey

La lezione di Andrey

Condividevamo gli stessi sentimenti sulla questione dei diritti umani e sul rifiuto della guerra. Era  iscritto alla nostra associazione.   VIDEO IN RICORDO DI ANDREY MIRONOV   Non era giornalista, pur avendone tutti i requisiti, ma si era creato un ruolo ancora più...

HUMAN RIGHTS Administrator

Continua a leggere

I SEMINOLE - La fierezza di un popolo che non si piegò all’ usurpazione dei bianchi

I SEMINOLE  -  La fierezza di un popolo che non si piegò all’ usurpazione dei bianchi

I Seminole erano una popolazione un tempo stanziata negli odierni stati della Georgia e dell’Alabama, i soli indiani che opposero una strenua resistenza ai coloni bianchi ed ad ogni tentativo di assoggettamento e che non firmarono mai il trattato di...

HUMAN RIGHTS Franco Libero Manco

Continua a leggere

David vs Marco Aurelio. Michelangelo a/e Roma nel 450°della morte

David vs Marco Aurelio. Michelangelo a/e Roma nel 450°della morte

Bella sfida suggestiva, anche se la copia non è bellissima: il David di Michelangelo, contro il Marco Aurelio, pure lui in copia, l’originale è ai Musei Capitolini, nella piazza disegnata dal maestro fiorentino per papa Paolo III Farnese. Ma se...

App.ti culturali Elena Sidoni

Continua a leggere

NON E' UN PAESE PER......

NON E' UN PAESE PER......

No, non alludiamo certo al film dei fratelli Coen, dal titolo “Non è un paese per vecchi”, con un impeccabile Tommy Lee Jones e la straordinaria recitazione di Javier Bardem nelle vesti del più post moderno dei Terminator....   Desideravamo soltanto sottolineare...

Politica Mamerto Morescalchi

Continua a leggere

LA CHIESA E LO SCANDALO DELLA PEDOFILIA: STORICO “MEA CULPA” DI PAPA FRANCESCO

LA CHIESA E LO SCANDALO DELLA PEDOFILIA: STORICO “MEA CULPA” DI PAPA FRANCESCO

E così, una mattina di luglio, papa Francesco ha fatto una cosa grandissima, riuscendo a stupire anche chi, ancora, non si era stupito: durante la Messa in Santa Marta, alla quale hanno partecipato alcune persone vittime di abusi sessuali (provenienti...

HUMAN RIGHTS Roberto Fantini

Continua a leggere

BARCOLANA46 - IL NUOVO PERCORSO DELL’EDIZIONE 2014

BARCOLANA46  -  IL NUOVO PERCORSO DELL’EDIZIONE 2014

   Nei giorni scorsi, è stata presentata, presso la sede della Società velica di Barcola e Grignano, l'edizione 46 della regata velica internazionale Barcolana, che si svolgerà dal 3 al 12 ottobre prossimi nel golfo di Trieste, evento che vede protagonisti...

Sport Administrator

Continua a leggere

COMMERCIO ESTERO: A MAGGIO ITALIA BATTE GERMANIA NEL CAMPIONATO DELL’EXPORT

COMMERCIO ESTERO: A MAGGIO ITALIA BATTE GERMANIA NEL CAMPIONATO DELL’EXPORT

A maggio, +3,1% l’incremento delle esportazioni su base annua contro il +2,3% del competitor tedesco, nei dati destagionalizzati. In ripresa le vendite nei mercati dell’UE (+5,8%), ma sono i mercati al di fuori dell’Unione ad offrire il principale contributo all’attivo...

Economia Administrator

Continua a leggere

Il fascino di antichi riti magico-terapeutici legati a luoghi religiosi del territorio laziale

Il fascino di antichi riti magico-terapeutici legati a luoghi religiosi del territorio laziale

Il ciclo di conferenze Oltre Roma nel Lazio, a cura della Soprintendenza per i beni storici, artistici ed etnoantropologici del Lazio, quest’anno è intitolato e dedicato a I luoghi del sacro. Arte e ritualità nel Lazio segreto. In quest’ambito, nella consueta...

Editoria Elena Sidoni

Continua a leggere

IL CIBO DELL’ALTRO, OVVERO IL PARADISO DEL GOURMAND A FORMELLO

IL CIBO DELL’ALTRO, OVVERO IL PARADISO DEL GOURMAND A FORMELLO

  Sabato 26 e domenica 27 luglio in occasione della manifestazione estiva “Formello osteria diffusa” in Piazza Vittorio Emanuele, nel suggestivo borgo antico del comune di Formello alle porte di Roma, alle ore 21,00 andrà in scena lo spettacolo scritto e...

App.ti culturali Virgilio Violo

Continua a leggere

GERMANIA CAMPIONE DEL MONDO

GERMANIA CAMPIONE DEL MONDO

La Germania conquista la quarta coppa del mondo.   A chiudere e mettere la firma al mondiale delle lacrime, dei morsi, dei cattivi arbitraggi ma soprattutto della “vergogna” per le condizioni alle quali sono costretti i poveri della città, è stato...

Sport Francesco Guzzardi

Continua a leggere

violo1

antonio

marden1

notizie nazionali def

logo .net 2

storieslogo1

matteobarale logo212

da