flag_rotate-03flag_rotate-02flag_rotate-13flag_rotate-12flag_rotate-09
Sabato 24 Aprile 2010 03:37

DON CARLO, IL PRETE COMANDANTE PARTIGIANO CHE LIBERO’ REGGIO EMILIA

Scritto da  Giancarlo Giannotti

DON CARLO, IL PRETE COMANDANTE PARTIGIANO CHE LIBERO’ REGGIO EMILIA



Dal cestino della storia, è riemerso il memoriale di un  grande protagonista della Resistenza: don Domenico Orlandini, fondatore e comandante, col nome di battaglia di “Carlo”, della brigata
partigiana “Fiamme Verdi” che operò nella provincia di Reggio Emilia fino alla liberazione  della città, la sera del 24 aprile 1945.  Fu, a dir poco, un grande che si meritò dal rinato esercito italiano il grado di generale di brigata.

Dagli inglesi, inoltre, gli fu conferita la più alta onorificenza militare britannica, la “Victoria Cross”,  per aver liberato dai campi di prigionia italiani e condotto, a più riprese, al di là delle linee tedesche almeno 3.700 soldati  alleati, tra cui anche il figlio del generale Montgomery.  Già nell’ottobre del 1943, gl’inglesi ebbero subito fiducia in questa sorta di prete ribelle, più propenso all’uniforme che non alla tonaca, tanto che lo addestrarono e lo utilizzarono come agente del loro servizio d’intelligence.

 Nei due anni successivi “Don Carlo”, come ormai tutti lo chiamavano, fu anche il loro referente circa i lanci di materiale bellico e logistico sull’Appennino reggiano, sempre a stretto contatto di agenti inglesi che operavano dietro le linee, nell’Emilia ancora oppressa e massacrata dalle divisioni nazi-fasciste.

Erano i mesi e gli anni della mattanza. Ai massacri si rispondeva con i massacri.  Al sangue col sangue. Le vittime innocenti si aggiungevano ad altre vittime innocenti. All’orrore si sommava altro orrore.

E Il comandante don Carlo, con le sue Fiamme Verdi,  fu uno di quelli che spesso inceppò quella macchina generatrice di morte che fu la guerra  civile dentro un conflitto mondiale non ancora spento.  Salvare vite umane, senza curarsi di quale divisa indossassero, al di là dei meriti o delle colpe, fu una delle sue costanti. Sappiamo che tremila settecento furono i soldati alleati, ma nessuno saprà mai quanti furono i ragazzi di Salò, in fuga dai massacri commessi, che salvò dai mitra comunisti che sparavano su tutto ciò che rappresentava il passato. Come non sapremo mai quanti furono quei  civili che salvò da una giustizia sommaria, solo perché familiari o amici, di gente che aveva collaborato col passato regime fascista. Salvò anche partigiani dalla mannaia di altri partigiani. O preti che durante le loro omelie avevano criticato le emergenti  ideologie staliniste o bolsceviche.

Durante la lotta partigiana, fu in contatto coi fratelli Dossetti, Marconi, Togliatti e tanti altri che si prodigarono per liberare l’Italia dalle catene nazi-fasciste

Si dice che chi salva un uomo, salva tutta l’umanità, e don Carlo di gente ne ha salvata davvero tanta. Peccato che nessuno abbia salvato lui dal grigio anonimato dentro cui scomparve nei decenni successivi. Partigiano e sacerdote  schietto, diretto, scaltro, dallo spirito troppo libero per farsi irretire  nei giochetti dei politici del dopoguerra, si mosse forse negli ambienti ecclesiastici ed in quelli dei partiti nati dalla Resistenza, come un elefante dentro un negozio di porcellane. E i cocci li pagò col suo isolamento. 

Nei trent’anni successivi, fu spedito a fare il parroco nelle sperdute chiesuole  dell’Appennino reggiano, dove ancora tutti lo ricordano come prete allegro e spregiudicato, ma capace di portare a Dio gente che senza di lui in chiesa non ci sarebbe mai entrata.

Morì nel 1977 nella casa canonica di Pianzano, dove riposa nel vicino cimitero, a strapiombo su una vallata che evoca volteggi di aquile e vagabondare di lupi.

Il suo memoriale, scritto dallo stesso don Domenico Orlandini, attorno al 1948, è stato per la prima volta dato alle stampe e divulgato, dalle EDIZIONI DEL NOCE col titolo di “Memoriale di don Carlo,  l’ eroe sconosciuto” .

Speriamo che renda giustizia e notorietà a un grande partigiano, a un grande sacerdote e, soprattutto, a un grande italiano.

News

Il nuovo Primo Ministro giura sulla Costituzione e non sul Vangelo

Il nuovo Primo Ministro giura sulla Costituzione e non sul Vangelo

Simbologia di rottura nell'estetica del Mangas     Alexis Tsipra è entrato in carica come primo ministro del nuovo governo e come tale ha giurato davanti al Presidente della Democrazia Carolos Papulias. Ma questo rito che da anni ed anni si ripete alla...

