flag_rotate-03flag_rotate-02flag_rotate-13flag_rotate-12flag_rotate-09
Sabato 24 Aprile 2010 03:37

DON CARLO, IL PRETE COMANDANTE PARTIGIANO CHE LIBERO’ REGGIO EMILIA

Scritto da  Giancarlo Giannotti

DON CARLO, IL PRETE COMANDANTE PARTIGIANO CHE LIBERO’ REGGIO EMILIA



Dal cestino della storia, è riemerso il memoriale di un  grande protagonista della Resistenza: don Domenico Orlandini, fondatore e comandante, col nome di battaglia di “Carlo”, della brigata
partigiana “Fiamme Verdi” che operò nella provincia di Reggio Emilia fino alla liberazione  della città, la sera del 24 aprile 1945.  Fu, a dir poco, un grande che si meritò dal rinato esercito italiano il grado di generale di brigata.

Dagli inglesi, inoltre, gli fu conferita la più alta onorificenza militare britannica, la “Victoria Cross”,  per aver liberato dai campi di prigionia italiani e condotto, a più riprese, al di là delle linee tedesche almeno 3.700 soldati  alleati, tra cui anche il figlio del generale Montgomery.  Già nell’ottobre del 1943, gl’inglesi ebbero subito fiducia in questa sorta di prete ribelle, più propenso all’uniforme che non alla tonaca, tanto che lo addestrarono e lo utilizzarono come agente del loro servizio d’intelligence.

 Nei due anni successivi “Don Carlo”, come ormai tutti lo chiamavano, fu anche il loro referente circa i lanci di materiale bellico e logistico sull’Appennino reggiano, sempre a stretto contatto di agenti inglesi che operavano dietro le linee, nell’Emilia ancora oppressa e massacrata dalle divisioni nazi-fasciste.

Erano i mesi e gli anni della mattanza. Ai massacri si rispondeva con i massacri.  Al sangue col sangue. Le vittime innocenti si aggiungevano ad altre vittime innocenti. All’orrore si sommava altro orrore.

E Il comandante don Carlo, con le sue Fiamme Verdi,  fu uno di quelli che spesso inceppò quella macchina generatrice di morte che fu la guerra  civile dentro un conflitto mondiale non ancora spento.  Salvare vite umane, senza curarsi di quale divisa indossassero, al di là dei meriti o delle colpe, fu una delle sue costanti. Sappiamo che tremila settecento furono i soldati alleati, ma nessuno saprà mai quanti furono i ragazzi di Salò, in fuga dai massacri commessi, che salvò dai mitra comunisti che sparavano su tutto ciò che rappresentava il passato. Come non sapremo mai quanti furono quei  civili che salvò da una giustizia sommaria, solo perché familiari o amici, di gente che aveva collaborato col passato regime fascista. Salvò anche partigiani dalla mannaia di altri partigiani. O preti che durante le loro omelie avevano criticato le emergenti  ideologie staliniste o bolsceviche.

Durante la lotta partigiana, fu in contatto coi fratelli Dossetti, Marconi, Togliatti e tanti altri che si prodigarono per liberare l’Italia dalle catene nazi-fasciste

Si dice che chi salva un uomo, salva tutta l’umanità, e don Carlo di gente ne ha salvata davvero tanta. Peccato che nessuno abbia salvato lui dal grigio anonimato dentro cui scomparve nei decenni successivi. Partigiano e sacerdote  schietto, diretto, scaltro, dallo spirito troppo libero per farsi irretire  nei giochetti dei politici del dopoguerra, si mosse forse negli ambienti ecclesiastici ed in quelli dei partiti nati dalla Resistenza, come un elefante dentro un negozio di porcellane. E i cocci li pagò col suo isolamento. 

Nei trent’anni successivi, fu spedito a fare il parroco nelle sperdute chiesuole  dell’Appennino reggiano, dove ancora tutti lo ricordano come prete allegro e spregiudicato, ma capace di portare a Dio gente che senza di lui in chiesa non ci sarebbe mai entrata.

Morì nel 1977 nella casa canonica di Pianzano, dove riposa nel vicino cimitero, a strapiombo su una vallata che evoca volteggi di aquile e vagabondare di lupi.

Il suo memoriale, scritto dallo stesso don Domenico Orlandini, attorno al 1948, è stato per la prima volta dato alle stampe e divulgato, dalle EDIZIONI DEL NOCE col titolo di “Memoriale di don Carlo,  l’ eroe sconosciuto” .

Speriamo che renda giustizia e notorietà a un grande partigiano, a un grande sacerdote e, soprattutto, a un grande italiano.

News

COMMERCIO ESTERO: MADE IN ITALY IN AFFANNO SUI MERCATI ESTERI

COMMERCIO ESTERO: MADE IN ITALY IN AFFANNO SUI MERCATI ESTERI

Calo delle vendite per i nostri prodotti nei Paesi Extra-UE: a luglio, riduzione del 2,6% rispetto al mese precedente. Nei primi sette mesi dell’anno, però, l’Italia è l’unico Paese insieme alla Germania, tra i principali esportatori europei, ad incrementare l’export...

