flag_rotate-03flag_rotate-02flag_rotate-13flag_rotate-12flag_rotate-09
Sabato 24 Aprile 2010 03:37

DON CARLO, IL PRETE COMANDANTE PARTIGIANO CHE LIBERO’ REGGIO EMILIA

Scritto da  Giancarlo Giannotti

DON CARLO, IL PRETE COMANDANTE PARTIGIANO CHE LIBERO’ REGGIO EMILIA



Dal cestino della storia, è riemerso il memoriale di un  grande protagonista della Resistenza: don Domenico Orlandini, fondatore e comandante, col nome di battaglia di “Carlo”, della brigata
partigiana “Fiamme Verdi” che operò nella provincia di Reggio Emilia fino alla liberazione  della città, la sera del 24 aprile 1945.  Fu, a dir poco, un grande che si meritò dal rinato esercito italiano il grado di generale di brigata.

Dagli inglesi, inoltre, gli fu conferita la più alta onorificenza militare britannica, la “Victoria Cross”,  per aver liberato dai campi di prigionia italiani e condotto, a più riprese, al di là delle linee tedesche almeno 3.700 soldati  alleati, tra cui anche il figlio del generale Montgomery.  Già nell’ottobre del 1943, gl’inglesi ebbero subito fiducia in questa sorta di prete ribelle, più propenso all’uniforme che non alla tonaca, tanto che lo addestrarono e lo utilizzarono come agente del loro servizio d’intelligence.

 Nei due anni successivi “Don Carlo”, come ormai tutti lo chiamavano, fu anche il loro referente circa i lanci di materiale bellico e logistico sull’Appennino reggiano, sempre a stretto contatto di agenti inglesi che operavano dietro le linee, nell’Emilia ancora oppressa e massacrata dalle divisioni nazi-fasciste.

Erano i mesi e gli anni della mattanza. Ai massacri si rispondeva con i massacri.  Al sangue col sangue. Le vittime innocenti si aggiungevano ad altre vittime innocenti. All’orrore si sommava altro orrore.

E Il comandante don Carlo, con le sue Fiamme Verdi,  fu uno di quelli che spesso inceppò quella macchina generatrice di morte che fu la guerra  civile dentro un conflitto mondiale non ancora spento.  Salvare vite umane, senza curarsi di quale divisa indossassero, al di là dei meriti o delle colpe, fu una delle sue costanti. Sappiamo che tremila settecento furono i soldati alleati, ma nessuno saprà mai quanti furono i ragazzi di Salò, in fuga dai massacri commessi, che salvò dai mitra comunisti che sparavano su tutto ciò che rappresentava il passato. Come non sapremo mai quanti furono quei  civili che salvò da una giustizia sommaria, solo perché familiari o amici, di gente che aveva collaborato col passato regime fascista. Salvò anche partigiani dalla mannaia di altri partigiani. O preti che durante le loro omelie avevano criticato le emergenti  ideologie staliniste o bolsceviche.

Durante la lotta partigiana, fu in contatto coi fratelli Dossetti, Marconi, Togliatti e tanti altri che si prodigarono per liberare l’Italia dalle catene nazi-fasciste

Si dice che chi salva un uomo, salva tutta l’umanità, e don Carlo di gente ne ha salvata davvero tanta. Peccato che nessuno abbia salvato lui dal grigio anonimato dentro cui scomparve nei decenni successivi. Partigiano e sacerdote  schietto, diretto, scaltro, dallo spirito troppo libero per farsi irretire  nei giochetti dei politici del dopoguerra, si mosse forse negli ambienti ecclesiastici ed in quelli dei partiti nati dalla Resistenza, come un elefante dentro un negozio di porcellane. E i cocci li pagò col suo isolamento. 

Nei trent’anni successivi, fu spedito a fare il parroco nelle sperdute chiesuole  dell’Appennino reggiano, dove ancora tutti lo ricordano come prete allegro e spregiudicato, ma capace di portare a Dio gente che senza di lui in chiesa non ci sarebbe mai entrata.

Morì nel 1977 nella casa canonica di Pianzano, dove riposa nel vicino cimitero, a strapiombo su una vallata che evoca volteggi di aquile e vagabondare di lupi.

Il suo memoriale, scritto dallo stesso don Domenico Orlandini, attorno al 1948, è stato per la prima volta dato alle stampe e divulgato, dalle EDIZIONI DEL NOCE col titolo di “Memoriale di don Carlo,  l’ eroe sconosciuto” .

Speriamo che renda giustizia e notorietà a un grande partigiano, a un grande sacerdote e, soprattutto, a un grande italiano.

