L'informazione non è un optional, ma è una delle condizioni essenziali dell'esistenza dell'umanità. La lotta per la sopravvivenza, biologica e sociale, è una lotta per ottenere informazioni.

Il 7° Eastern Economic Forum: la crescente deriva della Russia verso est  

By Fabrizio Vielmini August 23, 2022 864

 

A parte il fronte ucraino, Russia e America lottano nell'arena diplomatica globale. Mentre Washington si sforza di isolare Mosca, quest'ultima continua a costruire reti volte a sfidare la pretesa occidentale di essere ancora il centro della politica internazionale.

Insieme al crescente numero di visite di diplomatici russi nelle capitali del Terzo Mondo, Mosca organizza in patria eventi internazionali di alto livello che stimolano la cooperazione internazionale e aiutano a riorientare l'economia nazionale lontano dai mercati occidentali.

Dopo il “San Pietroburgo International Economic Forum” dello scorso giugno, dal 5all’8 settembre sarà la volta dell' ”Eastern Economic Forum” (VEF secondo l'acronimo russo di Vostochnyj Ekonomicheskij Forum), che si svolge annualmente nella capitale dell'Estremo Oriente russo regione, Vladivostok[1]. Entrambi gli eventi sono piattaforme internazionali intese a promuovere la comunicazione e la cooperazione tra membri della comunità imprenditoriale, personaggi politici, esperti e giornalisti russi e di altri paesi. In precedenza, poiché il forum di San Pietroburgo aveva lo scopo di costruire legami con i partner europei, la missione iniziale del VEF è di migliorare la cooperazione con paesi come il Giappone, ora parte della coalizione sanzionatoria guidata dall'Occidente. Nel contesto della pressione senza precedenti sulla Russia e della crisi globale creata dall'offensiva sanzionatoria occidentale, il VEF assume un significato speciale e importantissimo per la Russia intenta a riorientare l'economia nazionale verso i paesi dell'Asia orientale al di fuori del peso anglo-americano, sulla scia della strategia Pivot to Asia della Russia[2]. Pertanto si tenta di costruire schemi alternativi attraverso la periferia globale.

 

Infatti, quest'anno l'edizione VEF, la settima dal lancio del forum nel 2015, sarà all'insegna del titolo "Verso un mondo multipolare". L'evento di apertura sarà dedicato al “posto della Russia nella struttura mondiale” (con l'interessante sottotitolo “il diamante si cristallizza sotto pressione”).

Un altro dei principali panel VEF, denominato “Divisione globale del lavoro: rifiuto del vecchio e creazione di nuovi legami” riflette la particolare attenzione riservata da Mosca alle prospettive di sostituzione delle importazioni. In precedenza, il primo ministro russo Mikhail Mishustin aveva definito la sostituzione delle importazioni una priorità di sviluppo nazionale che vale ogni sforzo. Pertanto, nell'ambito del blocco, i partecipanti discuteranno delle opportunità per i paesi asiatici di entrare nel mercato russo e recuperare il posto liberato dal ritiro delle società straniere collegate all'Occidente. Si tratta di una gamma economica che va dai prodotti alimentari alle parti di automobili e aeromobili, il settore energetico rimane un'area di cooperazione di lunga data.

 

La Federazione russa  prende in considerazione paesi come l'India e il Myanmar, che hanno assunto una posizione neutrale nei confronti della guerra contro l'Ucraina e che ora dovrebbero inviare ospiti di alto livello all'evento. Il governo indiano è stato strettamente coinvolto nel successo delle precedenti edizioni del VEF[3]. Quest'anno, dopo la visita del consigliere per la sicurezza nazionale indiana Ajit Dowal a Mosca il 17 e 18 agosto, i due stati hanno avanzato la prospettiva di riconoscere i rispettivi sistemi di pagamento (Mir e RuPay), ciò che indebolirebbe ulteriormente il tentativo dell'amministrazione Biden di paralizzare il commercio estero russo escludendo le società nazionali dal sistema SWIFT.

La Russia sta quindi cercando di sfruttare le conseguenze del conflitto ucraino nelle sue relazioni con i paesi dell'Asia orientale. Il segretario del Consiglio di sicurezza russo (SC) Nikolai Patrushev ha recentemente esortato gli alti rappresentanti dell'Associazione delle nazioni del sud-est asiatico (ASEAN) a considerare l'impatto della politica sanzionatoria di Washington contro i loro paesi in termini di aumento dei prezzi del grano.

I russi scommettono anche sullo sviluppo di una connettività alternativa. Questo sarà al centro della sezione VEF "Ognuno ha la propria strada: la logistica di un mondo cambiato", in cui verrà discussa la prospettiva dei trasporti attraverso la catena orientale dell'Eurasia e l'Artico. Mosca vuole migliorare l'accessibilità delle ferrovie russe (BAM e Transiberiana) e delle infrastrutture aeroportuali al fine di strutturare uno spazio logistico e di trasporto senza soluzione di continuità per la Grande Eurasia.

