L'informazione non è un optional, ma è una delle condizioni essenziali dell'esistenza dell'umanità. La lotta per la sopravvivenza, biologica e sociale, è una lotta per ottenere informazioni.

INTERVISTA A FRANCESCO AMODEO

By Andrea Signini December 14, 2022 423

 

L'attuale conflitto russo-ucraino, affonda le proprie radici in tempi cronologicamente non

distanti da oggi. Tempi che assumono tutt'altra estensione se inquadrati sotto l'ottica geopolitica da

dove si potrebbe arrivare a parlare – per assurdo – di un'era geologica fa. Il motivo di questa

“distorsione percettiva” risiede tutta nel fatto che la divulgazione offerta a partire dal tristemente

noto 20 Febbraio 2014 (massacro di Piazza Maidan a Kiev) dai mass media afferenti all'universo

del cosiddetto mainstream abbia deliberatamente seguito piste tutt'altro che convergenti a seconda

dell'obbiettivo da raggiungere nei diversi archi di tempo occorsi in questi nove anni.

L'inquinamento dei pozzi dell'informazione è solo uno degli strumenti utilizzati nell'intento di

riuscire a pilotare le menti e le coscienze della popolazione soprattutto occidentale. Infatti, non va

dimenticato che i tre quarti di mondo estranei al mainstream godano di tutt'altro regime relativo alla

teoria ed alla tecnologia dell'informazione e posseggano prospettive diametralmente opposte circa le

dinamiche che hanno condotto il pianeta sull'orlo di una guerra atomica per volontà degli stessi

occidentali sedicenti democratici.

Dunque, allo scopo di far chiarezza in questo mare di menzogne ad orologeria, ho deciso

d'intervistare Francesco Amodeo. Senza ombra di dubbio, il giornalista italiano più esperto in

smascheramenti. Sua la locuzione:

“Complottista è chi racconta cose incredibili che non può

dimostrare. Io ho dimostrato cose incredibili che non potevano essere

raccontate”.

Da questo incontro è nata la seguente intervista. Chi avrà l'opportunità di leggerla, ne uscirà

con una prospettiva scevra da qualsivoglia aspetto retorico negativo e sfavorevole. Ma soprattutto

ricaverà il dato essenziale: la capziosità dei “professionisti dell'informazione” non si arresta

nemmeno davanti alla minaccia nucleare.

D:

Il titolo del suo ultimo successo editoriale s'intitola “Perché il conflitto è NATO”. Al di là dell'acuto

gioco di parole, qual è il carattere dominante dell'opera e – se c'è – qual è la scintilla che ha acceso

l'iter delle complesse ricerche?

R:

In buona sostanza, si tratta di un esercizio che possiamo paragonare ad una sorta di imponente

riassunto. Un lavoro di emeroteca che ho inteso condurre allo scopo di sbattere la realtà in faccia a

chi, incurante dei danni provocati da una distorta informazione, si ostini a farne di nuovi ogni

giorno arrivando persino a contraddirsi pur di continuare ad assecondare i desiderata di scaltri

editori mossi da interessi spesso inconfessabili. E per riuscire in questo intento – salvo rarissime

eccezioni – ho fatto uso di fonti esclusivamente occidentali. Statunitensi in primis; ovvero quelle

provenienti dalla Nazione che più di tutte ha interesse a mantenere celati determinati aspetti per

scongiurare scomodi conflitti senza confini, per intenderci.

Poi, quando mi sono sentito sicuro e soddisfatto del materiale raccolto, non ho fatto altro

che riunire le tessere, dando così forma ad un mosaico completo intelligibile a chiunque.

La parte iniziale mi ha particolarmente impegnato. Non è stato facile ripercorrere quelle

che erano state spacciate come le ragioni ufficiali che avrebbero portato Putin a prendere le

distanze dall'Alleanza Atlantica e da altri riferimenti internazionali, e ridare forma a quello che

una forma non aveva. È il solito giochino volto a responsabilizzare solo ed esclusivamente un

soggetto per farlo apparire pericoloso, sporco e cattivo agli occhi dell'opinione pubblica. Si

definisce propaganda. Ed è proprio questa la prima vittima di cui liberarsi se si ha intenzione di

fare le cose come si deve.

