flag_rotate-03flag_rotate-02flag_rotate-13flag_rotate-12flag_rotate-09
Sabato 24 Aprile 2010 03:37

DON CARLO, IL PRETE COMANDANTE PARTIGIANO CHE LIBERO’ REGGIO EMILIA

Scritto da  Giancarlo Giannotti

DON CARLO, IL PRETE COMANDANTE PARTIGIANO CHE LIBERO’ REGGIO EMILIA



Dal cestino della storia, è riemerso il memoriale di un  grande protagonista della Resistenza: don Domenico Orlandini, fondatore e comandante, col nome di battaglia di “Carlo”, della brigata
partigiana “Fiamme Verdi” che operò nella provincia di Reggio Emilia fino alla liberazione  della città, la sera del 24 aprile 1945.  Fu, a dir poco, un grande che si meritò dal rinato esercito italiano il grado di generale di brigata.

Dagli inglesi, inoltre, gli fu conferita la più alta onorificenza militare britannica, la “Victoria Cross”,  per aver liberato dai campi di prigionia italiani e condotto, a più riprese, al di là delle linee tedesche almeno 3.700 soldati  alleati, tra cui anche il figlio del generale Montgomery.  Già nell’ottobre del 1943, gl’inglesi ebbero subito fiducia in questa sorta di prete ribelle, più propenso all’uniforme che non alla tonaca, tanto che lo addestrarono e lo utilizzarono come agente del loro servizio d’intelligence.

 Nei due anni successivi “Don Carlo”, come ormai tutti lo chiamavano, fu anche il loro referente circa i lanci di materiale bellico e logistico sull’Appennino reggiano, sempre a stretto contatto di agenti inglesi che operavano dietro le linee, nell’Emilia ancora oppressa e massacrata dalle divisioni nazi-fasciste.

Erano i mesi e gli anni della mattanza. Ai massacri si rispondeva con i massacri.  Al sangue col sangue. Le vittime innocenti si aggiungevano ad altre vittime innocenti. All’orrore si sommava altro orrore.

E Il comandante don Carlo, con le sue Fiamme Verdi,  fu uno di quelli che spesso inceppò quella macchina generatrice di morte che fu la guerra  civile dentro un conflitto mondiale non ancora spento.  Salvare vite umane, senza curarsi di quale divisa indossassero, al di là dei meriti o delle colpe, fu una delle sue costanti. Sappiamo che tremila settecento furono i soldati alleati, ma nessuno saprà mai quanti furono i ragazzi di Salò, in fuga dai massacri commessi, che salvò dai mitra comunisti che sparavano su tutto ciò che rappresentava il passato. Come non sapremo mai quanti furono quei  civili che salvò da una giustizia sommaria, solo perché familiari o amici, di gente che aveva collaborato col passato regime fascista. Salvò anche partigiani dalla mannaia di altri partigiani. O preti che durante le loro omelie avevano criticato le emergenti  ideologie staliniste o bolsceviche.

Durante la lotta partigiana, fu in contatto coi fratelli Dossetti, Marconi, Togliatti e tanti altri che si prodigarono per liberare l’Italia dalle catene nazi-fasciste

Si dice che chi salva un uomo, salva tutta l’umanità, e don Carlo di gente ne ha salvata davvero tanta. Peccato che nessuno abbia salvato lui dal grigio anonimato dentro cui scomparve nei decenni successivi. Partigiano e sacerdote  schietto, diretto, scaltro, dallo spirito troppo libero per farsi irretire  nei giochetti dei politici del dopoguerra, si mosse forse negli ambienti ecclesiastici ed in quelli dei partiti nati dalla Resistenza, come un elefante dentro un negozio di porcellane. E i cocci li pagò col suo isolamento. 

Nei trent’anni successivi, fu spedito a fare il parroco nelle sperdute chiesuole  dell’Appennino reggiano, dove ancora tutti lo ricordano come prete allegro e spregiudicato, ma capace di portare a Dio gente che senza di lui in chiesa non ci sarebbe mai entrata.

Morì nel 1977 nella casa canonica di Pianzano, dove riposa nel vicino cimitero, a strapiombo su una vallata che evoca volteggi di aquile e vagabondare di lupi.

Il suo memoriale, scritto dallo stesso don Domenico Orlandini, attorno al 1948, è stato per la prima volta dato alle stampe e divulgato, dalle EDIZIONI DEL NOCE col titolo di “Memoriale di don Carlo,  l’ eroe sconosciuto” .

Speriamo che renda giustizia e notorietà a un grande partigiano, a un grande sacerdote e, soprattutto, a un grande italiano.

News

Il Rapporto Italiani nel mondo giunge alla nona edizione

Il Rapporto Italiani nel mondo giunge alla nona edizione

Presentato il Rapporto Italiani nel mondo 2014, curato dalla Fondazione Migrantes per i tipi della Tau. Il corposo volume si propone come strumento culturale per la diffusione della conoscenza dell'emigrazione italiana nel passato e della mobilità attuale degli italiani. La...

