L'informazione non è un optional, ma è una delle condizioni essenziali dell'esistenza dell'umanità. La lotta per la sopravvivenza, biologica e sociale, è una lotta per ottenere informazioni.

UFO E IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

By Andrea Signini August 27, 2023 934

 Intervista alla dottoressa Francesca Bittarello

 

 Il fenomeno UFO è uno di quelli che spacca letteralmente in due l'opinione pubblica, viene trattato da due sfere di “competenti” l'una pro l'altra contro ed ovunque venga affrontato, semina una scia di polemiche interminabile da sempre. In questa intervista scoprirete alcuni dettagli che forse prima d'ora non vi erano noti e scoprirete anche che esistono in commercio pubblicazioni dedicate di tutto rispetto che rimangono una fonte straordinaria soprattutto alla luce del fatto che le stesse provengono da organi ufficiali, esattamente quelli che i “debunkers” (persone prezzolate che per vil denaro si abbassano a negare l'evidenza e ad insinuare il dubbio) badano bene a non citare per poter continuare a simulare una scioltezza che non appartiene loro.

L'intervistata è la Dottoressa Francesca Bittarello, geografa laureatasi presso l'Università "La Sapienza" di Roma con una tesi in Geopolitica e Geostrategia militare, nata dalla collaborazione con "Rivista Aeronautica", l'organo divulgativo ufficiale dell'Aeronautica Militare. Assieme alla Bittarello, vera e propria autorità in campo aeronautico ed ufologico, prolifica autrice, fondatrice della casa editrice Lux-Co Edizioni, già perito ufologico e padrina di Kermesse Ufologiche e Aeronautiche, in questa intervista scopriremo i files più affascinanti riguardanti avvistamenti di oggetti e soggetti UFO che ancora non trovano una risposta capace di soddisfare gli uni e gli altri.D: sappiamo che su cento avvistamenti, soltanto un misero 5% riesce davvero ad inchiodare gli esperti come lei al tavolo. Potrebbe illustrare per sommi capi quali siano i criteri che applicate in fase di analisi?

R: esattamente così. In media, soltanto un ristretto 5% di casi analizzati riesce a non trovare corrispondenza alcuna con quelli che potrebbero essere banalmente gli effetti dell'attività umana nei cieli. La nostra attività consiste nell'eseguire una serie di approfondimenti rispettando un protocollo severissimo facendo attenzione a non tralasciare il benché minimo dettaglio prima di passare alla fase di analisi successiva poiché ciò comporterebbe una leggerissima variazione sulla scala delle valutazioni che a lungo andare finirebbe inesorabilmente con lo spostare il risultato finale altrove. Un po' come accade in fase investigativa nel campo del crimine: si procede con il disporre sul tavolo ogni elemento noto, si interrogano i testimoni, si confrontano orari, presenze, si eseguono accertamenti sulle biografie dei soggetti coinvolti... insomma un lavoro certosino che nulla a che vedere con le analisi frettolose di improvvisati che si spacciano per esperti.

D: questo 5% come viene ricavato e come viene scartato il restante 95%?

R: la stragrande maggioranza delle persone non è a conoscenza di quelli che possono essere i numerosissimi tipi di velivoli sia civili sia militari che si spostano nell'aria. Questo fa sì che l'avvistamento di uno o più di questi velivoli di progettazione umana possano essere scambiati per qualcosa che non sia umano. E, conseguentemente, spinge l'avvistatore o gli avvistatori ad inoltrare segnalazione agli organi competenti i quali hanno il dovere di accertarne l'origine e quindi iniziano a svolgere quelle che possiamo definire “indagini preliminari” aventi lo scopo di effettuare una scrematura iniziale. Un esempio che desidero portare ai suoi lettori è quello relativo ai rotori di determinati tipi di elicotteri per il volo notturno che – per esser chiari con chiunque – sono dotati di fonti luminose. Molto spesso accade che queste fonti luminose vengano avvistate ed immediatamente segnalate. Negli uffici competenti, basterà raccogliere orario dell'avvistamento, confrontare le coordinate del luogo in cui l'avvistamento si è verificato e controllare se a quell'ora fossero in corso esercitazioni od attraversamenti di spazio di cielo da parte di velivoli militari (come nel caso dell'elicottero a rotore luminoso) ed ecco che la scrematura iniziale offrirà spontaneamente la risposta!

Diversamente, qualora ogni tipo di incrocio di dati continuasse ad offrire risultati non in linea con le attività di esercitazioni note o meno, ecco che entrano in funzione altri tipi di esperti che eseguiranno altri tipi di approfondimenti sino a trovare una risposta.

D: quante volte le capita di ripassare al vaglio le prove?

R: per correttezza professionale devo rispondere con franchezza e dirle che in realtà, prima di apporre una firma in calce alle mie analisi, ripasso tutti gli elementi al vaglio un numero incalcolabile di volte. Nemmeno io saprei dirle quante, in verità. Possono essere necessari giorni come anche settimane o mesi talvolta. Il mio è uno di quei lavori che devi svolgere per passione altrimenti non ce la puoi fare. A me capita di ripensare ai dettagli dei casi che analizzo anche mentre mi trovo alla guida della mia vettura o mentre sono seduta sulla poltrona di un treno. Non ho orari e spesso vengo colta da illuminazioni nei momenti più disparati della giornata.