Per venire alla seconda parte della domanda, rispondo dicendo che la scintilla che ha

acceso l'iter delle ricerche è riconducibile al massacro di Piazza Maidan del 2014. Anche qui,

stesso copione: da un lato la versione secondo cui il popolo sarebbe sceso in piazza al fine di

ottenere le dimissioni dell'allora Presidente ucraino Janukovyc accusato di non aver inteso

sottoscrivere determinati accordi europei perché ritenuto mero fantoccio nelle mani di Putin; e

dall'altro chi vedeva in quel bagno di sangue di innocenti un vero e proprio colpo di Stato ai danni

                 Francesco Amodeo

del popolo ucraino poi costretto a nuove elezioni sotto asfissiante controllo statunitense affinché

dalle urne uscisse un premier inviso alla Russia ma ben visto dai controllori.

Stante il fatto che la verità è una solamente, mi sono messo a studiare per ricostruire con

documenti alla mano se Janukovyc fosse realmente filorusso o meno. Io stesso vengo individuato

come filoputiniano da coloro i quali sono impegnati da mattino a sera a raccontare menzogne solo

perché racconto la verità vera e non mi allineo a quella ripetuta dal mainstream.

D:

Si accennava alle diverse fonti giornalistiche occidentali. Quale, tra le molte consultate, le ha

consentito di dare il là al lavoro di recupero delle tessere del mosaico?

R:

Senza dubbio un articolo apparso sul settimanale tedesco Der Spiegel risalente al 2014. Pezzo che

ho ampiamente citato nel mio lavoro. In esso si riportava chiaramente che l'ex Presidente ucraino

non fosse affatto filo-russo e men che meno filo-putiniano. Anzi: Putin stesso – si legge sempre in

quell'articolo – “aveva disprezzo per Janukovyc” in quanto costui agisse alla costante ricerca di

stringere accordi con chiunque fosse stato in grado di garantire prosperità all'Ucraina. Per costui,

Russia o Europa non erano che interlocutori dai quale ottenere le condizioni migliori, non so se mi

spiego: stava applicando i criteri politici a vantaggio del proprio popolo, esattamente quello che

qualunque premier dovrebbe fare.

D:

Ci aiuti a comprendere più da vicino la natura di questi accordi che l'ex Presidente ucraino fosse

intenzionato a portare a casa e per quali ragioni si è poi giunti al massacro di gente innocente.

R:

L'Europa stava cercando in tutti i modi di applicare una sorta di Troika in territorio ucraino

mediante l'imposizione dell'abbassamento del prezzo del gas di un folle 40% e la svalutazione della

moneta locale del 25%. E pur di far cadere nel tranello l'amministrazione ucraina, aveva fornito

allo stesso Janukovyc grafici e prospetti inattendibili contenenti cifre sballate e relazioni

inattendibili redatte da una società privata tedesca. Ecco perché costui arrivò a parlare di

“suicidio politico” ad un passo dalla fine del proprio terzo mandato. Prova ne è che i medesimi

conteggi fatti dalla Germania sulle perdite che avrebbe avuto l'Ucraina nel chiudere i rapporti con

la Russia risultavano 50 volte inferiori rispetto alla realtà. Un'assurdità! Ed ecco spiegato il motivo

per cui egli divenne dall'oggi al domani un “tremendo putiniano nemico dell'UE”. Il resto è storia,

come preciso nelle oltre 530 pagine della mia opera.

D:

Potrebbe accennare al ruolo svolto dal Fondo Monetario Internazionale nella faccenda dei fondi da

destinare all'Ucraina in quell'anno?

