Print this page
Domenica, 11 Ottobre 2020 13:05

UNA “LETTERA APERTA” DEI MEDICI BELGI METTE IN DISCUSSIONE LA GESTIONE DELLA CRISI E RICHIEDE UN DIBATTITO APERTO E SENZA CENSURE

Written by Roberto Fantini
Rate this item
(6 votes)

In questi giorni difficili, in cui il bombardamento mediatico e le misure governative ci gettano sempre più in una condizione psicologica di ansia e di timore, credo che la “Lettera aperta” redatta da numerosi medici e operatori sanitari del Belgio, inviata, già da diverse settimane, alle autorità e ai media del proprio Paese, possa aiutarci ad assumere una visione più corretta e oggettiva dell’attuale “fenomeno pandemico”.
Si tratta di un documento che andrebbe seriamente e serenamente esaminato, meditato e discusso, evitando arroccamenti aprioristici e abbandonando i tanto diffusi atteggiamenti di rifiuto nei confronti di qualsivoglia voce fuori dal coro. Ed evitando, soprattutto, di lasciarsi fuorviare dalle ben collaudate (e sempre tragicamente efficaci) strategie di delegittimazione del dissenso, che tendono a gettare qualsiasi tentativo di analisi critica e indipendente nel tanto comodo e rassicurante calderone dei cosiddetti negazionismi, acchiappanuvolismi, irresponsabilismi, ecc.
Quello che colpisce, in particolare, del documento, è la fortissima corrispondenza fra quanto viene riscontrato accadere, a livello mediatico-governativo, in terra belga con quanto possiamo riscontrare quotidianamente nel nostro Paese, soprattutto per quanto concerne l’assenza di un corretto, rispettoso e pluralistico confronto fra diversità di opinioni.
Pur invitando i nostri amici e simpatizzanti alla lettura integrale dell’interessante documento, ne propongo qui una schematizzazione sintetica, avvalendomi spesso di ampi e significativi stralci del testo in traduzione italiana.
La “Lettera aperta” risulta firmata, al momento, da 611 medici, 1.928 professionisti della salute con formazione medica e 14.248 cittadini.

(https://docs4opendebate.be/en/openletter/;http://omgekeerdelockdown.simplesite.com/?fbclid=IwAR0sQJmD6tyBo1jOgMrVnGJCDQQDYnvqdFdnWOViGhrmG_nkrZTZKgJLDzc)

  • Prima di ogni altra cosa, viene esortato il mondo della politica ad informarsi in maniera critica e indipendente e a rendere possibile un dibattito aperto, privo di qualsiasi forma di censura.

  • I dati oggettivi sembrano dimostrare che, attualmente, non sussisterebbero giustificazioni mediche per una politica di emergenza.

  • La gestione della crisi in atto viene dichiarata del tutto sproporzionata e fonte di danni palesemente superiori agli eventuali benefici.

  • Vengono pertanto richiesti la cancellazione delle misure obbligatorie introdotte (ritenute non sufficientemente fondate scientificamente) e il ripristino della normale governance democratica e delle libertà civili.

  • Le attuali misure adottate per combattere la SARS-CoV-2, come l'obbligo di indossare una mascherina anche all'aria aperta, il distanziamento fisico e l'isolamento sociale, sarebbero in contrasto con una corretta visione della salute (intesa, cioè, anche come benessere emotivo e sociale dell’individuo) e dei diritti umani della persona.

  • Il decorso del Covid-19, in contrasto con gli allarmi lanciati dall’OMS, avrebbe seguito il corso di una normale ondata d’infezione, simile a una stagione influenzale.

  • Viene messa in dubbio la validità scientifica dell’uso del test PCR, che, non essendo mai stato auto-testato seriamente, finirebbe per produrre molti falsi positivi. Il test, infatti, non sarebbe in grado di misurare “quanti virus sono presenti nel campione”, ovverosia se sia presente o meno una massiccia presenza di virus tale da autorizzare a parlare di reale “carica virale”. Il risultato positivo al test non significherebbe, perciò, che la persona in questione sia effettivamente infetta clinicamente, che sia malata o che si ammalerà. A tale proposito, si ricorda che lo stesso creatore di tale test avrebbe espressamente avvertito che esso era “destinato alla ricerca e non alla diagnostica”.

  • L’inattendibilità dei test PCR implicherebbe la mancanza di adeguata giustificazione delle relative misure sociali previste.

  • Per quanto riguarda il lockdown, il confronto operato tra paesi con politiche di blocco rigorose e paesi che hanno evitato di adottarle dimostrerebbe non sussistere alcun collegamento tra blocco imposto e decorso dell’infezione. Il calo dei casi non sarebbe stato frutto delle misure adottate, risultando esso già in atto prima ancora dell’imposizione del lockdown.

  • Misure eccessive di protezione igienica rischiano di produrre effetti dannosi sulla nostra immunità: solo “persone con un sistema immunitario debole o difettoso dovrebbero essere protette da un'igiene approfondita o dall’allontanamento sociale”.

  • La maggior parte delle persone ha quindi già un'immunità congenita o crociata perché era già in contatto con varianti dello stesso virus”. La maggior parte delle persone risultate positive non manifesta alcun disturbo, in quanto “Il loro sistema immunitario è abbastanza forte. Rafforzare l'immunità naturale è un approccio molto più logico. La prevenzione è un pilastro importante, non sufficientemente evidenziato: l’alimentazione sana e completa, l’esercizio all'aria aperta, senza maschera, la riduzione dello stress e lo sviluppo di contatti emotivi e sociali.” Mentre la dilagante paura, lo stress persistente e la solitudine non possono che esercitare una forte influenza negativa sulla salute psicofisica generale, soprattutto dei soggetti più fragili.

