Print this page
Lunedì, 28 Settembre 2020 14:30

L’Italia è avanti con il biologico ? Lo diranno i mercati.

Written by Nunzio Ingiusto
Rate this item
(2 votes)

Nasce la  piattaforma Ita.bio ,uno strumento per crescere ed affermare la capacità delle imprese per un agricoltura sostenibile.

In Cina, Stati Uniti, Germania con il meglio della produzione biologica italiana. I produttori italiani che nelle campagne non usano pesticidi e si adoperano come possono per far crescere questa eccellenza, pensano ai mercati internazionali. Visto che il Covid ha rimesso tutto in discussione, hanno puntato su tre Paesi fondamentali nell’economia mondiale. A Xiamen a novembre, a Norimberga a febbraio 2021 e a New York a giugno, le produzioni bio italiane saranno al centro di scambi e nuove relazioni commerciali. Così si spera, perché Ita.bio, la piattaforma per l'export del biologico italiano, muove i primi passi in questi giorni.

L’hanno concepita l’ICE , l’ Agenzia per la Promozione all’Estero e l’Internazionalizzazione delle imprese italiane e FederBio, la Federazione nazionale dell’agricoltura biologica per lanciare un altro segnale di economia circolare Made in Italy. In buona sostanza si tratta di promuovere l'agroalimentare biologico italiano sui mercati esteri, sfruttando bene i canali e-commerce. L’impegno dell’istituto per il Commercio Estero è una buona notizia, ma lo sforzo del governo nel suo insieme deve essere più incisivo. Fino a quando l’agricoltura pulita non sarà dentro un’idea davvero sostenibile di new economy non potremo dire di essere vincenti.

La presenza a tre fiere internazionali - Ciofe in Cina, Biofach in Germania, Summer Fancy Food in USA- cercherà appunto di “catturare” partner ed affermarsi su nuovi mercati. Se è vero che gli scambi stanno ripartendo “ con una forte accelerazione verso l’economia digitale”, dice il presidente dell’ ICE, Carlo Ferro, è giusto che l’Italia si faccia avanti con quello che ha di buono. La filiera agroalimentare sostenibile è in crescita , nonostante gli zig zag della politica di casa nostra. Per fortuna c’è l’Europa che sull’agricoltura sta cambiando rotta. Maria Grazia Mammuccini, presidente FederBio la vede così “Siamo in una fase decisiva per lo sviluppo del biologico, promossa anche dalle nuove strategie varate dalla Commissione europea che fanno della bioagricoltura un asse fondamentale per la crescita del sistema agroalimentare”. Cosa c’è nella piattaforma? Tre cose essenziali : monitoraggio delle opportunità di sviluppo; supporto alla promozione dei prodotti con strumenti veloci; comunicazione istituzionale.

I due Enti promotori , tuttavia, non si sono fermati alla messa in rete della piattaforma. Per dare più efficacia al rilancio della bioagricoltura italiana , nella sede dell’ICE hanno istituito anche un Desk FederBio-ICE. Uno strumento moderno con il compito di agevolare il lavoro di tutti. Per dare dell’Italia un immagine più vicina alla realtà delle campagne.

Read 887 times Last modified on Venerdì, 16 Ottobre 2020 16:19

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information