R:

Il ruolo svolto dal FMI fu quello di rispondere a Janukovyc che siccome si era rifiutato di

sottoscrivere gli accordi così come presentati dall'UE e siccome si era rifiutato di attuare le riforme

di cui sopra (riduzione costo del gas e svalutazione monetaria) la sua richiesta era da ritenersi

nulla ed inammissibile. Ergo, all'ex premier non rimase che accettare l'offerta di Mosca ma così

facendo non fece che cadere nell'altra trappola che il progetto “WIN TO WIN” escogitato da EU e

USA prevedeva. In parole povere, egli non avrebbe avuto speranze di essere rieletto o comunque

avrebbe affamato il suo popolo lasciando la Nazione nelle mani del sistema cleptocratico che ben

conosciamo. Altrimenti si sarebbe ritrovato isolato e con un esercito di manifestanti orchestrati da

“fondazioni” riconducibili ai soliti “filantropi” che lo avrebbero costretto alla fuga se non a

rimanere appeso a qualche lampione.

D:

La storia che il FMI abbia rifiutato l'occasione di sfruttare una Nazione ricca come l'Ucraina suona

un po' curiosa. Thomas Sankara, martire per eccellenza, rivelò al mondo come funzionasse il

meccanismo di vampirizzazione delle risorse. Qual è la sua riflessione in merito a questo

inspiegabile diniego?

R:

Credo che sia giunto il momento di far luce sul ruolo svolto da una donna nota a pochi la cui

influenza internazionale è devastante. Sto parlando della statunitense Victoria Nuland, attuale

Sottosegretario di Stato USA. Al tempo impegnatissima sul fronte ucraino sempre con la medesima

carica, l'equipollente del Viceministro degli Esteri italiano per intenderci. Costei fece di tutto per

mandare in fumo le aspirazioni di Janukovyc di ottenere fondi dal FMI poiché intenzionata a

mettere le mani direttamente dentro ai meccanismi del governo ucraino, chiaro? A lei ed agli USA

di Obama già fiaccati dalla pessima performance in Siria in cui proprio l'appoggio russo aveva

messo in crisi Washington, non era sufficiente far rientrare l'Ucraina tra le Nazioni

finanziariamente schiavizzate ma intendevano proprio farne un loro possedimento confinante con

la nemica russa. Lei e non altri ha messo in piedi quella rivolta a Kiev. Tant'è vero che

nell'intercettazione con l'ambasciatore in loco, lei aveva già comunicato la lista dei nomi di chi

avrebbe dovuto assumere formalmente il potere, riferendo il nome del primo ministro da lei stessa

individuato nella persona di Yatsenyuk.

Quello che davvero lascia a bocca aperta è che nessuno del mainstream abbia mai mostrato

o commentato la figura di questa americana in Piazza a Kiev che si faceva riprendere sul palco

assieme ai rivoltosi che avrebbero avuto la loro parte in commedia. Tutti accompagnati dagli

slogan dell'invasato neocons McCain che arringava col microfono in mano: “Voi avete bisogno

dell'Europa e l'Europa ha bisogno di voi”. Una messinscena surreale interpretata da una coppia di

stranieri che stava ordendo piani occulti a danno di un intero popolo sino al momento in cui è

scoppiato l'inferno con ammazzamenti inenarrabili che hanno visto una sola regia.

D:

Qualcuno ha idea di chi fossero i “cecchini” che hanno aperto il fuoco sulla Polizia e sui

manifestanti? Per quale ragione non ne venne catturato ed interrogato nemmeno uno? Da chi erano

pagati e quale sarebbe stata la loro nazionalità?

R:

Rispondo attingendo ancora una volta al Der Spiegel in merito ad una intercettazione telefonica

che ho riportato nel mio lavoro. Vi erano coinvolti da un capo della linea l'allora Ministro degli

Esteri estone Urmas Paet e dall'altro l'Alta Rappresentante per la politica estera e la difesa dell'UE

Catherine Ashton; colei che venne poi sostituita nel ruolo dalla Nogherini. Ebbene, in quella

conversazione l'estone – che era appena rientrato da una visita ufficiale proprio a Kiev – affermò:

“Tanto tra le persone quanto tra i manifestanti ci sono stati morti

ammazzati da cecchini. E quegli stessi cecchini uccidevano persone su

entrambi i fronti. Ho l'impressione che dietro a questi cecchini non vi sia

Janukovyc ma qualcuno della nuova coalizione filo-occidentale”.