Economia Administrator

Continua a leggere

Marguerite Rigoglioso Partenogenesi : il culto della nascita divina nell’antica Grecia

Marguerite Rigoglioso  Partenogenesi : il culto della nascita divina nell’antica Grecia

L’ipotesi è rivoluzionaria e provocatoria: che determinati ordini sacerdotali dell’antica Grecia potessero essere specializzati nel tentativo di concepire nuove vite in svariati modi non-ordinari com’elevata pratica spirituale. Alcune donne erano capaci di concepire senza il seme maschile generando figlie femminine...

Editoria Silvia Pietrovanni

Continua a leggere

ROMA, MILAN E JUVE A PUNTEGGIO PIENO

ROMA, MILAN E JUVE A PUNTEGGIO PIENO

  Doppia vittoria di Roma e Juve negli anticipi di sabato che continuano la loro corsa in testa alla classifica, goleada dell’Inter in casa col Sassuolo per 7-0 con tripletta di Mauro Icardi, Fiorentina bloccata sul pareggio in casa dal Genoa...

Sport Francesco Guzzardi

Continua a leggere

Il Leone d'Oro della Mostra di Venezia 2014 lo vince il regista svedese Roy Andersson

Il Leone d'Oro della Mostra di Venezia 2014 lo vince il regista svedese Roy Andersson

Il titolo originale del film che ha vinto il premio più ambito alla Mostra internazionale del Cinema di Venezia 71 è “A pigeon sat on a branch reflectiong on existence” (Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza). Dal palco...

Cinema - teatro Administrator

Continua a leggere

IL TESSUTO CHE NASCE DALLE ARANCE – UNA FIBRA RIVOLUZIONARIA SARA’ PRESENTATA DOMANI A MILANO

IL TESSUTO CHE NASCE DALLE ARANCE – UNA FIBRA RIVOLUZIONARIA SARA’ PRESENTATA DOMANI A MILANO

           Profumerà di fiori d’arancio? Chi lo sa ? E’ ancora un mistero. Un mistero profumato che verrà svelato domani, a Milano, dalla giornalista siciliana ( e non poteva essere che tale) Patrizia Agata Saccone. Sarà infatti lei, alla vigilia...

Moda Elisa Starace Pietroni

Continua a leggere

CONVERSAZIONE CON SARA CULZONI*, AUTRICE DI BEIT DABAR

CONVERSAZIONE CON SARA CULZONI*, AUTRICE DI BEIT DABAR

       A distanza di un anno dall’importante riconoscimento ottenuto all’interno del Premio Internazionale ETICA IN ATTO di Pescara, per la sua opera Il poeta di Gjakova, Sara Culzoni ci regala il suo primo libro, Beit Dabar , confermandosi scrittrice dalla raffinata...

Editoria Roberto Fantini

Continua a leggere

Pianeta Urano - Frammenti cosmici n. 28

Pianeta Urano -  Frammenti cosmici  n. 28

Frammenti che orbitano qua e là, individuati, carpiti; li commento e condivido con voi. Un pensiero Enoico… Quando io bevo penso, quando penso bevo!   François Rabelais (circa 1494 – 1553)   Frammento n. 1   20-21 Settembre 2014 - Festival Franciacorta in Cantina Il Festival Franciacorta in...

Enogastronomia Urano Cupisti

Continua a leggere

ENCEFALOGRAMMA PIATTO

ENCEFALOGRAMMA PIATTO

Eh sì, se si potessero paragonare i riflessi vitali di un uomo ormai trapassato, con quelli dello Sviluppo, della Produttività e del Lavoro nel nostro Paese....   Un'emorragia che sembrerebbe inarrestabile e che, come più volte abbiamo sottolineato, nessun “ospedale italiano” potrebbe...

Politica Mamerto Morescalchi

Continua a leggere

MARINA - NOI, GLI ALTRI, GLI ANIMALI

MARINA - NOI, GLI ALTRI, GLI ANIMALI

Un messaggio di saggia speranza, dalla parte di tutti i “diversi” Lucia Calzà si presenta così: “ Non sono una scrittrice, non sono una cronista, non sono una ricercatrice di professione, né una studiosa di alcunché. Non sono una persona colta, non...

HUMAN RIGHTS Roberto Fantini

Continua a leggere

IO VORREI, NON VORREI....MA SE VUOI

IO VORREI, NON VORREI....MA SE VUOI

Proprio come nella celebre canzone di Battisti-Mogol, l'opulento Mondo Occidentale è incerto e diviso sul da farsi; non trova convergenze su come e per come uscire da una crisi economica che, per esempio, sta rischiando seriamente di travolgere l'Unione Europea,...

Politica Mamerto Morescalchi

Continua a leggere

 

violo1

antonio

mironov1

notizie nazionali def

logo .net 2

storieslogo1

matteobarale logo212

da