Print this page
Martedì, 08 Ottobre 2019 13:54

“Nessuna come lei” di Marco Balbina

Written by Massimo Milza
Rate this item
(0 votes)

Il romanzo “Nessuna come lei” di Marco Balbina, edito dalla Nemapress diretta da Neria de Giovanni, affronta, con una vicenda articolata e ricca di personaggi, uno dei periodi più travagliati della storia italiana del novecento: gli anni settanta. Sebbene travagliati da una forte contrapposizione politico-ideologica, gli anni “dell’immaginazione al potere”, sfociati nell’età del terrorismo brigatista e della stragi neo-fasciste, sono stati, a parte qualche eccezione, soprattutto cinematografica, molto sbrigativamente accantonati, quasi che la scia di sangue che essi produssero costituisse una barriera insuperabile alla loro distaccata narrazione. Nel romanzo di Balbina, quegli anni, sono analizzati a partire dall’attualità, perché la storia di Tista Muleddu e di Paolina Arquer, protagonisti di una drammatica storia d’amore lunga più di quarant’anni, inizia in una Alghero contemporanea, per poi trasferirsi, con un flashback che occupa la parte centrale del racconto, nella Cagliari di Gigi Riva e nella Portotorres della SIR di Nino Rovelli, in una Sardegna in grande trasformazione economica e sociale, che può essere presa come paradigma della trasformazione in atto anche nel resto del paese. La tecnica analessica del raccontare a ritroso, consente, in particolare, all’autore, di mettere in relazione una epoca così rivoluzionaria e ricca di tensione trasformatrice, con quella attuale, caratterizzata da un incipiente disincanto e da un forte riflusso politico.

All’autore…..ha posto alcune domande:

-Balbina, quali ragioni l’hanno spinta a scrivere un romanzo sugli anni dell’immaginazione al potere? –

-In primis, per una esigenza personale: il bisogno di un bilancio, di una ricapitolazione della propria vicenda umana, ma anche della convinzione che niente è davvero personale, che anche il personale è politico, come si diceva un tempo. Vorrei precisare, comunque, che nel romanzo non c’è nessuna intenzione apologetica né tanto meno nostalgica: c’è solo il tentativo di analizzare un periodo fondamentale della nostra storia, e capire dove siamo arrivati oggi, anche perché, a mio avviso, dal punto di vista sociologico e letterario, la generazione degli anni settanta non è stata sufficientemente indagata

-La Sardegna narrata nel suo romanzo appare una regione in grande trasformazione sia economica che sociale –

-A partire dagli anni sessanta, la Sardegna è attraversata da un insieme di fattori progressivi, sia economici che sociali, che la trasformano nel profondo, che la veicolano verso la contemporaneità, forse per la prima volta nella sua storia. Sono gli anni del Piano di Rinascita, dell’industrializzazione basata sulla chimica, dell’ingresso dell’isola nel mercato turistico internazionale con la Costa Smeralda, del grande successo sportivo del Cagliari di Gigi Riva, che conquista lo scudetto e, da squadra di provincia di una terra emarginata, diventa la rappresentante del calcio italiano nella Coppa dei Campioni. Un evento che oggi può apparire quasi banale; ma che all’epoca ebbe uno straordinario impatto politico e sociale, se è vero che, persino il grande Emilio Lussu, paragonò quella strabiliante vittoria all’epopea della sua Brigata Sassari -

-In questo scenario dinamico i personaggi si muovono come protagonisti di storie che non rimandano più allo stereotipo della tipica narrazione sarda legata alle zone interne, ma si fanno portatori di esigenze e di bisogni universali, tipici della modernità –

 sentire anche in Sardegna, trasformando definitivamente lo stile di vita dei sardi, che da “esclusivista” divenne sempre più un “misturo”, come ebbe a dire, successivamente, il grande Sergio Atzeni. Da quel momento la Sardegna diventerà sempre più uno sfondo, e, in primo piano, saliranno i personaggi del nuovo corso storico, che vivranno storie del tutto simili a quelle vissute nel resto del paese e del mondo. Caduta la cerniera di isolamento, allentata la camicia di forza identitaria, i sardi diventano i Tista e le Paoline del mio romanzo. Qualcuno ha gridato al disastro per questa perdita dell’antica identità, io credo, al contrario, che abbia avuto elementi di grande positività –Credo che proprio a partire dagli anni settanta, preparati dal decisivo evento del “Sessantotto”, l’impatto di quella che Pasolini chiamò nei suoi Scritti Corsari “mutazione antropologica”, si fece