D:

Si è fatto un'idea sul come mai proprio in Germania i suoi colleghi giornalisti siano stati i primi ad

aver osato raccontare i fatti per come stessero?

R:

Ritengo opportuno ricordare che nel 2014 la Germania a trazione Merkel non avesse alcun tipo di

evidente frizione con la Federazione Russa. Anzi! L'accordo di fornitura del gas godeva di ottima

salute e garantiva all'industria tedesca tutto l'approvvigionamento necessario a costi pattuiti e

concordati. Nulla a che vedere con i macabri resoconti di oggigiorno. La stampa indipendente

interna stava semplicemente riportando i fatti, niente di così eccezionale. Per giunta i tedeschi

hanno una sorta di handicap nei confronti dell'uso della violenza. Una ferita tutt'ora aperta e mal

digeriscono scene come quelle occorse in Piazza Maidan per giorni e giorni.

D:

Ricapitolando, abbiamo due necons americani intenti a selezionare fisicamente i futuri burattini da

piazzare a capo dell'Ucraina; un Presidente con l'acqua alla gola ed un'intera nazione inondata di

propaganda dem-pro-nato. La domanda è: non manca nessuno all'appello o c'è ancora qualche losco

figuro dietro le quinte?

R:

C'è e risponde al nome di Gyorgy Schwartz, più conosciuto come Geroge Soros, [arcinoto

“filantropoH” con l'H finale come scienzaH, NDR]. Costui, in quel 2014, rilasciò un'intervista alla

CNN, intervista poi ripresa pure da IlSole24Ore in cui si piccava impunemente di “aver contribuito

a rovesciare il governo filo-russo”. Egli, al pari dei succitati McCaine e Nuland, era certo che non

appena gli USA fossero riusciti a sbarazzarsi del Presidente ucraino, Putin si sarebbe vendicato

entrando in guerra giustificando così il loro ingresso nell'agone militare per procedere ad

esautorare anche lui da Mosca come Janukovyc da Kiev.

Errore! Si sbagliavano di grosso. Non soltanto la Russia non ha raccolto la provocazione.

Ma ha accolto e protetto Janukovyc, non si è chiusa in un angolo come erroneamente previsto ma

soprattutto Putin sta ancora dove stava mentre Obama è stato spedito nel dimenticatoio

dall'elezione di Trump il quale per tutto il mandato ha mandato in soffitta tanto la questione

ucraina quanto quella siriana poiché intelligentemente edotto circa le insidie rappresentate dal

rafforzamento dei rapporti russo-cinesi. Addirittura il chiacchierato Biden è giunto ben oltre la

metà del proprio mandato e nulla è cambiato negli assetti interni russi.

I lobbisti americani che si riconoscono sotto la definizione di “realisti” come Henry

Kissinger per capirci, pur mantenendo l'impianto di un'America al centro del Mondo, mettono sul

chi va là i neocons: “Un conto era il 2014, un conto è oggi. La nostra leadership è minacciata

dalla Cina di Xi. Se non utilizzeremo la Russia in funzione anticinese, saremo destinati a cedere lo

scettro del potere” [cosa che è inevitabile, NDR].

Per tutta risposta i guerrafondai dem e neocons cos'hanno scelto di fare? Far combattere

una guerra per procura all'Ucraina contro la Russia e quindi sono tornati al vecchio progetto con

un ritardo di anni. Anni in cui la Russia ha stipulato accordi e rafforzato intese che non lasciano

scampo.

D:

Dunque, riassumendo il tutto, sarebbe corretto sostenere che l'attuale allargamento del conflitto

bellico da un'area ben circoscritta extra-NATO all'intera Europa con annessi e connessi – vedasi

rischio nucleare – sarebbe imputabile alle sole smanie di dominio di quel gruppo statunitense

formatosi dall'unione di parte dei neocons (che sono l'ala estremista del Partito Repubblicano) con i

dem-neorealisti (l'ala radicale del Partito Democratico) di stampo guerrafondaio legati manie piedi

al complesso militare ed industriale americano che sostanzialmente foraggia le campagne elettorali

dei candidati della sinistra USA?