 

Il VEF offre ampie opportunità per le società estere, la presentazione di significativi progetti reciprocamente vantaggiosi da parte degli investitori con la conclusione di accordi pertinenti. Secondo gli organizzatori, all'edizione VEF 2021 hanno partecipato più di 4.000 partecipanti (di cui 400 CEO) provenienti da 58 paesi, le delegazioni più numerose provenivano dalla Repubblica di Corea, Giappone, India, Cina, Kazakistan. Di conseguenza sono stati conclusi 380 accordi per un valore di 3,6 trilioni di rubli (60 miliardi di euro, tenendo conto solo degli accordi aperti, senza segreti commerciali). La tendenza è stata in aumento rispetto al 2019, quando sono stati firmati 270 accordi per un valore di 3,4 trilioni di rubli[4].

 

Il livello di partecipazione all'evento organizzato dalla Russia testimonia l'importanza attribuita a Mosca. Come nella precedente edizione, saranno presenti il presidente Vladimir Putin e la maggior parte dei ministri del blocco economico insieme ai vertici delle più grandi aziende russe. La presenza del leader russo, infatti, contribuisce alla conclusione degli accordi a garanzia della loro attuazione. Nella precedente edizione Putin ha parlato dei risultati dei raduni VEF definendo la Russia come parte integrante della regione Asia-Pacifico

Il presidente della Federazione Russa ha anche espresso la volontà della Russia di rendere le sue regioni dell'Estremo Oriente un potente centro di attrazione per le capitali e l'attuazione di idee imprenditoriali e progetti economici nuovi e innovativi. Il Forum mantiene la vocazione di aiutare a risolvere i problemi di questa parte della Russia per attrarre capitali di investimento dai paesi ricchi dell'area del Pacifico. L'anno scorso, nel quadro del VEF, la Russia e gli Emirati Arabi Uniti hanno alzato il livello della loro cooperazione bilaterale commerciale ed economica,[5] hanno concordato la partecipazione delle società degli Emirati Arabi Uniti allo sviluppo del porto di Vladivostok e alla creazione di un centro commerciale internazionale nella zona economica speciale avanzata della Kamchatka, annunciata per la prima volta all'EEF 2019.

 

Sicuramente, i russi discuteranno anche con i loro partner asiatici le mosse per compensare le previste azioni statunitensi nella mutevole geopolitica delle regioni Asia-Pacifico e Indo-Pacifico, poiché le iniziative delle potenze anglo-americane (IPEF PGII, AUKUS, QUAD) hanno mirato ad isolare Russia e Cina. Mosca ritiene quindi prioritario ampliare la cooperazione alternativa con la Cina e i paesi asiatici sia in formato bilaterale che multilaterale, nel quadro di architetture internazionali come EAEU, SCO, BRICS e altre associazioni.

 

Inoltre, in piena linea con l'attuale congiuntura della vita della Russia, c'è un’ultima area tematica "Il patriottismo per sostituire la tolleranza: siamo nostri, costruiremo un nuovo mondo". Si discuterà come promuovere il patriottismo tra i giovani e come orientarsi nei conflitti che diventano sempre più ibridi, interessanti ma sorprendenti all'interno di questo tipo di eventi.

 

Tutto sommato, il Forum sarà una prova della resilienza dell'economia russa con le sue capacità di resistere alle pressioni occidentali.

 

[1] Il Far East Economic Forum è organizzato da “Roscongress”, un'associazione del governo russo che sponsorizza anche altri forum internazionali, come il St. Petersburg International Economic Forum. Sito ufficiale del forum: https://forumvostok.ru/en/

[2] Il fulcro della Russia verso l'Asia: come la Russia e la Cina hanno previsto una nuova guerra fredda. L'impatto sull'efficacia delle sanzioni occidentali e le implicazioni globali, Asia Investment Research, marzo 2022, p. 55. https://asiainvestmentresearch.org/issue/russias-pivot-to-asia-how-russia-and-china-have-anticipated-a-new-cold-war-the-global-implications?autodownload

 

[3] L'anno scorso, il Primo Ministro indiano Narendra Modi si è rivolto virtualmente alla sessione plenaria del 6° VEF dove ha ribadito l'impegno dell'India di essere un partner affidabile della Russia data l'importanza di un maggiore impegno economico e commerciale con la Russia nel quadro del 'Partenariato strategico speciale e privilegiato' e in linea con l'"Act East Policy" dell'India. Va ricordato che il Primo Ministro indiano è stato il principale ospite del 5° EEF nel 2019, il primo da parte di un Primo Ministro indiano. Vedi: 6th Eastern Economic Forum (EEF), 06.09.2021, https://journalsofindia.com/6th-eastern-economic-forum-eef/

 

[4] https://bloknot.ru/e-konomika/na-puti-k-mnogopolyarnomu-miru-stalo-izvestno-kakie-temy-obsudyat-v-ramkah-vostochnogo-e-konomicheskogo-foruma-966371.html

 

[5] Nel 2020, i volumi degli scambi tra la Federazione Russa e gli Emirati Arabi Uniti sono stati pari a 3,27 miliardi di dollari, con un aumento del 78% rispetto al 2019, e hanno raggiunto i 4 miliardi di dollari nel 2021, con un aumento del 21% e un livello record. Nel gennaio 2021, gli Emirati Arabi Uniti hanno registrato il vaccino Sputnik V, simbolo della crescente cooperazione russo-emiratina negli investimenti e nei progetti congiunti, con eventi su larga scala tenuti in Russia a sostegno di questa tendenza.

 

Per gentile concessione di Vision & Global Trends

 

 

Rate this item
(0 votes)
Last modified on Tuesday, 11 October 2022 00:40
© 2022 FlipNews All Rights Reserved