-Ci può descrivere meglio i personaggi del suo romanzo? –

-Tista è il personaggio principale, insieme a Paolina. Tista è un giovane perito chimico cagliaritano, appartenente al Movimento studentesco, romantico idealista convinto nella virtù terapeutica della rivoluzione, che appena diplomato, decide in andare a lavorare in fabbrica. All’epoca la fabbrica era vista, specie dai militanti di sinistra, come l’avamposto rivoluzionario, l’orlo di un vulcano pronto a esplodere e liberare la società dal giogo capitalista. Ovviamente, le cose non stavano così. Tista, suo malgrado, assiste al fallimento del petrolchimico di Rovelli, affogato in un mare di debiti, e anche delle sue idee rivoluzionarie, e decide di licenziarsi, di cambiare vita, diventando, negli anni seguenti, addirittura un affermato imprenditore, ed è così che lo incontriamo all’inizio del romanzo. Ma in realtà, anche nella sua “seconda vita”, non perderà mai la voglia di lottare contro i soprusi e le disuguaglianze sociali. Una lunga e travagliata storia d’amore lo legherà a Paolina Arquer, giovane e brillante femminista, rampolla di un’antica famiglia nobile cagliaritana, che attraverserà tutto il romanzo, con un finale drammatico che preferirei non rivelare. Paolina fa parte del Collettivo femminista di Via Donizetti 52, che è stato realmente il primo collettivo femminista cagliaritano e, uno dei primi, in Italia. Essa rappresenta l’espressione della possibile libertà della donna, che da quel momento, diventa un vero soggetto politico, organizzato in movimento e in collettivi, che lotta separatamente dall’uomo per la liberazione complessiva della società. Vi sono anche altre importanti figure nel romanzo, da Antonio Contini a Rino Polcani, da Sandro Portas a Greta, che danno il senso del cambiamento avvenuto e di una esistenza vissuta senza più le antiche intermediazioni familiari e sociali

 

-Ci sono tratti biografici nei personaggi del romanzo?-

-In parte. Mi sono diplomato Perito Chimico al “Michele Giua” di Cagliari a metà degli anni settanta, quindi ho vissuto in pieno il miraggio dell’industrializzazione, che aveva coinvolto tanti giovani come me nel sogno della chimica isolana. Il mio Istituto, inoltre, era ubicato anch’esso in Via Donizetti, qualche centinaio di metri dopo il Collettivo Femminista. Noi sapevano che lì dentro c‘erano donne “diverse” dalle altre e, perciò, sghignazzavamo alla loro vista, come potevano fare dei giovinastri immaturi, senza minimamente comprendere che quelle donne stavano scrivendo la storia del femminismo in Sardegna. Ho anche una storia calcistica che mi lega al Cagliari calcio: nell’anno dello scudetto vengo acquistato dalla società, e milito nel settore giovanile fino alla De Martino, le riserve della Serie A, quindi vivo dall’interno la grande epopea sportiva di quegli anni. Sicuramente, le mie esperienze personali, hanno influito nell’economia complessiva della storia, sebbene i personaggi siano frutto esclusivo della mia immaginazione –

-Ci può dire in due parole perché il suo libro dovrebbero essere letto, soprattutto dai giovani? –

-Credo che in questi anni sia mancato il giusto approccio storico alla società attuale. Siamo dominati quasi esclusivamente da necessità economiche, e stiamo tralasciando molte altre prospettive che aprirebbero squarci interessanti per comprendere il presente. Anche ai più giovani. Il romanzo, per la sua assoluta vocazione sociale – un romanzo che non descrivesse, oltre la trama, anche la società nella quale si muovono i personaggi, non sarebbe tale – può essere un utile strumento di riflessione, senz’altro di più facile lettura rispetto a un saggio specialistico o a una noiosa ricerca statistica -

Read 532 times Last modified on Martedì, 08 Ottobre 2019 14:10

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information