L'informazione non è un optional, ma è una delle condizioni essenziali dell'esistenza dell'umanità. La lotta per la sopravvivenza, biologica e sociale, è una lotta per ottenere informazioni.

IL JUMBO MANTERRÀ PER SEMPRE IL RECORD MONDIALE

By Andrea Signini February 03, 2023 1807

Con l'ingresso nel nuovo anno, nello Stato di Washington, all'estremo nordovest degli Stati Uniti d'America, precisamente negli stabilimenti The Boeing Company di Seattle, termina definitivamente la produzione del leggendario B-747 noto in tutto il Mondo come Jumbo Jet .

Ad onor del vero – vorrei tranquillizzare appassionati e nostalgici – il colosso dei cieli solcherà le rotte mondiali per parecchi anni a venire, almeno una trentina se non di più visto che l'ultimo esemplare è stato consegnato in questi giorni alla Atlas Air ( cargo ) e considerato che l'accordo Trump - Muilenburg (AD Boeing) datato 27 Febbraio 2018, ha sancito che la Casa Bianca adotterà due B-747-800 a partire dal 2024 in sostituzione degli attuali 747-200 in servizio dal 1991. La USAF li identificherà con la sigla VC-25B.

 

L a storia che ho selezionato per celebrare la memoria del prodigioso progetto nato dalla mente dell'Ingegnere statunitense Joe Sutter (Seattle, 21 marzo 1921 – Bremerton, 30 agosto 2016) sotto la supervisione del Presidente dellaThe Boeing CompanyMalcom Stamper (Detroit, 4 aprile 1925 – Seattle, 14 giugno 2005), ci riporta indietro nel tempo. Al 1991, per l'esattezza. Scenario: Africa; rotta: ADD-TLV (Addis Abeba, 2.334 mslm – Tel Aviv, 5 mslm); CompagniaEl Al; nome dell'operazione militare:Salomone; missione: prelievo e trasporto della popolazione di religione ebraica presente sul territorio etiope presso Israele.

I FATTI

Nell'arco di trentasei ore comprese tra il 23 ed il 24 Aprile del 1991, il governo israeliano guidato da Yitzhak Shamir, predispose un ponte aereo non-stop che coinvolse un totale di 36 aeromobili attinti tra il settore militare (IAF Israeli Air Force ) e quello cargo di El Al , la compagnia di bandiera locale. Vennero fatti sgomberare quattordicimilacinquecento passeggeri tra uomini, donne e bambini. Ben di più degli ottomila della precedente Operazione Mosè svoltasi a cavallo tra il Novembre del 1994 ed il Gennaio del 1985.

Convocato nel tardo pomeriggio del 23 Aprile direttamente dal settore cargo di El Al , il Comandante Arie Oz racconta di essersi ritrovato a bordo di un B-747-FF (Full Freight – tutto cargo) parcheggiato sul piazzale dell'Aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv in compagnia di alcuni collaboratori ed esperti militari. La missione, come anticipato, prevedeva il volo su ADD, relativo imbarco del maggior numero di passeggeri possibile e conseguente volo di rientro in base. Racconta Oz che

ero pronto per firmare il loadsheet [il documento riassuntivo recante tutte le informazioni del volo in merito al carico, al carburante, ai membri presenti a bordo eccetera - NdR] e sul Boeing 747 quando firmi il loadsheet devi resettare il Trim. Così, mi accinsi ad eseguire l'operazione ma il computer ci dava errore. Assieme al Primo Ufficiale abbiamo controllato i pannelli e constatato che ahimè non si resettasse. Mi rivolsi ai colleghi facendo presente che eravamo impegnati in una missione per la salvezza delle vite umane. Quindi al diavolo il trim automatico e facciamo tutto a mano, esclamai!L'ingegnere di bordo consultò il manuale (MEL) in cui trovò che la Boeing prevedesse il decollo in quelle condizioni a patto che fossero soddisfatte due parametri essenziali: non puoi volare con l'autopilota inserito; il volo dev'essere un volo di rientro in base autorizzato dal più alto in grado.

      Cap.

