Print this page
Domenica, 12 Maggio 2019 05:12

Pianeta Urano - Frammenti cosmici n. 88

Written by Urano Cupisti
Rate this item
(0 votes)

Frammenti che orbitano qua e là, individuati, carpiti; li commento e condivido con voi.

 

La Riflessione!

Auspicabile un’alleanza Vinitaly – Vinexpo - Prowein

 

Pensiero comune con Angelo Gaja. Il futuro anticipa cosa accadrà. A gennaio 2020 per la prima volta si svolgerà a PARIGI Vinexpo Paris. Un doppione? Perché? Risposta semplice. I francesi hanno capito che Bordeaux non è più in grado di continuare ad offrire “un servizio” adeguato alle sempre più numerose richieste di spazi espositivi e la città è troppo piccola per “gestire” la massa dei visitatori. Parigi sarà lo scenario che porterà la manifestazione a primeggiare in quantità e qualità. L’Asia e l’Africa sono i mercati futuri del vino e l’Europa vitivinicola “deve” presentarsi “unita”. Non più eventi ripetitivi con spreco di risorse e tempo ma un unico Salone congiunto capace di accogliere e divenire espressione di promozione del vino europeo sui mercati internazionali. Utopia? NO, necessità!

 

 

 

Frammento n. 1

Vinexpo Bordeaux 2019

Apre il 13 e si conclude il 16 di questo mese. Vinexpo, il grande evento internazionale dedicato ai vini e agli alcolici di qualità. Quattro giorni per fare il giro del mondo vitivinicolo, incontrare i decision maker leader, fare affari, confrontarsi sulle sfide strategiche della filiera e beneficiare di un’esperienza unica nel cuore di uno dei vigneti più famosi. Il salone di riferimento per i produttori mondiali. Un DNA assolutamente internazionale. Accanto a tutte le regioni francesi trovano la giusta dimensione espositiva paesi come Sud Africa, Austria, Georgia, Portogallo, Germania, Italia, Regno Unito, Stati Uniti, Libano, Cina, Giappone, la penisola indocinese e i paesi vinicoli del Sud America al completo.Ed infine WOW (World of Organic Wines), l’evento nell’evento per riunire un’offerta internazionale di vini e liquori biologici e biodinamici.

 

Frammento n. 2

I vini sovranisti

Il significato delle parole “di moda”. Ma il vino che c’azzecca? Autoctono è ormai troppo sfruttato, obsoleto. Avanti con sovranista e perché no patriottico e tricolore (attenzione a quest’ultima parola perché usata anche dai cugini francesi). A spingere il successo del vino italiano, secondo una recente indagine di Coldiretti diffusa durante il Vinitaly, sono le etichette sovraniste che occupano i primi dieci posti del maggior incremento dei consumi. Si tratta dell’alta qualità offerta dalla tradizione millenaria della viticoltura tricolore. E allora cosa aspettiamo ad inserire sovranista nelle etichette?

 

 

Frammento n. 3

Forse non è l’Eldorado che credevamo.

East Asia, meglio identificata con Asia orientale. A dirla con l’Onu quella macro-area formata da Mongolia, Cina, Giappone, Corea del Nord e del Sud, Taiwan. L’export del vino italiano da quelle parti funziona? Per niente! Se poi aggiungiamo che in buona parte dei paesi citati non conoscono l’Italia e non sanno dove si trova la situazione diviene sconcertante. Negli anni abbiamo commesso l’ingenuità di ritenere l’Asia orientale come il nuovo Eldorado andando all’assalto della diligenza. La verità è che bisogna non commettere l’errore di fare letture troppo affrettate e seguire le orme di altri paesi che in ottica di medio, lungo periodo consolidano quanto raggiunto.

 

 

Frammento n. 4

Il primo dizionario di Vini e Vitigni in cinese

Secondo alcuni “comunicare in modo corretto è l’unica via per conquistare i mercati”. E per conquistare il mercato cinese, Gambero Rosso e Istituto Confucio dell’Università degli Studi di Milano hanno ideato e realizzato il Dizionario dei vini e vitigni d’Italia in formato cartaceo. 1.200 voci.

 

 

 

 

 

Frammento n. 5

I modi alternativi di fare Vino.

Dall’etichetta fatta di fieno che salva gli alberi al vino scomponibile, da quello invecchiato nelle acque del mare e dei laghi a quello che matura in miniera, dai tappi di zucchero a quelli che diventano gioielli. Che cosa si inventa per sopravvivere.

 

 

 

Frammento n. 6

Il vino del contadino fa schifo

È quanto asserito dal noto fotografo e produttore di vino Oliviero Toscani in un’intervista a Repubblica durante il recente Vinitaly. Non risparmia provocazioni e dice sempre quello che pensa. “Il vino del contadino fa schifo a meno che non intoppi l’annata buona”. E ha continuato dicendo: “ Oggi vinificare è affare di tecnici specializzati, enologi, agronomi, tecnici della terra. Gente preparata, insomma”. Parlando poi del suo vino ha precisato:” Non lo faccio in prima persona. Lo guardo fare”. E alla domanda perché il vino prodotto porta il suo nome, la risposta è stata:” Non ho fantasia”.

 

Osservo, scruto, assaggio e…penso. 

Read 267 times Last modified on Sabato, 11 Maggio 2019 15:37

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information