flag_rotate-03flag_rotate-02flag_rotate-13flag_rotate-12flag_rotate-09
Sabato 24 Aprile 2010 03:37

DON CARLO, IL PRETE COMANDANTE PARTIGIANO CHE LIBERO’ REGGIO EMILIA

Scritto da  Giancarlo Giannotti

DON CARLO, IL PRETE COMANDANTE PARTIGIANO CHE LIBERO’ REGGIO EMILIA



Dal cestino della storia, è riemerso il memoriale di un  grande protagonista della Resistenza: don Domenico Orlandini, fondatore e comandante, col nome di battaglia di “Carlo”, della brigata
partigiana “Fiamme Verdi” che operò nella provincia di Reggio Emilia fino alla liberazione  della città, la sera del 24 aprile 1945.  Fu, a dir poco, un grande che si meritò dal rinato esercito italiano il grado di generale di brigata.

Dagli inglesi, inoltre, gli fu conferita la più alta onorificenza militare britannica, la “Victoria Cross”,  per aver liberato dai campi di prigionia italiani e condotto, a più riprese, al di là delle linee tedesche almeno 3.700 soldati  alleati, tra cui anche il figlio del generale Montgomery.  Già nell’ottobre del 1943, gl’inglesi ebbero subito fiducia in questa sorta di prete ribelle, più propenso all’uniforme che non alla tonaca, tanto che lo addestrarono e lo utilizzarono come agente del loro servizio d’intelligence.

 Nei due anni successivi “Don Carlo”, come ormai tutti lo chiamavano, fu anche il loro referente circa i lanci di materiale bellico e logistico sull’Appennino reggiano, sempre a stretto contatto di agenti inglesi che operavano dietro le linee, nell’Emilia ancora oppressa e massacrata dalle divisioni nazi-fasciste.

Erano i mesi e gli anni della mattanza. Ai massacri si rispondeva con i massacri.  Al sangue col sangue. Le vittime innocenti si aggiungevano ad altre vittime innocenti. All’orrore si sommava altro orrore.

E Il comandante don Carlo, con le sue Fiamme Verdi,  fu uno di quelli che spesso inceppò quella macchina generatrice di morte che fu la guerra  civile dentro un conflitto mondiale non ancora spento.  Salvare vite umane, senza curarsi di quale divisa indossassero, al di là dei meriti o delle colpe, fu una delle sue costanti. Sappiamo che tremila settecento furono i soldati alleati, ma nessuno saprà mai quanti furono i ragazzi di Salò, in fuga dai massacri commessi, che salvò dai mitra comunisti che sparavano su tutto ciò che rappresentava il passato. Come non sapremo mai quanti furono quei  civili che salvò da una giustizia sommaria, solo perché familiari o amici, di gente che aveva collaborato col passato regime fascista. Salvò anche partigiani dalla mannaia di altri partigiani. O preti che durante le loro omelie avevano criticato le emergenti  ideologie staliniste o bolsceviche.

Durante la lotta partigiana, fu in contatto coi fratelli Dossetti, Marconi, Togliatti e tanti altri che si prodigarono per liberare l’Italia dalle catene nazi-fasciste

Si dice che chi salva un uomo, salva tutta l’umanità, e don Carlo di gente ne ha salvata davvero tanta. Peccato che nessuno abbia salvato lui dal grigio anonimato dentro cui scomparve nei decenni successivi. Partigiano e sacerdote  schietto, diretto, scaltro, dallo spirito troppo libero per farsi irretire  nei giochetti dei politici del dopoguerra, si mosse forse negli ambienti ecclesiastici ed in quelli dei partiti nati dalla Resistenza, come un elefante dentro un negozio di porcellane. E i cocci li pagò col suo isolamento. 

Nei trent’anni successivi, fu spedito a fare il parroco nelle sperdute chiesuole  dell’Appennino reggiano, dove ancora tutti lo ricordano come prete allegro e spregiudicato, ma capace di portare a Dio gente che senza di lui in chiesa non ci sarebbe mai entrata.

Morì nel 1977 nella casa canonica di Pianzano, dove riposa nel vicino cimitero, a strapiombo su una vallata che evoca volteggi di aquile e vagabondare di lupi.

Il suo memoriale, scritto dallo stesso don Domenico Orlandini, attorno al 1948, è stato per la prima volta dato alle stampe e divulgato, dalle EDIZIONI DEL NOCE col titolo di “Memoriale di don Carlo,  l’ eroe sconosciuto” .

Speriamo che renda giustizia e notorietà a un grande partigiano, a un grande sacerdote e, soprattutto, a un grande italiano.

News

E L'ITALIA VA....

 E L'ITALIA VA....

 Un po' sullo stile della commedia satirico-drammatica del 1983, dal titolo “E la nave va”, partorita da quel genio della cinematografia che fu Federico Fellini....   Beh, sì, l'Italia va, però noi aggiungeremmo al titolo un più che obbligatorio “per ora”. Momenti insidiosissimi...

