L'informazione non è un optional, ma è una delle condizioni essenziali dell'esistenza dell'umanità. La lotta per la sopravvivenza, biologica e sociale, è una lotta per ottenere informazioni.

CICALONE E LE FORMICHINE

By Andrea Signini July 05, 2024 104

Esopo faceva dire alla formica che la cicala dovesse ballare, dopo aver cantato per tutta l'estate. Una morale affatto saggia, soprattutto nell'era dell'accoglienza sfrenata: chi oserebbe oggigiorno negare un piatto di minestra all'ultimo arrivato? Minestra?!? Ma de che! Qui ci sono benpensanti pronti a dare il portafoglio e gli effetti personali (altrui, s'intende! Quello proprio, guai se glielo sfiori, ti fanno sbattere dentro).

È esattamente quanto emerge nel dibattito di moda in questi giorni che vede al centro del mirino Simone Cicalone, noto blogger romano. Costui, assieme ai sodali di sempre, si reca nelle metropolitane romane - e non solo - al fine d'impedire ai borseggiatori di fare più danni di quanti ne facciano quotidianamente. Li circondano, pongono loro domande, cercano di comprendere come mai non provino alcun rimorso nel derubare la povera gente o i malcapitati turisti. Perché, sia chiaro, chi usa la metropolitana (il vero mezzo spostapoveri) è chi se la passa peggio in assoluto e, al netto delle rarissime eccezioni, è la classe bassa a servirsene, quella che non osa nemmeno accarezzare l'idea di salire su di un taxi.

Pendolari costretti a percorsi quotidiani simili a percorsi di addestramento militare tra chi ci prova a sottrarti il portafoglio, chi urla e strilla, chi arriva alle vie di fatto in una cornice agghiacciante di anziane signore stramazzate al suolo colte da malore per il torto subito, padri di famiglia urlanti per la disperazione e via discorrendo. Questa è la vita di chi possiede poco e lavora tanto. E sono proprio questi i profili contro cui si accaniscono i ladri infami delle metropolitane. Gentaccia che campa derubando il prossimo del “poco sacro” pasoliniano. Che mandano in disperazione le povere persone oggetto delle violenze quotidiane... oltre a far apparire l'Italia contemporanea come quel terzo mondo, che è davvero, agli occhi dei turisti che attoniti si ritrovano derubati di passaporto e carte di credito vedono trasformare la vacanza in un incubo.

Ebbene Cicalone e amici si sforzano da tempo al fine di portare all'attenzione di chi di dovere tutto ciò. E lo fanno malgrado i vili attacchi della CGIL  (5 milioni e mezzo di tesserati), il sindacato dei lavoratori.

All'inizio confesso di aver pensato che finalmente la CGIL avesse davvero preso a cuore i disagi dei lavoratori costretti a subire la violenza quotidiana delle metropolitane. Ma mi illudevo: stavo solo assistendo all'ennesimo delirio radicale: la CGIL ha osato davvero schierarsi dalla parte dei ladri e contro i lavoratori rapinati dai ladri!!!  In un esposto indica Cicalone come un “ex pugile” che sostanzialmente circonda, intimorisce e insolentisce questi farabutti mentre derubano la brava gente che va a lavorare! A che punto siamo giunti? Nessuno ha preso provvedimento dall'alto? Secondo qualcuno queste affermazioni non sono una aperta autocondanna: noi vogliamo che le autorità impediscano a Cicalone di ostacolare i borseggi!!! Un ossimoro sociale da leggere con adeguata attenzione perché qui i conti non tornano e dobbiamo farci delle domande:

  1. Cicalone sta cercando di far comprendere che il fenomeno non è più esclusivo appannaggio di qualche gruppetto di zingare incinte come poteva essere sino a qualche tempo fa! Ma il business milionario dei borseggi sta finendo rapidissimamente nelle mani delle gang latinoamericane. Qualche magistrato è forse stato sfiorato dall'idea di domandare ai vertici della CGIL se siano o meno al corrente della presenza sul suolo italico di queste organizzazioni che – come altrove nel mondo – stanno dando vita ad un vero e proprio cartello mondiale della delinquenza metropolitana capace di generare numeri che competono con l'indotto del cartello della droga?
  2. Se sì, che risposta hanno ricevuto? Se no, cosa aspettano a sottoporla?
  3. Siamo certi di poter affermare che il segmento politico che appoggia la CGIL non abbia alcun elemento in comune con queste organizzazioni internazionali e che i relativi esponenti politici che vivono con stipendi pubblici pagati pro-quota dalle tasse dei derubati onesti siano pronti a condannare senza se e senza ma ogni ipotetica relazione?

Vedete, non è pensabile che migliaia e migliaia di membri appartenenti ad organizzazioni malavitose latine giungano in massa in Italia (come nel resto d'Europa) ed operino in totale scioltezza, senza che nessuno tra Enti, Servizi ed Agenzie abbia "appizzato" l'orecchio. Proprio non è ammissibile una cosa del genere. Il fenomeno è più che allarmante. In Alt'Italia sono anni che i latinos – come vengono definiti – creano il bello e cattivo tempo. 

      In conclusione, Cicalone ha dimostrato di aver identificato il problema reale e guarda caso alcuni “enti” si sono attivati contro di lui. Sarà forse un errore di valutazione? Ben vengano le scuse.

 

P.S.

Simone Cicalone è stato verbalmente avvisato da un membro dei latinos: “La prossima volta ti ammazziamo”. Ecco, la CGIL che vive grazie alle donazioni ed alle tessere dei propri associati vuole davvero stare dalla parte di questa feccia qui?!?

demodepressi di tutto il mondo! 

 

Rate this item
(1 Vote)
Last modified on Friday, 05 July 2024 10:55
© 2022 FlipNews All Rights Reserved