Print this page
07
Novembre

Guardarsi dal di fuori: il Rapporto Italiani nel mondo 2018

Written by  Elena Sidoni
Published in Economics

Ascoltare e leggere le notizie del Rapporto Italiani nel mondo 2018 è un po’ come guardarsi dal di fuori.

Dal di fuori nel senso dello spazio perché si parla di italiani all’estero. È un guardarsi con i loro occhi. Sono 5,1 milioni gli iscritti all’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero (AIRE) nel 2018.

Si trovano soprattutto in Europa e in Centro e Sud America. In particolare in ordine di grandezza sono in Argentina, Germania, Svizzera, Brasile, Francia.

Ma è un guardarsi dal di fuori anche nel senso del tempo, in un confronto col passato. Sono ancora soprattutto i meridionali ad emigrare, il 49,5%, seguito dal 34,9% dei settentrionali e solo il 15,6% degli italiani del Centro.

Un 48,1% di donne contro il 51,9 di uomini. Il 55,3% è single, il 37,0% sposato, il 2,5% divorziato o vedovo.

Forse il dato che più che un’idea, sembra voler dare un vero e proprio giudizio su ciò che siamo, come viviamo e dove andiamo, è quello delle classi di età. Il 15,0% ha meno di 18 anni, il 22,2% ha tra i 18 e i 34 anni, il 23,4% ha tra i 35 e i 49 anni, il 19,1% ha tra i 50 e i 64 anni, il 20,3% ha più di 65 anni. Se è più comprensibile che siano i giovani i più disposti ad emigrare per costruirsi un futuro con prospettive migliori, con una volontà e un entusiasmo ancora freschi, è quel 40,0% circa, che ha tra i 50 e oltre 65 anni, che spiazza.

Allora si cerca conforto nelle motivazioni e soprattutto quelle delle fasce d’età più sconcertanti. Gli over 50 sono soprattutto disoccupati e con alta e diffusa precarietà. Nelle fasce alte di età un’altra motivazione è il ricongiungimento con figli e nipoti all’estero. Questa volontà/necessità di ricostruzione/ricostituzione della famiglia è testimoniata anche dal successo del ristorante di cucina italiana a Londra, La mia mamma. Sono le mamme dei figli migranti che li vanno a trovare, si fermano per tre mesi e fanno da chef al ristorante con pari alternanza di menù a seconda delle regioni d’origine.

Sono definiti migranti di rimbalzo coloro che rientrati in Italia alla fine dell’attività lavorativa, la lasciano nuovamente perché rimasti vedovi e/o per ricongiungersi con i figli rimasti all’estero.

Infine i migranti previdenziali, cioè coloro che, pensionati, si trasferiscono all’estero dove la vita ha un minor costo, ma offre anche una qualità più alta, soprattutto a livello sanitario. Le mete più richieste sono Marocco, Thailandia, Spagna, Portogallo, Tunisia, Santo Domingo, Cuba, Romania.

Se lo sguardo sembra non essere dei più ottimisti e benevoli, tanto più se si considerano le difficoltà, cioè che non sempre la migrazione va a buon fine, è proprio guardando alle fasce di età, che si può tirare qualche considerazione positiva.

L’età avanzata dei migranti testimonia l’allungamento della vita, ma anche una più longeva mentalità positiva che continua a guardare e a cercare il meglio, anche se altrove.

Read 1637 times Last modified on Mercoledì, 07 Novembre 2018 15:32
Rate this item
(0 votes)

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information