R:

Esattamente così. La forte pressione dell'opinione pubblica ha comportato una naturale quanto

inevitabile spaccatura interna agli apparati statunitensi stessi i quali si sono raggruppati su due

diversi fronti. Da un lato troviamo chi ha la consapevolezza di non potersi spingere oltre quello che

è già stato fatto, dall'altro chi invece soffia sul fuoco per lasciare la patata bollente nelle mani di

un'Europa altrettanto incapace di mantenere una condotta unanime; è la cosiddetta “guerra per

procura” che comunque non potranno mai vincere. Ecco perché ora c'è chi spinge a tutta forza

affinché si riesca ad individuare una “exit strategy” [una via d'uscita NDR].

Il tempo è poco, a Washington sanno benissimo che una forzatura in tal senso, darebbe

fuoco alle polveri e ciò significherebbe catapultare gli Stati Uniti d'America in una guerra civile. E

dico di più: a causa dei rincari, la vita dell'americano medio sta peggiorando. Vedremo a breve

cosa accadrà.

D:

Ma l'Europa Unita che fa? Sta a guardare?

R:

Gli ordini che giungono dal settore d'oltreoceano, sono spesso contraddittori. Lo ripeto: non c'è

una linea comune. Oggi si afferma il contrario di ieri e domani chi lo sa. Basta gettare lo sguardo

ai quotidiani italiani ed europei per rendersene conto. Provate a farlo voi stessi, semplicemente

accedendo agli archivi delle varie testate e andate a contare quante volte, in un arco di soli trenta

giorni, abbiano mutato equilibri.

Voglio essere ancor più incisivo: l'ala dem-neocons che oggigiorno comanda in America ha

una radice del tutto diversa da chi comanda qui in Europa dove da sempre è il settore che fa capo

al Club Bilderberg a dettare legge; sto parlando di quel Bilderberg che vede in certi uomini come

Kissinger i diretti capi cui affidarsi. E Kissinger, difatti, è proprio tra quelli che tenta di frenare

l'escalation.

D:

Come mai un uomo scaltro e dotato di esperienza impareggiabile come Kissinger si spende per una

soluzione pacifica? L'età lo ha fatto rinsavire?

R:

Magari! La verità è che costui sa benissimo che se gli USA dovessero portare ancora avanti questo

conflitto, ne usciranno perdenti a tutto vantaggio del loro vero nemico numero uno, la Cina di Xi

Jimping.

D:

La vecchia volpe emana segnali distensivi per scongiurare un rafforzamento cinese in chiave

antiamericana, l'Europa non sa che pesci prendere, mentre sul Gran Palco della Corona alla Scala

Mattarella, Meloni, Larussa e la von der Leyen assistono alla Prima del “Boris Godunov”

capolavoro ottocentesco del Maestro russo Mussorgskij, Opera drammatica in cui lo Zar di tutte le

Russie muore. Che lettura ne dà?

R:

Costoro non comunicano secondo quelli che sono i canali e le modalità convenzionali. Attenzione!

Emanano segnali specifici all'indirizzo di chi sa decodificarne alla perfezione il contenuto. Non

sono un uno di questi ultimi ma so per certo che quell'istantanea, ripresa in quel luogo in cui è

andato in scena un capolavoro russo quando sino al giorno prima solo ordinare un'insalata russa

avrebbe gettato nel panico le segreterie di mezzo Continente, gli applausi di un quarto d'ora e l'eco

recuperata a mezzo stampa e letteralmente sparata nell'etere ai quattro punti cardinali, significano

qualcosa di ben preciso. Siamo alla vigilia di un cambiamento. E per dare il benvenuto a questo

nuovo ciclo, si è reso necessario ripartire dal Teatro più famoso d'Europa che sorge in una Italia

che da due mesi a questa parte ha la prima donna della storia a Palazzo Chigi.

