flag_rotate-03flag_rotate-02flag_rotate-13flag_rotate-12flag_rotate-09
Sabato 24 Aprile 2010 03:37

DON CARLO, IL PRETE COMANDANTE PARTIGIANO CHE LIBERO’ REGGIO EMILIA

Scritto da  Giancarlo Giannotti

DON CARLO, IL PRETE COMANDANTE PARTIGIANO CHE LIBERO’ REGGIO EMILIA



Dal cestino della storia, è riemerso il memoriale di un  grande protagonista della Resistenza: don Domenico Orlandini, fondatore e comandante, col nome di battaglia di “Carlo”, della brigata
partigiana “Fiamme Verdi” che operò nella provincia di Reggio Emilia fino alla liberazione  della città, la sera del 24 aprile 1945.  Fu, a dir poco, un grande che si meritò dal rinato esercito italiano il grado di generale di brigata.

Dagli inglesi, inoltre, gli fu conferita la più alta onorificenza militare britannica, la “Victoria Cross”,  per aver liberato dai campi di prigionia italiani e condotto, a più riprese, al di là delle linee tedesche almeno 3.700 soldati  alleati, tra cui anche il figlio del generale Montgomery.  Già nell’ottobre del 1943, gl’inglesi ebbero subito fiducia in questa sorta di prete ribelle, più propenso all’uniforme che non alla tonaca, tanto che lo addestrarono e lo utilizzarono come agente del loro servizio d’intelligence.

 Nei due anni successivi “Don Carlo”, come ormai tutti lo chiamavano, fu anche il loro referente circa i lanci di materiale bellico e logistico sull’Appennino reggiano, sempre a stretto contatto di agenti inglesi che operavano dietro le linee, nell’Emilia ancora oppressa e massacrata dalle divisioni nazi-fasciste.

Erano i mesi e gli anni della mattanza. Ai massacri si rispondeva con i massacri.  Al sangue col sangue. Le vittime innocenti si aggiungevano ad altre vittime innocenti. All’orrore si sommava altro orrore.

E Il comandante don Carlo, con le sue Fiamme Verdi,  fu uno di quelli che spesso inceppò quella macchina generatrice di morte che fu la guerra  civile dentro un conflitto mondiale non ancora spento.  Salvare vite umane, senza curarsi di quale divisa indossassero, al di là dei meriti o delle colpe, fu una delle sue costanti. Sappiamo che tremila settecento furono i soldati alleati, ma nessuno saprà mai quanti furono i ragazzi di Salò, in fuga dai massacri commessi, che salvò dai mitra comunisti che sparavano su tutto ciò che rappresentava il passato. Come non sapremo mai quanti furono quei  civili che salvò da una giustizia sommaria, solo perché familiari o amici, di gente che aveva collaborato col passato regime fascista. Salvò anche partigiani dalla mannaia di altri partigiani. O preti che durante le loro omelie avevano criticato le emergenti  ideologie staliniste o bolsceviche.

Durante la lotta partigiana, fu in contatto coi fratelli Dossetti, Marconi, Togliatti e tanti altri che si prodigarono per liberare l’Italia dalle catene nazi-fasciste

Si dice che chi salva un uomo, salva tutta l’umanità, e don Carlo di gente ne ha salvata davvero tanta. Peccato che nessuno abbia salvato lui dal grigio anonimato dentro cui scomparve nei decenni successivi. Partigiano e sacerdote  schietto, diretto, scaltro, dallo spirito troppo libero per farsi irretire  nei giochetti dei politici del dopoguerra, si mosse forse negli ambienti ecclesiastici ed in quelli dei partiti nati dalla Resistenza, come un elefante dentro un negozio di porcellane. E i cocci li pagò col suo isolamento. 

Nei trent’anni successivi, fu spedito a fare il parroco nelle sperdute chiesuole  dell’Appennino reggiano, dove ancora tutti lo ricordano come prete allegro e spregiudicato, ma capace di portare a Dio gente che senza di lui in chiesa non ci sarebbe mai entrata.

Morì nel 1977 nella casa canonica di Pianzano, dove riposa nel vicino cimitero, a strapiombo su una vallata che evoca volteggi di aquile e vagabondare di lupi.

Il suo memoriale, scritto dallo stesso don Domenico Orlandini, attorno al 1948, è stato per la prima volta dato alle stampe e divulgato, dalle EDIZIONI DEL NOCE col titolo di “Memoriale di don Carlo,  l’ eroe sconosciuto” .

Speriamo che renda giustizia e notorietà a un grande partigiano, a un grande sacerdote e, soprattutto, a un grande italiano.

News

Le “QUATTRO LIBERTA’ FONDAMENTALI”: quanta libertà c’è nel nostro mondo?

Le “QUATTRO LIBERTA’ FONDAMENTALI”:  quanta libertà c’è nel nostro mondo?