Politica Administrator

Continua a leggere

LA JUVENTUS VOLA LA SAMPDORIA PUNTA IN ALTO

LA JUVENTUS VOLA LA SAMPDORIA PUNTA IN ALTO

Brutta domenica per Inter e Milan che, battute da Torino e Lazio, cadono in profonda crisi mettendo in seria difficoltà Mancini e Inzaghi, non ha problemi invece Allegri che con la sua Juventus vola verso un trionfo che solo la...

Sport Francesco Guzzardi

Continua a leggere

TRA PRESUNTI “SCONTRI DI CIVILTA’” E ALLARMANTI SCONTRI DI IGNORANZE, QUALE SORTE PER I DIRITTI UMANI?

TRA PRESUNTI “SCONTRI DI CIVILTA’” E ALLARMANTI SCONTRI DI IGNORANZE, QUALE SORTE PER I DIRITTI UMANI?

Conversazione con Riccardo Noury   Per continuare a riflettere sui tragici eventi parigini, sulle loro cause (vicine e lontane, palesi ed occulte), sui loro possibili sviluppi e su quanto andrebbe fatto per arginare il baratro di violenza che sembra inesorabilmente attenderci...

HUMAN RIGHTS Roberto Fantini

Continua a leggere

L'Europa è sotto il commando del “padrino” americano

L'Europa è sotto il commando del “padrino” americano

Secondo il quotidiano economico tedesco Deutsche Wirtschafts Nachrichten la Casa Bianca avrebbe effettivamente sventato il tentativo dell’Unione Europea di iniziare ad uscire gradualmente dalla guerra delle sanzioni contro la Russia. Nel corso di un recente incontro con i rappresentanti dei...

Politica Administrator

Continua a leggere

“Coppia aperta…quasi spalancata”. Quando le dinamiche di coppia sono reiterate sino al parossismo.

“Coppia aperta…quasi spalancata”. Quando le dinamiche di coppia sono reiterate sino al parossismo.

 Incontro con l’interprete Francesca Bianco   Francesca Bianco collabora da oltre 25 anni con la Compagnia del Teatro Belli, teatro storico della capitale, diretta da Antonio Salines. Tra i numerosi spettacoli prodotti, in cui ha sempre ricoperto il ruolo di protagonista,...

Cinema - teatro Administrator

Continua a leggere

MAXXI, APPUNTAMENTO CON LE STORIE DELLA MODA

MAXXI, APPUNTAMENTO CON LE STORIE DELLA MODA

In occasione della mostra BELLISSIMA. L’Italia dell’alta moda. 1945 – 1968, il MAXXI organizza sei incontri con critici, studiosi, docenti, curatori per raccontare la moda italiana dai primi del ‘900 a oggi. È un progetto di MAXXI B.A.S.E., a cura...

Moda Administrator

Continua a leggere

Intorno ad Augusto e fuori Roma

Intorno ad Augusto e fuori Roma

Sono stati presentati presso il Museo Nazionale Romano in palazzo Massimoa Roma, i due volumi che rendono conto delle campagne di scavi rispettivamente a Perugia sotto la Cattedraledi San Lorenzoe ad Assisi nellaCasa di Properzio. Gli scavi condotti sotto la Cattedrale...

App.ti culturali Elena Sidoni

Continua a leggere

COMMERCIO ESTERO: BOTTI DI FINE ANNO PER L’EXPORT ITALIANO AL DI FUORI DELL’UNIONE EUROPEA

COMMERCIO ESTERO:  BOTTI DI FINE ANNO PER L’EXPORT ITALIANO AL DI FUORI DELL’UNIONE EUROPEA

A dicembre, rispetto al mese precedente, le esportazioni aumentano del 3,2% e, su base annua, addirittura del 5,3% Roma, 23 gennaio 2015 – Le imprese italiane esportatrici festeggiano una fine dell’anno con dati molto positivi per quanto riguarda le vendite al...

Economia Administrator

Continua a leggere

5th International Tournament - WTF Taekwondo. Thessaloniki 16 - 18 January 2015

5th International Tournament - WTF Taekwondo. Thessaloniki 16 - 18 January 2015

Si è concluso lo scorso weekend il 5 torneo internazionale di Grecia di Taekwondo, valido per l'assegnazione dei punti per la classifica mondiale. La manifestazione organizzata dalla ETU federazione europea di Taekwondo con l'appoggio della federazione nazionale greca, ha visto...

Sport Administrator

Continua a leggere

COMMERCIO ESTERO: IN FLESSIONE A NOVEMBRE L’EXPORT ITALIANO MA SU BASE ANNUA SI CONFERMANO BUONI SEGNALI PER IL MADE IN ITALY

COMMERCIO ESTERO: IN FLESSIONE A NOVEMBRE L’EXPORT ITALIANO MA SU BASE ANNUA SI CONFERMANO BUONI SEGNALI PER IL MADE IN ITALY

In lieve calo a novembre le vendite di prodotti italiani (-1,1% rispetto a ottobre), ma su base annua l’export tricolore cresce più di quello tedesco (+3,7% rispetto a novembre 2013 contro il +2,3% tedesco) Roma, 20 gennaio 2015 – A novembre...

Economia Administrator

Continua a leggere

 

violo1

antonio

mironov1

notizie nazionali def

logo .net 2

storieslogo1

matteobarale logo212

da