Politica Mamerto Morescalchi

Continua a leggere

L.P. Nome e cognome: in scena la vicenda umana e i sentimenti di Luigi Pirandello

L.P. Nome e cognome: in scena la vicenda umana e i sentimenti di Luigi Pirandello

E’ andato in scena al teatro Arvalia di Roma un originale spettacolo scritto e diretto da Luca Pizzurro: L. P. Nome e cognome. Avrei pensato si potesse trattare dell’adattamento di una commedia di Luigi Pirandello, invece ho assistito a qualcosa...

Cinema - teatro Administrator

Continua a leggere

ELEZIONI PRESIDENZIALI ROMENE. SCONFITA DEL PREMIER VICTOR PONTA.

ELEZIONI PRESIDENZIALI ROMENE. SCONFITA DEL PREMIER VICTOR PONTA.

Domenica 16 novembre 2014, nel secondo turno delle elezioni presidenziali il candidato di centro destra, Klaus Iohannis, ha sconfitto il premier Victor Ponta di centro sinistra (che i sondaggi della vigilia davano per favorito). Iohannis si è aggiudicato il 54,4%...

Politica Administrator

Continua a leggere

Cridomh: La compensazione simbolica. Comprendere i “casi” della vita

Cridomh: La compensazione simbolica.  Comprendere i “casi” della vita

  Nessuno si ammala per caso. Ogni malattia avrebbe un senso: l’affermazione è di Groddeck, medico e psicanalista e l’anno è il 1923. Cridohm, “Centro di Ricerche Indipendenti nell’Origine della Miserie Umane”, nasce come progetto di ricerca nel 2011 con l’intento di...

Editoria Silvia Pietrovanni

Continua a leggere

A Valmontone (RM) novembre è il mese della Cultura Pamphilia

A Valmontone (RM) novembre è il mese della Cultura Pamphilia

E’ in corso il mese dedicato alla Cultura Pamphilia. Gli eventi sono legati al recupero-restauro del palazzo barocco che, insieme alla Colleggiata, costituisce il cuore, in senso non solo figurato, di Valmontone. Il palazzo doveva di ventate il punto focale...

App.ti culturali Elena Sidoni

Continua a leggere

Di nuovo visibile al pubblico nei fine settimana la madre di tutte le grottesche: la Domus Aurea

Di nuovo visibile al pubblico nei fine settimana la madre di tutte le grottesche: la Domus Aurea

C’era una volta un ragazzo che passeggiando sul Colle Oppio, a Roma, d’improvviso cadde in un buco del terreno. Ripresosi dallo spavento iniziale e abituati gli occhi al buio, con stupore credette di essere finito in un mondo sotterraneo e...

App.ti culturali Elena Sidoni

Continua a leggere

COMMERCIO ESTERO: GLI STATI UNITI TRAINANO IL MADE IN ITALY

COMMERCIO ESTERO: GLI STATI UNITI TRAINANO IL MADE IN ITALY

A settembre, l’export nei mercati extra-UE traina le vendite (+ 3,3% rispetto ad agosto), grazie soprattutto al mercato statunitense (+13,3%). Tra i settori, forte surplus dei macchinari nei primi nove mesi dell’anno (36,8 miliardi di euro) Roma, 17 novembre 2014...

Economia Administrator

Continua a leggere

Merano è sempre Merano!

Merano è sempre Merano!

Il Merano Wine Festival ha chiuso i battenti in un tripudio di consensi. Ancora una volta merita il titolo di “Evento dell’Eccellenza”. “Lo Scrigno”, così definito, si è aperto Venerdì 7 novembre. Il Kurhaus e la Sissi Promenade, che hanno...

Enogastronomia Urano Cupisti

Continua a leggere

Nino! Al museo di Roma la mostra dedicata a Manfredi

Nino! Al museo di Roma la mostra dedicata a Manfredi

Il Museo di Roma conserva la memoria della città: opere, frammenti, foto di ciò che era e non è più. Il Palazzo Braschi, ora sede delle collezioni, è stato commissionato da papa Pio VI a fine '700. Poi ha partecipato...

App.ti culturali Elena Sidoni

Continua a leggere

Il mondo con gli occhi di Gospodin, l’anti-eroe che combatte il capitalismo

Il mondo con gli occhi di Gospodin,  l’anti-eroe che combatte il capitalismo

Giorgio Barberio Corsetti, regista originale e visionario, ci conduce per mano in uno straordinario viaggio nella società contemporanea, schiavizzata dal consumismo, vista con la purezza e l’intransigenza di chi ha scelto di vivere nella coerenza delle proprie idee: Gospodin, interpretato...

Cinema - teatro Administrator

Continua a leggere

 

violo1

antonio

mironov1

notizie nazionali def

logo .net 2

storieslogo1

matteobarale logo212

da