  Quando si parla delle origini della Cultura dei Diritti umani, è assai rado che si ometta il riferimento al celebre discorso in cui, F.D.Roosevelt, nel gennaio del 1941, rivolgendosi al Congresso degli U.S.A. e delineando quelle che avrebbero dovuto costituire...

HUMAN RIGHTS Roberto Fantini

Continua a leggere

Pianeta Urano - Frammenti cosmici n. 29

Pianeta Urano - Frammenti cosmici  n. 29

  Frammenti che orbitano qua e là, individuati, carpiti; li commento e condivido con voi. Un pensiero Enoico… Les bouteilles de champagne contenaient de l’ecstasy liquide Merano Wine Festival si avvicina   “Gioielli, finemente cesellati da mesi, ora possiamo ammirarli. New York e Chicago, il...

Enogastronomia Urano Cupisti

Continua a leggere

Impressioni e riflessioni al ritorno dalla Champagne.

Impressioni e riflessioni al ritorno dalla Champagne.

una coerenza, una serietà, un credo, un “ fare sistema” da fare invidia.   Un gruppo di diversamente giovani e dalla variegata estrazione professionale si è formato quasi per caso per partecipare al gran Tour Champagne, sotto la spinta e lo stimolo...

Enogastronomia Administrator

Continua a leggere

CAPTALOONA, IL MONDO SOSPESO DI CLAUDIO FIORENTINI

CAPTALOONA, IL MONDO SOSPESO DI CLAUDIO FIORENTINI

Addentrarsi nelle strade di Captaloona, città in passato tutta parchi, piena di fiori tutto l'anno, significa secondo il ricordo di uno dei personaggi che l'ha abitata, venire proiettati in una dimensione in apparenza esemplare, dove la cultura e la bellezza...

Editoria Administrator

Continua a leggere

Un cupo presagio

Un cupo presagio

Siamo, come si direbbe, “alle porte coi sassi”, in una situazione di apparente, e forse anche di reale, non ritorno: la feroce crisi economica che stiamo vivendo ha scavato un profondo solco nel tessuto connettivo della nostra società, tra lavoratori...

Politica Mamerto Morescalchi

Continua a leggere

Roma - presentato il dossier statistico Immigrazione 2014, "Dalla discriminazione ai diritti"

Roma - presentato il dossier statistico Immigrazione 2014,

Mercoledì, 29 ottobre 2014, è stato presentato presso il Teatro "Orione" di Roma il Dossier Statistico Immigrazione 2014, il "Rapporto UNAR- Dalla discriminazione ai diritti", a cura del Centro Studi e Ricerche IDOS. Alla presentazione sono intervenuti; Giovanna Martelli, Consigliere...

HUMAN RIGHTS Administrator

Continua a leggere

Roma: teatro amatoriale - la compagnia "Fuori tempo Massimo" premiata per i migliori attori caratteristi e come attori protagonisti

Roma: teatro amatoriale - la compagnia

Domenica scorsa si è conclusa la rassegna di teatro Amatoriale "Un palco per tutti", arrivata alla seconda edizione, presso l'auditorium di Santa Chiara organizzata dal cral dell'Inps a Roma, e che ha visto cimentarsi compagnie emergenti, sia romane che di altre città....

Cinema - teatro Administrator

Continua a leggere

SAMPDORIA E UDINESE ALLA SPALLE DEL DUO JUVE-ROMA

SAMPDORIA E UDINESE ALLA SPALLE DEL DUO JUVE-ROMA

Juventus e Roma continuano il duello a distanza ma va meglio ai bianconeri che mantengono tre punti di vantaggio sui giallorossi. Ancora una ottima prestazione della squadra guidata d Sinisa Mihajlovic, infatti i blucerchiati mettono paura alla Roma e mantengono...

Sport Francesco Guzzardi

Continua a leggere

Misure alternative al carcere per i tossicodipendenti, se ne discute a Roma, a Villa Maraini.Significativo intervento di don Ciotti

Misure alternative al carcere per i tossicodipendenti, se ne discute a Roma, a Villa Maraini.Significativo intervento di don Ciotti

   I Ser.T, un dramma nel dramma dei familiari dei minorenni. Lo sfogo di due genitori.   Nel 2013 il numero dei detenuti nelle carceri italiane ammontava a circa 67.000 contro i circa 45.000 posti regolamentari, la percentuale media di sovraffollamento quindi...

Salute Virgilio Violo

Continua a leggere

LA LETTERA SCARLATTA DI JOSE' MANUEL BARROSO

LA LETTERA SCARLATTA DI JOSE' MANUEL BARROSO

Beh, non è quella indirizzata all'allora peccaminosa Hester Prynne del New Elgland, anche se, è il caso di affermarlo, Matteo Renzi un po' peccaminoso si sforzi sempre di essere, anche quando non ce ne sarebbe affatto bisogno; poichè, in Politica,...

Politica Mamerto Morescalchi

Continua a leggere

 

violo1

antonio

mironov1

notizie nazionali def

logo .net 2

storieslogo1

matteobarale logo212

da