Print this page
30
Dicembre

La strategia di Trump e le reazioni di borsa

Written by  Alberto Zei
Published in Economics

A volte anche il Presidente Usa è vittima dei suoi stessi uomini di vertice la cui nomina non può essere revocata senza conseguenze peggiori dello stesso male

Con il “senno del poi” - Se Trump avesse avuto la possibilità di licenziare Powell già da due mesi a questa parte l’avrebbe sicuramente fatto; non manca a lui infatti, la coerenza delle sue decisioni, quantunque siano sempre oggetto di decisa opposizione da parte dei suoi avversari politici.

 

Per il licenziamento di Powell ci sono delle obiezioni di carattere finanziario che effettivamente ricadono per fatti concludenti sulla Federal Reserve a causa della eccessiva tempestività di voler considerare consolidata la ripresa dell’economia Usa. È stato infatti con una certa disinvoltura che Powell ha aumentato il costo del denaro, pur essendo questo ancora sotto la linea ottimale di un’inflazione del 2%.

 

L’economia americana è indebitata fino al collo, ossia, molto di più di quanto normalmente si creda. Infatti il suo debito pubblico ha raggiunto la astronomica cifra di 21.500 miliardi di dollari. È vero che l’economia Usa è la prima del mondo ma il valore assoluto dei debiti può essere simbolicamente rappresentato come l’ altezza delle onde del mare che prescinde dalla profondità sottostante. Ciò in quanto 21.500 miliardi di dollari rappresentano per chiunque e per ogni tipo di transazione il medesimo valore a prescindere dal creditore o dal debitore.

 

Quando nei mesi precedenti la Fed aveva portato il costo del denaro a 2,25 %, già allora i mercati avevano dato un importante segno di non gradimento. E adesso a maggior ragione, prima di uscire completamente dalla crisi finanziaria che sta ancora mordendo i polpacci, necessitava maggiore cautela ossia, maggiore consolidamento dell’economia non solo americana, per azzardare un ulteriore incremento dei tassi di sconto.

Non era la prima volta - Già allora Trump aveva ammonito il Presidente della Federal Reserve con considerazioni di opportunità, di non alzare il tasso di sconto. Tanto che, vista e considerata la prevedibile regressione di borsa già dall’ottobre scorso, malgrado il tentativo di dissuasione di Trump, tutti i mercati hanno manifestato un significativo segno di nervosismo, dando inizio ad un evidente arretramento dei valori investiti.

 

Il fatto che adesso in modo del tutto immemore, lo stesso Powell abbia elevato ancora il costo del denaro da 2,25 a 2,50 e che la stessa Fed dichiari che il tasso di crescita americano per il 2018 e per il 2019 si attesterà ad un valore inferiore a quanto preventivato, sembra piuttosto una conseguenza logica di aver peggiorato la situazione.

 

Oltre a questo va anche aggiunto che mentre Trump ammonisce Pawell di non leggere soltanto i numeri ma di porre attenzione ai mercati, quest’ultimo ha preannunciato che la Fed avrebbe ulteriormente incrementato il costo del denaro nel corso del 2019 quando il tasso neutrale potrebbe benissimo attestarsi al 2,75%. Valeva la pena allora di tanto scompiglio?

Si è trattato di una serie di prese di posizione che hanno causato, senza alcun dubbio, una catastrofe sulle aspettative di borsa e sull’economia americana, tanto da essere arrivata al record assoluto del calo di venerdì scorso crollando ai minimi di un anno e mezzo fa. E tutto ciò malgrado le raccomandazioni del Segretario del Tesoro Usa,   Mnuchin, ai vertici delle maggiori banche americane di contenere le inevitabili conseguenze dei mercati.

 

Non possiamo meravigliarci pertanto, se ora Trump afferma con la sua nota determinazione che la Federal Reserve è divenuto l'unico problema della economia americana. Ma se questo è il teorema, allora il suo corollario è che il problema rappresentato è il Presidente Powell.

 

L’ aspettativa decisionale - C’è un impedimento però fondamentale che lo stesso Presidente Trump non sta sottovalutando, circa il rimedio a cui egli intenderebbe ricorrere per risalire in questo particolare periodo politicamente turbolento, soprattutto per gli eventi internazionali. La decisione che Trump anche molto plausibilmente, preferirebbe adottare nell’immediato per por fine a questa forte decrescita dei mercati, è quella della rimozione di Powell dalla Federal Reserve.

L’altra possibilità è che Trump, ormai circondato dal largo fronte interno ed esterno che in questi ultimi tempi egli stesso ha accresciuto senza troppi scrupoli, decida di tenersi almeno per qualche mese ancora Powell. Ciò avverrebbe probabilmente, in attesa di tempi migliori, pur con la trepidazione che nel 2019 quest’ ultimo continui, come ha preannunciato, ad aumentare i tassi di sconto.

 

Il paradosso della situazione - Per Trump il dilemma che pertanto si prospetta lo pone in ……amletico dubbio sul da farsi: se infatti, decidesse di mettere in soffitta l’uomo che lui stesso ha nominato, ovvero, Powell, potrebbe generarsi sulle borse mondiali una ulteriore e ancor più grave perdita per la esplicita dipendenza finanziaria della Federal Reserve dalla politica governativa di Trump.

 

È vero che nei giorni prossimi dovremmo aspettarci in borsa l’immancabile impennata del cosiddetto rimbalzo tecnico. Ma il rimbalzo tecnico non significa inversione del trend.

 

Il punto più importante della imparzialità della politica monetaria americana da quella del governo federale, rappresenta il concetto fondamentale sul quale la borsa mondiale ha finora confidato. Se invece venisse provato con il licenziamento di Powell, la dipendenza della leadership della stessa Federal Reserve dalla Casa Bianca, avverrebbe una reazione nel mondo finanziario di non facile previsione.

In effetti, la condizione che Powell ha determinato all’ economia americana ricorda per analogia il comandante di una nave che per il fatto stesso di essere deposto per incapacità, implicherebbe la preliminare accusa di ammutinamento dei protagonisti e poi tutto il resto. Solo che nei mercati finanziari non ci sono processi, dopo quanto avviene: “…………chi ha avuto, ha avuto, ha avuto; chi ha dato, ha dato, ha dato…….”.

 

   La non facile previsione sopra accennata, non significa che il risultato del licenziamento sia necessariamente catastrofico, in quanto potrebbe essere anche quasi indolore, ma com’è noto in borsa l’indecisione e le attese negative sono più rovinose della stessa peggiore realtà dei fatti.

 

A questo punto non è facile capire che cosa avverrebbe, in quanto la forza risolutiva dei problemi che lo stesso Presidente affronta quasi quotidianamente, supera le previsioni della classica diplomazia consolidata, tanto che le stesse possibili risposte ai vari problemi che si prospettano, contengono la medesima indeterminazione dei fatti che ne sono causa.

 

Ma perseverare …….. - Lasciar pertanto scivolare l’economia lungo la china discendente della regressione, dopo la pioggia di miliardi immessi sui mercati con il Quantitative Easing (QE) per la politica dei tassi di sconto, sarebbe una contraddizione; considerato infatti, l’enorme debito pubblico degli Stati Uniti d’America, potrebbe trattarsi forse di un male peggiore di un drastico provvedimento preso a tempo reale.

 

Alberto Zei

Read 1128 times Last modified on Domenica, 30 Dicembre 2018 16:15
Rate this item
(0 votes)

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information