L'informazione non è un optional, ma è una delle condizioni essenziali dell'esistenza dell'umanità. La lotta per la sopravvivenza, biologica e sociale, è una lotta per ottenere informazioni.

"Agricoltura Suicidata"… Le vere cause delle alluvioni 

By Giuseppe Altieri May 21, 2023 582

 

Distruzione dell'Humus causata dai disseccanti (Glifosate), diserbanti, liquami, concimi e pesticidi chimici agricoli, abbandono dei terreni e distruzione della Biodiversità delle siepi e boschi, gestione forestale dissennata... e 30 anni di erogazioni di fondi europei illegittime e incostituzionali che hanno regalato sostegni al reddito e pagamenti agro-climatico-ambientali a chi impiega pesticidi e usa disseccanti (glifosate), lascia i terreni nudi, produce liquami zootecnici industriali ed avvelena il pianeta e i nostri alimenti. 

Mai Più...

Ancora morti affogati nel fango… dopo Senigallia, l'Emilia Romagna, madre dei pesticidi e allevamenti industriali. E sarà sempre peggio...

La chiamano agricoltura conservativa… sostenibile… “integrata”…per rubare i fondi Europei Agro-climatico-ambientali destinati al restauro del territorio e della fertilità... all'agroecologia, mentre il livello di accumulo e bio-accumulo di chimica con distruzione dell'humus dei terreni è oramai insostenibile con agricoltura e territorio troppo spesso…. "disintegrati".

E' troppo tardi …troppo tardi per non fare nulla.

Oggi è necessaria in primis la revisione del programma agricolo nazionale di Sviluppo Rurale, già bocciato a Bruxelles ma poi miracolosamente approvato il giorno prima dell'arrivo del nuovo Ministro che, a questo punto non si sa cosa dovrebbe fare visto che è già tutto deciso per i prossimi 5 anni, (come da 30)… dal suo Ufficio (sotto) Sviluppo Rurale.

Così come bisogna modificare l'intera politica agro-ambientale europea, affinché il sostegno al reddito agricolo vada solo a chi produce in modo agroecologico, ovvero ai produttori biologici e agli allevatori che tornano a produrre letame fertile e non liquame putrido che spappola i terreni e aumenta l'effetto serra; riservando i fondi agroambientali solo alle tecniche di Agroecologia sinergica e rigenerativa della fertilità dei suoli.

L'incremento dell'humus, la spugna biologica che trattiene acqua e tiene insieme i terreni, deve essere l'indicatore primario del corretto uso dei fondi pubblici dei Programmi di Sviluppo Rurale Regionali e Nazionale e per il sostegno al reddito degli agricoltori.

Mentre, invece, negli ultimi 30 anni la preziosa sostanza organica dei terreni, ereditata dai nostri avi per secoli e in grado di trattenere acqua anche per 10 volte il suo peso, si è ulteriormente ridotta… in uno scandalo senza fine. Mentre l'acqua che scorre senza più infiltrarsi nei terreni, per decine di migliaia di ettari, invade canali e fiumi troppo velocemente, assassinando il territorio.

Accade ciò anche a causa della distruzione di siepi secolari atte proprio a evaporare acqua e a farla infiltrare in profondità grazie alle radici della biodiversità tradizionale selezionata dai nostri avi... querce, platani, ecc.

Bisogna immediatamente interrompere l'erogazione di tali fondi a chi usa pesticidi e disseccanti, fertilizzanti chimici e liquami zootecnici. Tutto ciò è incostituzionale ed illegale (vedasi le continue relazioni della Corte dei Conti Europea a partire dalla n.3 del 2005 sulla spesa agroambientale, ndr).

Abbiamo già buttato 30 anni di politiche agro-climatico-ambientali per una falsa agricoltura integrata e un falso benessere animale, basati su pesticidi chimici e mangimi concentrati, liquami e perdita di biodiversità… impoverendo i terreni che ad ogni pioggia perdono fertilità e si erodono… fino alla desertificazione che interessa ormai il 30% delle superfici agricole mondiali e nazionali. 

Ciò crea siccità ed alluvioni, due  facce della stessa medaglia.