D'altra parte, anche gli Stati Uniti comunicano a loro modo, ad esempio premiando i

cosiddetti “personaggi dell'anno”. E cosa rappresenterebbero queste premiazioni se non

l'adamantina emanazione di un segnale a tutto il resto del mondo di chi può essere considerato un

loro uomo? La stessa premiazione recentemente toccata a Draghi ha funzionato come

ufficializzazione dell'affidabilità di costui al mondo che conta: garantiamo che è dei nostri. E

questo lo hanno compreso benissimo in Germania come in Francia ed altrove. Gli hanno dato il

bollino blu come si fa coi frutti maturi e garantiti.

D:

Ricordo di aver letto in un suo libro di qualche anno fa intitolato “Il Diego rivoluzionario” che

Maradona ebbe a rifiutare denaro e premi offerti dal solito Kissinger. Vuole aggiungere un

commento?

R:

Molto volentieri. Fu proprio allo scopo di sottrarre Maradona dall'influenza di stampo castrista

che Henry Kissinger decise di rivolgergli un invito ufficiale prontamente rispedito al mittente.

Correva l'anno 1987, El Pibe de Oro lo sportivo più famoso in quel mondo aveva appena vinto i

Mondiali dell'anno precedente in Messico. Teniamo presente che al tempo il Mondo era ancora

ancora spaccato in due dalla Guerra Fredda. Nonostante il rifiuto servito, Kissinger reiterò

l'offerta in occasione dei Mondiali USA '94 (Mondiali di calcio che vedevano proprio Kissinger nel

direttivo). L'offerta fu di ben cento milioni di dollari. Ma non appena Diego Armando Maradona

apprese che le clausole contrattuali prevedessero l'impossibilità di recarsi nuovamente a Cuba e

rinnegare Castro per ottenere la cittadinanza americana, stracciò il contratto e fu così che finì nel

mirino di certi apparati fino alla squalifica. Il resto è storia.

D:

Ritorniamo ai giorni nostri. A suo avviso, esiste davvero una differente manovra propagandistica

nel bacino mediterraneo rispetto a quella che viene attuata al Nord di questa Europa politicamente

segmentata?

R:

Personalmente ritengo che la nostra informazione sia quella più sfacciatamente infiltrata rispetto a

tutte le altre. E lo affermo sulla base degli studi condotti in questi ultimi tempi in cui ho passato in

rassegna le testate di tutta Europa ed ho potuto notare questo elemento incontrovertibile. Volendo

fare un esempio, ricordo che in tempi non sospetti, la nostra stampa qualche anno fa manteneva

tutto sommato un atteggiamento non proprio imparziale ma contenuto, questo sì. Chi al tempo

parlava esplicitamente di neonazisti ucraini erano quelli che ancora oggi scrivono su La Stampa

ma non si azzardano a riproporre le loro analisi del 2014. Anzi questo articolo cui mi riferisco è

stato rimosso dall'archivio. Non so se mi spiego. Altrove, questo genere di censure non avvengono.

Poi, quando un giorno arrivi a vedere in trasmissione una Monica Maggioni ospite di Lilli

Gruber, ti cadono le braccia, per voler rimanere nell'alveo della buona educazione! La prima,

membro della Commissione Trilaterale, lobby anglo-statunitense e l'altra esponente di spicco e

presenza fissa del Club Bilderberg. E cosa arrivano a sintetizzare le due signore? Che Putin è

cattivo e l'altro è buono. Come se non bastasse, quando il giorno dopo, sempre in televisione, trovi

ospiti Enrico Letta, noto lobbista legato sia alla Trilateral sia al Bilderberg e l'ambasciatore

Massolo famoso membro del board della Trilaterale e uomo vicino ai servizi segreti i quali

triangolano con un Gianni Riotta, capisci che siamo al paradosso perché se fai parte di quel

genere di circoli decisamente atlantisti, non puoi essere attendibile nei giudizi sugli USA. Ergo non

puoi venirmi a spiegare le dinamiche geopolitiche e gli assetti del Mondo contemporaneo, perché

sei un player. O meglio, se proprio intendi farlo, almeno abbi l'onestà di inserire una equivalente

partecipazione di membri esterni a quel mondo.

