L'informazione non è un optional, ma è una delle condizioni essenziali dell'esistenza dell'umanità. La lotta per la sopravvivenza, biologica e sociale, è una lotta per ottenere informazioni.

Teatro: "Ao” Di e con Leonardo Bocci

By Riccardo Massaro October 21, 2023 472
 
 
 
Questo è il primo spettacolo teatrale del simpatico Leonardo Bocci da “One man show”, ormai conosciuta ed apprezzata web star romana. Lo seguo da tempo; lo vidi in “Omicidio nell’hotel delle celebrità” e in “Natale criminale”, spettacoli in cui lo apprezzai per come aveva dato vita ai suoi personaggi con i quali mi aveva molto divertito.
 
Stasera lascia di nuovo il web per intrattenerci di persona sul palcoscenico del Teatro degli Audaci, dove sarà per alcune date. Leonardo è molto seguito perché sa dare voce alle vicende quotidiane o della cronaca reinterpretandole ed arricchendole con il suo inconfondibile stile. Divertente e politicamente scorretto, prende di petto senza remore la nostra società con le sue ipocrisie e contraddizioni.
 
Stasera sembra voler uscire dal solito personaggio per raccontare la sua vita e quella dei suoi coetanei trentenni, di cui affronta i disagi e i problemi esistenziali. La sua inconfondibile, graffiante e pungente ironia lo fa amare dal pubblico del web, che stasera è qui per lui e riempie questo bel teatro.
 
Lo spettacolo all’inizio lascia spiazzati perché si discosta dalle passate proposte e si concentra sul suo lato più intimo e profondo. C’è da dire, però, che se avete fatto attenzione ai suoi video, si può cogliere il suo lato interiore e introspettivo ricco di sensibilità che forse, “distratti” dalla sua grande e travolgente ironia, può passare in secondo piano.
 
Stasera Leonardo ci regala una piece assolutamente piacevole a base di battute ma anche profonda.
 
Dopo un’introduzione con la colonna sonora di “2001 Odissea nello spazio”, comincia il nostro viaggio nella sua vita. L’artista recita a suo modo un brano di Shakespeare con un approccio che velatamente ricorda quello di Gigi Proietti. Ci fa poi partecipi di tutta la sua trasudante passione per il mestiere di attore, in cui si avvertono inevitabilmente gli echi delle influenze dei grandi Gigi Proietti, Alberto Sordi, Carlo Verdone, con una spruzzata di Ettore Petrolini; il tutto, ovviamente, rivisto, corretto modernizzato e soprattutto “leonardizzato”.  
 
Tanti gli argomenti affrontati che lasciano spazio sia a momenti leggeri e divertenti, sia a passaggi più profondi ed introspettivi. Quando ci parla dei suoi genitori assistiamo a un tributo amorevole e toccante, anche se non manca l’ironia.
 
Non si può non toccare il tema dei cellulari, ormai onnipresenti, e dell’influenza dei social con i suoi improponibili influencer. Alle sue spalle vengono proiettate immagini e video con i quali spesso interagisce creando delle simpaticissime gag. Divertentissimo il messaggio audio mandatogli da un folle “follower”, o forse è più corretto dire un “hater” scatenato e piuttosto stressato, davvero esilarante. Piacevole la trovata dello scambio di idee tra lui e la sua “coscienza social”, con cui comunica attraverso un video.
 
Non mancano un tributo a Roma e agli stereotipi dei suoi abitanti che tanto lo hanno reso famoso, e la sua relazione con la propria ipocondria.
 
Lo spettacolo si incentra anche sulla sua visione del decadimento fisico e morale del trentenne di oggi, in una chiave ironica in cui si riconosce l’impronta di questo originale attore.
 
In tutto questo ci accompagna una piacevole scenografia, che riproduce con cura e attenzione l’interno di una casa. Altrettanto attenta è la regia, che ha saputo valorizzare il talento di questo attore forsennato e prorompente mostrandocelo sotto un’altra luce.
 
 
 
"Ao"
Di e con Leonardo Bocci
Regia Danila Stalteri
 
 
 
 
 
Rate this item
(0 votes)
Last modified on Saturday, 21 October 2023 09:39
© 2022 FlipNews All Rights Reserved