In primo piano Elena Sidoni

Continua a leggere

Camere di commercio, l’Italia cresce sui mercati esteri:oltre 2mila imprese esportatrici in più in un anno Cinque drivers d’impegno del sistema camerale

Camere di commercio, l’Italia cresce sui mercati esteri:oltre 2mila imprese esportatrici in più in un anno  Cinque drivers d’impegno del sistema camerale

Roma, 23 ottobre 2014 – La crisi dei consumi interni ha spinto nell’ultimo anno le imprese italiane a cercare, con maggior forza rispetto al passato, nuovi sbocchi di mercato avvantaggiandosi anche dell’indebolimento dell’euro. Lo dimostrano i dati resi noti in...

Economia Administrator

Continua a leggere

Forte dei Marmi celebra il suo centenario con “arselle e vermentino”

Forte dei Marmi celebra il suo centenario con “arselle e vermentino”

Elevato a piatto simbolo anzi “PiattoForte” a rappresentare quella ricetta “fatta propria” nel solco di una tradizione che, a dire il vero, investe tutto l’arenile della Versilia. Ma i “fortemarmini” fanno notare che in altri “luoghi” (senza mentovare Viareggio in...

Enogastronomia Urano Cupisti

Continua a leggere

La cultura un motore o un peso per lo sviluppo economico ? riflessioni dopo IL FORUM UNESCO di Firenze

La cultura un motore o un peso per lo sviluppo economico ?  riflessioni dopo IL FORUM UNESCO di Firenze

    Cultura sì ? Cultura no? Che il dilemma oggi sia vivo lo dimostra anche la scelta dell’UNESCO di affrontare il tema nel FORUM mondiale tenuto a Firenze dal 2 al 4 ottobre sul tema “Cultura, Creatività e Sviluppo sostenibile”. L’Organizzazione...

App.ti culturali Administrator

Continua a leggere

SAMPDORIA E JUVENTUS ANCORA IMBATTUTE

SAMPDORIA E JUVENTUS ANCORA IMBATTUTE

La Juventus non vince in casa del Sassuolo e ne approfitta la Roma che ora si porta a meno uno dalla capolista, ancora una bella prova della Sampdoria che si conferma, a sorpresa, la terza forza del campionato, bene il...

Sport Francesco Guzzardi

Continua a leggere

POTENZIALMENTE UMANI

POTENZIALMENTE UMANI

Certo se è difficile far funzionare armonicamente un condominio, tanto più lo è far funzionare una comunità eterogenea come una nazione. Ma a guardare la storia gli esseri umani da millenni dibattono sui medesimi problemi e sulle possibili soluzioni da...

In primo piano Franco Libero Manco

Continua a leggere

L'ΕΣΤΑΤ Istituto di Statistica Ufficiale Greco ha presentato il rapporto 2013.

L'ΕΣΤΑΤ Istituto di Statistica Ufficiale Greco ha presentato il rapporto 2013.

Circa quattro milioni di Greci sono a rischio di povertà o esclusione sociale. Definizione di Povertà Relativa: è un parametro che esprime la difficoltà economiche nella fruizione di beni e servizi, riferita a persone o ad aree geografiche, in rapporto al...

Politica Administrator

Continua a leggere

CONSIDERANDO....

CONSIDERANDO....

 …. e facendolo in piena libertà intellettuale, per e su quel poco che è accaduto durante l'autunnale summit dell'ASEM di Milano, con uno sguardo particolare alle non certo promettenti prospettive della nostra disastrata Economia.   Anche in quella che fu la Capitale...

Politica Mamerto Morescalchi

Continua a leggere

Grande successo di pubblico al "Premio Italia Diritti umani 2014" organizzato dalla Flip

Grande successo di pubblico al

I diritti umani hanno fatto da cassa di risonanza al “Premio Italia Diritti Umani 2014”, dedicato alla memoria dell’ex Vice-presidente Free Lance International Press Antonio Russo. Alla sua tredicesima edizione, il premio nasce dalla volontà di dare un giusto riconoscimento...

HUMAN RIGHTS Administrator

Continua a leggere

Bimillenario Augusteo: inaugurati e aperti al pubblico gli ultimi due interventi sul patrimonio al Foro Romano e alle Terme di Diocleziano

Bimillenario Augusteo: inaugurati e aperti al pubblico gli ultimi due interventi sul patrimonio al Foro Romano e alle Terme di Diocleziano

L'ultimo in ordine cronologico ad essere presentato e aperto al pubblico, è stato l'intervento di restauro e risistemazione che ha riguardato l'area del Foro Romano, occupata in passato dalla Basilica Iulia e le strutture ad essa afferenti. Dell’edificio a due piani...

App.ti culturali Elena Sidoni

Continua a leggere

 

violo1

antonio

mironov1

notizie nazionali def

logo .net 2

storieslogo1

matteobarale logo212

da