News

Cinema e sociale: torna Lo Spiraglio FilmFestival della Salute Mentale

Cinema e sociale: torna Lo Spiraglio FilmFestival della Salute Mentale

Tra i Premiati della V edizione il regista e attore Sergio Castellitto Torna a Roma, presso il MAXXI – Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo, dal 9 all’11 aprile 2015, l’appuntamento di corti e lungometraggi sul tema della...

Cinema - teatro Administrator

Continua a leggere

IL RAPPORTO 2014-2015 DI AMNESTY INTERNATIONAL

IL RAPPORTO 2014-2015 DI AMNESTY INTERNATIONAL

  Conversazione con Riccardo Noury   Da lunghi decenni, oramai, la pubblicazione del Rapporto Annuale di Amnesty International rappresenta, per chiunque abbia a cuore le condizioni di salute dei diritti umani nel mondo, un appuntamento irrinunciabile. L'ultimo Rapporto*, pubblicato in Italia lo...

HUMAN RIGHTS Roberto Fantini

Continua a leggere

Grecia: chi ha vinto e chi ha perso?

Grecia: chi ha vinto e chi ha perso?

Una personale valutazione della trattativa tra Grecia e Eurogruppo. Qui in Grecia stiamo vivendo una guerra di trincea. Simile a quella della Prima Guerra Mondiale. Difficile valutare chi sta vincendo e chi sta perdendo. Sicuramente sembra essere destinata a durare ancora...

Politica Administrator

Continua a leggere

ARRIVEDERCI ROMA

ARRIVEDERCI ROMA

Dopo l’en plain infrasettimanale di Uefa League, grazie al quale Napoli, Inter, Fiorentina, Torino e Roma hanno raccolto tutte una vittoria che vale loro la qualificazione ai prossimi quarti di finale, l’ennesimo turno di campionato oltre ad iniziare in ritardo...

Sport Francesco Guzzardi

Continua a leggere

Boris Nemstov - tutti allineati i media occidentali .... ma nessuno indaga veramente!

 Boris Nemstov - tutti allineati i media occidentali .... ma nessuno indaga veramente!

Ogni volta che scompare una vita – ancor più se in modo violento – si origina un motivo di tristezza. Almeno questo accade tra le  persone civili che hanno voglia di distinguersi dagli orrori che compiono i seguaci del Califfo...

Politica Administrator

Continua a leggere

Chiuderà in bellezza e in musica la mostra di strumenti a Palazzo Venezia a Roma

Chiuderà in bellezza e in musica la mostra di strumenti a Palazzo Venezia a Roma

  Sta per chiudersi a palazzo Venezia a Roma la mostra Alla ricerca dei suoni perduti. Una selezione degli strumenti musicali, parte della collezione di Fernanda Giulini, è esposta nelle sale del museo. La tradizionale querelle su quale sia la più importante...

App.ti culturali Elena Sidoni

Continua a leggere

Pianeta Urano - Frammenti cosmici n. 34

Pianeta Urano -   Frammenti cosmici  n. 34

Frammenti che orbitano qua e là, individuati, carpiti; li commento e condivido con voi. ODE al VINO di Stephane Mallarné Nulla, una schiuma, vergine verso solo a indicare la coppa; così al largo si tuffa una frotta di sirene, taluna riversa.   Noi navighiamo, o miei diversi amici,...

Enogastronomia Urano Cupisti

Continua a leggere

TUTTO DIPENDE DAL CUORE

TUTTO DIPENDE DAL CUORE

SE DECIDI DI ESSERE MIGLIORE STAI GIA’ MODIFICANDO L’UNIVERSO Non v’è pensiero che non sia condizionato dal cuore, la parte di noi che più di ogni altra qualifica il nostro livello di sensibilità (frutto della nostra vera evoluzione interiore) mai...

Spiritualitá Franco Libero Manco

Continua a leggere

NESSUNO TIENE IL PASSO DELLA JUVENTUS

NESSUNO TIENE IL PASSO DELLA JUVENTUS

Dopo la scorpacciata infrasettimanale di Uefa League, alla quale hanno partecipato Torino, Inter, Roma, Fiorentina, che hanno pareggiato, e il Napoli che ha stravinto contro i turchi dello Trabzonpor, la Roma continua a perdere terreno dalla Juventus che, al contrario,...

Sport Francesco Guzzardi

Continua a leggere

Medichesse: la vocazione femminile alla cura

Medichesse: la vocazione femminile alla cura

  Se gli uomini hanno dominato l'universo delle parole, le donne hanno avuto il potere sul mondo delle cose. Caterina Sforza, Maria l'Ebrea, Trotula de Ruggiero, Merit ptah, Agnodice, Jacopa Felice, Metrodora, Morgana, Elena, Circe e Medea: nomi noti, nomi sconosciuti: cosa...

Editoria Silvia Pietrovanni

Continua a leggere

 

violo1

antonio

mironov1

notizie nazionali def

logo .net 2

storieslogo1

matteobarale logo212

da