 

Di tempo per le decisioni non ce n'era. Bisognava intervenire tempestivamente, senza venir meno alla sicurezza del volo. Dallo scalo di TLV giunse improvvisamente a bordo un emissario militare che investì l'equipaggio con queste parole: “ Da questo momento siete ufficialmente sotto il controllo delle Forze Armate e non rispondete alle autorità civili ”. Ad Oz non sembrò vero: gli era appena stata servita su di un piatto d'argento la soluzione a tutti i problemi!

 

Visto che in ambito militare non vi fosse nessuno competente quanto me su quella macchina [il B-747] , e considerato che avevo servito in aeronautica fino a raggiungere il grado di Tenente Colonnello, ne conseguiva che il più alto in grado fossi io stesso e dunque mi sono autorizzato da me stesso, specificando al mio equipaggio che il volo sarebbe stato un volo di rientro nel momento in cui saremmo giunti a destinazione. Feci sbarcare il militare e poco dopo eravamo in aria con la prua diretta in Africa”.

 

Giunti ad Addis Abeba, il Comandante diede orine di riempire l'aereo con il maggior numero di persone possibile. Non doveva rimanere scoperto nemmeno un centimetro quadro! Ad eccezione della cabina di pilotaggio la quale doveva assolutamente rimanere inviolata. Vennero imbarcati 1088 passeggeri. In più fonti troverete riportato il numero errato di 1122. Ma in realtà il numero fu di 1086 al decollo e 1088 all'atterraggio: il numero venne incrementato lungo la crociera, grazie alla nascita in volo di due creature. Il volo di rientro, conferma il Cpt Oz fu caratterizzato da una serie di anomalie che mai gli erano capitate in anni di volo. Prima tra tutte il numero esorbitante di persone dietro, il trim che non ha mai funzionato, le due tratte senza autopilota e soprattutto la quota di rientro che non superò mai i 25mila piedi: 

 

abbiamo condotto il volo col massimo della cautela agendo sui comandi con tutta l'accortezza possibile per non causare disagi ai passeggeri. La scelta di non superare quota 25mila piedi era ovviamente dettata dalla necessità di poter raggiungere i 14mila piedi in un minuto o poco più in caso di decompressione perché a quella quota non c'è bisogno di maschere per l'ossigeno e la gente avrebbe potuto respirare senza l'ausilio dei dispositivi che non sarebbero mai stati sufficienti per tutti ovviamente.

  La rotta

 

Il volo di rientro fu un successo. La Boeing , grazie all'operato di El Al , conquistò un primato che con tutta probabilità mai nessun'altra casa costruttrice potrà appuntarsi al petto.

In realtà i primati mondiali collezionati dal Comandante Arie Oz e dal suo equipaggio, furono quattro:

maggior numero di passeggeri trasportati a bordo di un aereo cargo;

maggior numero di passeggeri trasportati a bordo di un aereo in una sola tratta;

maggior numero di passeggeri trasportati a bordo di un aereo civile;

maggior numero di nascite a bordo di un aereo.

Ad onor del vero, esisterebbe un quinto ed ultimo record, come confermato dalla viva voce del protagonista, intervistato da un suo ex allievo attualmente anch'egli Comandante di B-747 Cargo per El Al

C'è un fatto che ancora oggi mi sorprende ed è che in quell'occasione ho deciso tutto io e nessuno si è mai sognato di contestare od avallare le mie scelte né prima né dopo i voli. Fu la prima ed unica volta che nella mia lunga carriera di Comandante non mi sia stato chiesto di rendere conto di un virgola riguardo il mio operato. Ho assunto tutte le responsabilità del caso indirettamente ed ho agito secondo quello che sentivo fosse giusto e non secondo procedure o regole.

 

NB

L'intervistatore è un Comandante di B-747 FF attualmente in attività presso El Al del quale non si conosce né il nome né il cognome ma solamente la denominazione del suo Canale YT che è Captain Boeing . Si sa per certo che costui sia stato allievo del Comandante Arie Oz. Di quest'ultimo non esiste una sola nota su Wikipedia. È totalmente assente dal web.

L'intervista completa è disponibile presso: https://www.youtube.com/watch?v=-yatwvr4vl8&t=2s

Andrea Signini

 

 

Rate this item
(4 votes)
Last modified on Saturday, 08 April 2023 00:34
© 2022 FlipNews All Rights Reserved