D:

Secondo il suo punto di vista, quanti esperti di geopolitica possono dirsi veramente estranei

all'influenza di questi grumi di potere?

R:

Le rispondo, portando un esempio che mi ha particolarmente deluso. La mente più lucida è quella

di Dario Fabbri, ex prestigiosa firma della rivista Limes. Forbito nel lessico, acuto nelle

interpretazioni, inappuntabile nelle ricostruzioni e preparato come nessun altro. Un vero esperto

della materia che purtroppo è passato al lato oscuro da quando ha abbandonato Caracciolo per

andare a lavorare col gruppo di Stefano Feltri, interno al Club Bilderberg. Sentirlo parlare ora, fa

cadere le braccia!

D:

Prima di giungere alle conclusioni finali, sarei curioso di sapere come crede che verrà accolta dagli

italiani la stangata che si sta per abbattere sull'economia.

R:

Il problema è di ordine matematico: quando ti arriva una bolletta con uno zero in più rispetto

all'anno precedente, non c'è retorica politica che tenga. La storia che ci sia un pazzo che ha invaso

un altro Paese, non regge come spiegazione. La politica può aggrapparsi – come in effetti sta

facendo – alla qualunque, perfino arrivando a strumentalizzare le morti dei bambini pur di

giustificare le sanzioni che si collocherebbero all'origine dei rincari. Ma questa, parliamoci chiaro,

è una narrazione e la realtà è ben altra! Quando le aziende chiudono e la disoccupazione aumenta

e con essa diminuiscono i consumi a fronte di aumenti di ogni genere, il tempo a disposizione è

poco e devi agire dando soluzioni. Nel mio libro riporto un articolo de IlSole24Ore di tempo fa in

cui veniva offerta una onesta ricostruzione sulle politiche energetiche, gas in particolare. E si

sottolineava il fatto che importarne dagli USA con tutte le complicazioni che ciò determina,

sarebbe stata una scelta insensata. Siamo alle ultime battute. In pochissimi sanno misurarsi

davvero con temi come il MES. Ma quasi tutta la popolazione è in grado di afferrare la questione

del gas perché c'è poco da ricamare. Ad esempio, coi vaccini hanno capziosamente scomodato la

scienza-h ben consapevoli che la gente comune, non avendo alcuna competenza in materia,

avrebbe teso – come in realtà è accaduto – istintivamente a dare credito al primo che ne parlasse

in maniera autorevole. Ma qui – ripeto – è la matematica di base che conta.

D:

Chiudiamo dando uno sguardo al nuovo panorama parlamentare. In parecchi, all'inizio del conflitto

russo-ucraino – e mi riferisco a partire dal 2014 ovviamente – hanno, col trascorrere del tempo,

ritrattato le proprie posizioni. Se la sente di fare qualche nome?

R:

Il primo che mi viene in mente è Lorenzo Fontana, attuale Presidente della Camera dei Deputati il

quale, nel 2017, si fece latore di una interrogazione parlamentare in sede europea riportando

l'intercettazione telefonica di cui sopra, quella tra Paet e la Ashton. Egli, dopo aver appreso che i

famosi cecchini fossero mercenari al soldo di ambienti occidentali, domandò come fosse possibile

schierarsi a favore della coalizione antirussa arrivando a negare che la Russia fosse stata vittima

di un colpo di Stati nei propri confini.

La stessa Meloni, a mio parere, è stata scelta proprio perché nel momento in cui questa

narrativa verrà a cadere, servirà una testa da offrire sul piatto dei responsabili. Una sorta di capro

espiatorio per intenderci. E se consideriamo che la sporcizia sotto al tappeto non è poca, è

questione di tempo e lo scandalo colpirà. Pensiamo al segreto militare imposto sulla fornitura delle

armi al governo ucraino. Un unicum nel panorama mondiale. Intendo dire che solo qui da noi in

Italia, il Governo si nasconde dietro al segreto militare per non rivelare al proprio popolo se sta

inviando una rivoltella o un carrarmato o cento missili. Ci sono nomi importanti dietro tutto ciò,

vicini ad ambienti in cui si scherza poco. Perfino Lucio Caracciolo ha sollevato la questione sulla

rivista che ha fondato e dirige.