  • L'isolamento sociale e il danno economico hanno causato un forte aumento di depressione ed ansia, nonché di suicidi, di casi di violenza familiare e di abusi su minori.

  • “Il numero di decessi per Corona registrati sembra quindi ancora essere sovrastimato. C’è una differenza tra la morte per corona e la morte con corona. Gli esseri umani sono spesso portatori di più virus e batteri potenzialmente patogeni allo stesso tempo. Tenendo conto del fatto che la maggior parte delle persone che hanno sviluppato sintomi gravi soffrivano di patologie aggiuntive, non si può semplicemente concludere che l'infezione da corona fosse la causa della morte. Questo per lo più non è stato preso in considerazione nelle statistiche.”

  • Per coloro che mostrano gravi sintomi di malattia, l'applicazione rapida di terapia sicura ed efficiente, sotto forma di HCQ (idrossiclorochina), zinco e AZT (azitromicina), porterebbe al recupero e spesso renderebbe non necessario il ricovero.

  • La contaminazione non sarebbe possibile all'aria aperta, verificandosi esclusivamente per gocciolamento (solo per pazienti che tossiscono o starnutiscono) e aerosol in stanze chiuse e non ventilate. Inoltre le persone sane (o portatori asintomatici testati positivamente) risulterebbero virtualmente incapaci di trasmettere il virus.

  • Le maschere orali (mascherine) appartenendo a contesti in cui avvengono contatti con gruppi a rischio comprovati o persone con disturbi delle vie respiratorie superiori e in un contesto medico, come l’ospedale o la casa di riposo, in individui sani sarebbero inefficaci contro la diffusione d’infezioni virali.

  • Inoltre, indossare una mascherina non sarebbe privo di “effetti collaterali”. “La carenza di ossigeno (mal di testa, nausea, affaticamento, perdita di concentrazione) si verifica abbastanza rapidamente, un effetto simile al mal di montagna. (…) Inoltre, la CO2 accumulata porterebbe ad un'acidificazione tossica dell'organismo che finirebbe per incidere negativamente sulla nostra immunità”. 

  • Risulterebbe improprio parlare di “seconda ondata”: il numero di ricoveri ospedalieri o di decessi ha mostrato un aumento minimo di breve durata nelle ultime settimane, e, inoltre, la stragrande maggioranza delle vittime appartiene ancora alla fascia di popolazione maggiore ai 75 anni. “La stragrande maggioranza delle persone “infette” testate come positive appartiene alla fascia d'età della popolazione attiva, che non sviluppa alcun sintomo o si limita a sviluppare sintomi modesti, a causa del buon funzionamento del sistema immunitario.”

  • Per quanto concerne il tanto invocato vaccino, si dichiara che le “Ricerche d’indagine sulle vaccinazioni antinfluenzali mostrano che in 10 anni siamo riusciti solo tre volte a sviluppare un vaccino con un tasso di efficienza superiore al 50%. Vaccinare i nostri pazienti anziani sembra essere inefficace. Oltre i 75 anni di età, l'efficacia è quasi inesistente.”

  • Inoltre, a causa della continua mutazione naturale dei virus, come accade ogni anno anche nel caso del virus influenzale, un vaccino potrebbe rappresentare, tutt’al più, una soluzione temporanea, richiedente ogni volta nuovi vaccini. Un vaccino non testato, che viene implementato mediante procedura di emergenza e per il quale i produttori hanno già ottenuto l'immunità legale da possibili danni, solleva seri interrogativi.

Non intendiamo usare i nostri pazienti come cavie.”

  • Il sistema mediatico, piuttosto che svolgere una funzione critica di ricerca della verità, volta a controbilanciare la comunicazione a senso unico del governo, è apparso (in contrasto con i suoi stessi codici deontologici) acriticamente succube di essa. “Ciò ha portato a una comunicazione pubblica nei nostri mezzi d’informazione, che era più simile a propaganda che a reportage oggettivi.”

  • La formula continuamente ripetuta secondo cui “un blocco era necessario, che questa era l'unica soluzione possibile e che tutti appoggiavano questo blocco” ha, di fatto, reso estremamente difficile poter semplicemente esprimere una diversa opinione.

Le opinioni alternative sono state ignorate o ridicolizzate. Non abbiamo assistito a dibattiti aperti sui media, dove si potrebbero esprimere opinioni diverse.”

  • Siamo stati anche sorpresi dai numerosi video e articoli di molti esperti scientifici e autorità, che sono stati e sono tuttora rimossi dai social media. Riteniamo che questo non si adatti a uno Stato costituzionale libero e democratico, tanto più che porta a una visione a tunnel. Questa politica ha anche un effetto paralizzante e alimenta la paura e la preoccupazione nella società.” 

  • Il bombardamento implacabile di cifre, che si scatenavano giorno dopo giorno, ora dopo ora, sulla popolazione senza interpretare quelle cifre, senza confrontarle con morti per influenza in altri anni, senza paragonarle a morti per altre cause, ha indotto una vera e propria psicosi di paura nella popolazione. Questa non è informazione, questa è manipolazione.”

  • Deploriamo il ruolo dell'OMS in questo, che ha chiesto che l'infodemia (cioè tutte le opinioni divergenti dal discorso ufficiale, anche da esperti con opinioni diverse) sia messa a tacere da una censura dei media senza precedenti.” 

Fonte: https://docs4opendebate.be/en/open-letter/

Read 1149 times Last modified on Domenica, 11 Ottobre 2020 13:14

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information