D: quindi sarebbe corretto asserire che il suo libro intitolato “UFO a Roma, Volume 1” (l'autrice ha pubblicato diversi volumi aventi ad oggetto il tema UFO consultabili presso il sito della casa editrice ) sia nato collezionando tutte le sue esperienze di una vita professionale dedicata al fenomeno UFO ed aeronautico?

R: in buona sostanza sì. Ma in queste pagine ho inteso portare a conoscenza dei lettori ogni ambito riguardante le tecniche di cui sopra e soprattutto ho voluto donare al grande pubblico un qualcosa di inedito: quel famoso 5% di casi inquadrato ed analizzato da me, con la mia esperienza e la mia credibilità duramente conquistate sul campo in un quarto di Secolo di analisi ufologica.

D: non le chiederò di anticipare i contenuti dell'opera però le chiederò un qualcosa per i lettori di flipnews.org che sono tradizionalmente attenti, curiosi ed esigenti. Negli oltre trecento casi analizzati e riportati nel libro, qual è quello che l'ha maggiormente colpita?

R: ci troviamo presso la tenuta del Presidente della Repubblica Italiana di Castel Porziano. Erano le ore 21:32 del 25 Agosto del 1963. Il Presidente era Antonio Segni, padre del politico Mariotto. A riportare i fatti fu l'autista della vettura presidenziale il quale affermò di aver assistito all'arrivo di un disco volante proveniente dalle sue spalle. L'arrivo di questo oggetto sconosciuto venne accompagnato da forti sibili e da quello che potremmo definire un forte campo magnetico che ha interferito pesantemente con il corretto funzionamento della vettura che stava conducendo. A seguito di uno spostamento della vettura da questo campo magnetico, il motore ha cessato di funzionare e la terra ha cominciato a sussultare. L'oggetto sconosciuto aveva un diametro di circa quindici metri ed era sovrastato da una sorta di torretta posta in posizione centrale.

D: quindi la testimonianza è stata raccolta dalla viva voce dell'allora autista della vettura presidenziale?

R: c'è da dire che la notizia è rimasta per lunghi anni in archivio e nessuno, tranne un ristrettissimo numero di persone autorizzate, ne è entrato a conoscenza. Successivamente, alcuni 007 dei servizi italiani hanno iniziato a parlarne ma sempre con circospezione e prudenza. Fino ad oggi che il caso è noto a noi dell'ambiente e non solo.

D: un tipico esempio di “io so che tu sai che io so”... cambiando prospettiva, si narra che i piloti siano quelli che per forza di causa maggiore abbiano percentualmente più a che fare col fenomeno UFO. È una affermazione che ha del vero o no? 

R: in parte è senza dubbio così. Io nel libro, ad esempio riporto il caso di un Ufficiale dell'Aeronautica Militare Italiana il quale, nel 1972, avvistò un oggetto volante discoidale di colore argentato mentre si trovava ai comandi del suo aereo in procinto di atterrare all'aeroporto di Guidonia alle porte di Roma. L'oggetto, come descrivo nell'opera, ha affiancato il pilota e ne ha seguito il volo ad una distanza non superiore ai seicento metri, prima di andarsi a piazzare ad una distanza maggiore per eseguire dei rapidissimi spostamenti nel cielo sull'asse dei punti cardinali.

D: molti si scervellano con ogni mezzo pur di far credere alle persone che il fenomeno non esista e che ogni singolo avvistamento abbia una spiegazione riconducibile alla natura umana. Quindi secondo questa specie di esperti saremmo soli nell'universo e nessun'altra forma di vita è mai entrata in contatto con noi. Le sembra plausibile?

R: questo genere di approccio al fenomeno UFO non ha nulla di scientifico. E per scientifico intendo proprio quell'approccio di cui sopra. Costoro altro non sono che meri esecutori di ordini. Non sono persone pagate per pensare con la loro testa ma pagate per redigere testi e discorsi vuoti, aria fritta. Io li potrei incontrare e mi divertirei moltissimo.

Conclusione: Upton Sinclair usava ripetere che “E' inutile tentare di far capire qualcosa a qualcuno se il suo stipendio dipende dal non capirla”. Costoro – e ne sono più che convinto – sanno benissimo come stanno le cose. Solo che non possono mettersi dalla parte della verità perché altrimenti perderebbero i loro stipendi, le loro trasmissioni, sinanco i loro followers. Là fuori è pieno di cervelli ristretti incapaci di svolgere il benché minimo processo mentale se non grazie all'intervento esterno di qualcun altro che pensa per loro. E questa gente lo sa e ne approfitta in una sorta di incapsulamento darwiniano.

Desidero ringraziarla del tempo dedicatoci e prima di passare ai saluti, vorrei che fosse lei a ricordare ai nostri lettori ed alle nostre lettrici l'appuntamento di Settembre, ormai alle porte.

R: grazie alla FLIP per avermi ospitata e colgo l'occasione d'invitare i vostri lettori e le vostre lettrici all'appuntamento internazionale patrocinato dall'Aero Club Italia che si terrà il giorno 24 Settembre presso la Sala Valle dei Templi dell'hotel Simon sito in Via P. F. Calvi al civico 9 in Pomezia (RM), cui prenderanno parte personalità del mondo aeronautico e non solo. Mi impegno, inoltre, ad offrire un piccolo omaggio a chi ci verrà a fare visita. Tutte le informazioni le potete trovare in tempo reale sul sito https://www.aviationyes.com/

 

 

 

 

Rate this item
(4 votes)
Last modified on Monday, 28 August 2023 07:02
© 2022 FlipNews All Rights Reserved