Che ci sia una regia occulta, è palese. Ma prima o poi qualcuno capirà, verrà a conoscenza

dei fatti reali. E lì ci si domanderà, ad esempio, come mai non si siano spesi pochi milioni di euro

per mettere in sicurezza Casamicciola ma dissipati patrimoni immensi per le armi. Perché si tenga

bene a mente un fatto: qui paga pantalone! L'Italia paga le armi che invia e la spesa viene fatta

ricadere direttamente nelle tasche del popolo. Non sono fondi speciali europei o baggianate simili.

Ma anche questo elemento, credo non sia abbastanza diffuso e la casalinga di Vigevano o l'operaio

di Terracina non lo sanno perché il mainstream se ne guarda bene dal dirglielo.

D:

Non mi sorprende che nei salotti in cui viene offerto lo “spezzatino mediatico” di braudeliana

memoria, lei e quelli come lei non trovino spazio.

R:

Se mi invitassero, in mezz'ora, ribalterei il piano della percezione di tutta la popolazione. Sono i

trenta minuti che solitamente utilizzo quando presento il mio libro nei vari luoghi presso cui vengo

invitato. Loro lo sanno benissimo. Mi temono e non corrono il rischio che ciò possa accadere.

D:

Quanto le è costato l'aver intrapreso la carriera di giornalista d'inchiesta?

R:

Confesso che mi è costata parecchio. Ad un figlio lo sconsiglierei. Con ciò non voglio mandare un

messaggio fuorviante. Adoro il mio lavoro e adoro farlo quotidianamente con passione e sacrificio.

Dico solo che le difficoltà incontrate sono state e continuano ad essere moltissime. Se ne

presentano di nuove ogni giorno, solo perché non sono allineato. Solo perché non mi piego. Ad

esempio, di recente, mi è stata cancellata una pagina social che contava oltre mezzo milione di

iscritti. Per non parlare di tutta quella serie di angherie e sotterfugi che sistematicamente incontro

sempre nell'ambiente dei social attraverso cui mi faccio conoscere e pubblicizzo il frutto del mio

lavoro per guadagnarmi onestamente da vivere. Ebbene, il mio nome magari appare ma il link non

funziona; oppure i miei libri vengono presentati in elenco nei siti di maggior diffusione ma al

momento dell'acquisto un messaggio informa i miei clienti che l'opera non è disponibile.

Ormai ho imparato e so come aggirare anche questo genere di bassezze. Giro tutta Italia da

Nord a Sud godendomi l'incontro col mio pubblico. E questa è l'altra faccia della medaglia. È

bellissimo salire a bordo di un treno o di un aereo ed essere riconosciuto da gente che mi manifesta

un'ammirazione che mai avrei potuto immaginare. Quasi mi commuovo quando mi sento

ringraziare per il lavoro che faccio. E mi domando: ma di cosa mi dovrebbero irngraziare? Io

lavoro, faccio il mio. Mica quando vai dal fornaio lo ringrazi perché ha impastato a cotto la farina,

no? O chi ha asfaltato un tratto di strada o il benzinaio che ti fa il pieno. Sono mestieri come

mestiere è il mio. Però poi a ben pensarci comprendo che mi ringraziano perché grazie al mio

lavoro hanno compreso che per anni sono rimasti in ostaggio di una propaganda volgare che ha

impedito loro di aprire lo sguardo sulla realtà. E questo, non ha prezzo.

D:

Chi volesse acquistare i suoi libri od invitarla a presentarli, come può mettersi in contatto con lei?

R:

Semplicemente accedendo ai siti www.matrixedizioni.it o www.francescoamodeo.it od inviando una mail a This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Rate this item
(1 Vote)
© 2022 FlipNews All Rights Reserved