 

Vanno ripristinate siepi, alberature, boschetti e canali di scolo sulla base delle foto aeree degli anni '50 del secolo scorso, frutto della saggezza ed esperienza contadina di secoli sui territori, in pochi decenni devastati dalla meccanica e dalla chimica, rimettendo a posto il dissesto idrogeologico; finanziare le coltivazioni di copertura dei terreni durante l'inverno ed estive prima di seminare le coltivazioni principali (colture da sovesci); come le "cover crops" ed l'inerbimento nei frutteti, così come previsto dai regolamenti europei, in modo da aumentare l'humus e la biodiversità dei terreni, proteggendoli dalle piogge e dall'erosione, incrementando l'humus e la fertilità naturale, eliminando la chimica dai campi

Va portata la gestione forestale verso i boschi d'alto fusto, preservando il sottobosco e le "piante Madri" …secolari, per garantire produzione di legna da ardere "ecologica".

Va sostenuta solo la zootecnia biologica, basata sul carico di animali per ettaro alimentabile con le risorse aziendali e comprensoriali.

Fornendo l'assistenza tecnica e la formazione Agroecologica agli agricoltori, da 70 anni abbandonati ancora ai venditori di Pesticidi e consorzi agrari in mano alle associazioni sindacali che potrebbero passare dal conflitto alla "convergenza di interessi" grazie ai fondi europei che compensano i maggiori costi delle tecniche biologiche.. perché non lo fanno?

"Facciamo attenzione, la prossima alluvione potrebbe distruggere interi paesi… dalle fondamenta delle case"… dissi ripetutamente in numerosi articoli buttati al vento e trascinati a mare nel fango dell'ignoranza e della malafede dei manipolatori della comunicazione.

8 anni fa, a seguito della precedente alluvione di Senigallia conseguenza di soli 30 mm di acqua, il 1 maggio 2014, a causa soprattutto dei terreni disseccati dal Glifosate lungo tutta la valle del Misa, portai il mio avvertimento con diversi articoli pubblicati (Es. sul Giornale della E 45, da Orte a Ravenna..),ed interviste sui mass media. Un appello rimasto purtroppo inascoltato. Ed oggi le Marche subiscono un'alluvione con effetti decuplicati, anche nel numero dei morti, purtroppo. E poi l'Emilia Romagna… la Madre dei Pesticidi in Agricoltura e degli allevamenti industriali… "Agricoltura Suicidata".

Mentre i cambiamenti climatici (causati in primis dall'agricoltura e dagli allevamenti industriali alimentati con ogm, prodotti distruggendo le foreste primarie) scaricano sempre più acqua sulle terre. Acqua che avremmo dovuto fissare nei terreni insieme ai gas serra trasformandoli in sostanza organica attraverso la fotosintesi e l'equilibrio dei microbi, alterato invece dalla chimica. Un motivo in più per riconvertire tutta l'Italia al Biologico nel più belve tempo possibile e per aumentare al massimo la "resilienza dei territori, in primis aumentando l'humus delle terre, che significa anche qualità alimentare e salute. Sistemando i terrazzamenti persi e le siepi con Salici (piante che pompano 1 metro cubo d’acqua al giorno evaporandola verso l'atmosfera), Pioppi, Platani. Querce, lungo le rive dei canali e fiumi, lavorazioni a girapoggio, lungo le linee di livello e non di "massima pendenza"… in sostanza applicando l’Agroecologia (M. Altieri, Edagricole) 

Risparmieremmo almeno 30 miliardi all'anno di danni per il dissesto idrogeologico oltre alle spese per patologie cronico-degenerative e riproduttive con-causate dai pesticidi… stimabili in almeno altri 50 miliardi all'anno tra pubblico e privati.

Per riconvertire tutta l'italia all'agricoltura e zootecnia biologica bastano appena 15 miliardi, ben spesi… ovvero non più regalati alle industri chimiche e degli OGM

Qualche anno fa, nel 2018, intitolai un mio articolo… "Ora o mai più"…

Ora dico solo …mai più.

Fermiamo i burocrati della devastazione italica. Ministro e Cognata Meloni… battete un colpo?

 

Rate this item
(0 votes)
© 2022 FlipNews All Rights Reserved