L'informazione non è un optional, ma è una delle condizioni essenziali dell'esistenza dell'umanità. La lotta per la sopravvivenza, biologica e sociale, è una lotta per ottenere informazioni.

Fashion, Art and Cinema (44)

                                       

Alessandra Cesselon
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
 
 Natasha Pavluchenko

Alta Roma ed Alta Moda:un binomio indissolubile che in queste giornate invernali battezzate dal sole mediterraneo si snocciola in una citta' ancora assopita dai torpori del disgelo: e'una primavera di eventi e passerelle che raccolgono le esigenze e le innovazioni di una societa'

 
Il dr. Silvio Smeraglia con Barbara Castellano e la dott.ssa Rossella Rizzi della Rosspharma

ambientalistica in cerca del nuovo ecosostenibile desiderio di piacere e piacersi.

In una location eccezionale dove spazi multimediali ed interattivi danno adito a performance e statiche di rilevante importanza, gia' emergono nomi e brands che incuriosiscono e gettano le basi ad un proselitismo che ha reso la Moda una icona di successo e personalita'.
Grazie al coordinamento di una delle giornaliste di Moda piu rilevanti della capitale Mariella Valdiserri ed il suo Fashion Team sempre corretto ed adeguato,ho auto modo di assistere all'International Couture Fashion Show dove ho apprezzato la collezione di Natasha Pavluchenko dedicata alla Vergine di Anglona, una linea molto clericale con tagli asimmetrici e lineari su velluti,pizzi e organze che si alternano con disinvoltura su telai del nero esultando in finale alla purezza del bianco; passsando ad A'biddikkia vediamo l'influenza isolana su di una sposa che fra scollature generose fluttua al vento su di un mare di spiaggie madreperlate,particolari i tagli a raggiera dei gowns rigogliosi e rigorosi,arricchiti da ricami e pietre preziose;quindi dall'Armenia ma naturalizzato libanese, Missaki Couture esplode in una crema di luci e domina con colori tenacemente delicati una passerella fatta di regole e semplicita' ma impreziosita da cascate di

 
 Nino Lettieri

Svarowsky che la incoronano: tutto regolarmente fatto a mano,body shaped,' mette in evidenza il seno, il fondo spalla ed il giro vita tanto accentuato in un corpo acerbo da odalisca aleatoria coperta di soli petali che si dimena tra nuvole di cipria e di mistero. In Baroqco che presenta " Stairways to Heaven", il gioiello e' il punto focale, esso

 
 Giada Curti performance al St. Regis

riveste il collo, come un abito aderente e luminescente, incorona la testa con regalita' ed avvolgente si distribuisce un po dovunque a tela di ragno donando fluorescenze multicolori. Tra le molte accademie di moda che aderiscono a questa iniziativa e' emersa l'Accademia Internazionale di Alta Moda e d'Arte del Costume Koefia che ha esordito insieme al corso di Laurea in Scienze della Moda e del Costume all' Università della Sapienza,qui esordisce "La petite robe Blanche",un sogno di bianco tra calchi di gesso ed opere raffiguranti le molte statue classiche presenti nella Gipsoteca dell'Universita';una raccolta di 40 tubini bianchi che narra una evoluzione tessile intorno a questa semplice forma, il

 
 Stefania Orlando con Pinda e team

tubino, immortalato per la prima volta da Coco Chanel nel 1926 sulla Copertina di Vogue "Petite robe noir"e, per seguire,quello ideato da Givenchy ed indossato da Haudrey in "Colazione da Tiffany".


Mentre imperversavano nella citta' mostre semivirtuali e surrealiste nel contesto di questo ingranaggio con la moda,interessante e' stata quella promossa dal Polo Museale del Lazio e da Alta Roma presieduta da Silvia Venturini Fendi, di Ginevra Odescalchi/Hendrik Christian Andersen al Museo Andersen dove Ginevra ci presenta sei abiti a struttura architettonica e monocromatici nelle tonalita' del nero e del bianco che danzano tra i capolavori e nell'ambito della Casa del grande Andersen; i gioielli indossati e tanto ammirati sono di Bulgari.

 
 Missaki Couture


In un atmosfera da sogno ha sfilato al Saint Regis Giada Curti, attirando un vasto pubblico blasonato tra cui i VIPs ne facevano schiera.
Con molto interesse mi sono affacciata al progetto Green di Marina Valli e della sua Associazione Officine Talenti Preziosi(OTP) con designs di gioielli ecosostenibili, materiali organici, argento e bronzo e in parte bagnati in oro, dove la tracciabilita' ed a volte il riuso sono un must; con Marina si apre una collaborazione con i designers professinisti del settore ma in questa occasione anche con giovani imprenditori disabili, da sindrome Down, che presentano le loro creazioni insieme alla

 
 Isabella Caposano

presentazione dei nuovi modelli del Green Bijou. Nella sfilata di Sabrina Persechino l'architetto della Moda si nota una costruzione accurata redatta da un insolita geometria di vuoti e di spazi squadrati a guisa di un ipotetica citta' dell'antico impero Romano,Tellenae,ricca di incroci e grafiche incise con laser a mo di trine originali aldifuori della creazione virtuale.Sabato ha regnato indisturbata la collezione di Sylvio Giardina quale vero appuntamento di rilievo per tutti coloro che aspirano ad un total Jumping flash back, sempre inverosimili ed attuali questi capi ingegnosi che danno spazio a multiplici fantasie da quelle erotiche alle spirituali e dalle platoniche alle metafisiche virtu' della donna.


Entrando nel vero clou dell' Haute Couture Nino Lettieri ha presentato la sua Capsule Collection di dieci abiti per l'anniversario decennale di Alta Roma dove i gioielli De Parme Design disegnati dalla Principessa D'Olanda S.A.R. Margherita di Borbone Parma ricca di rubini,Smeraldi e zaffiri,corredavano questi ampollosi abiti da gran soirée sempre piu' lavorati e sofisticati; Lettieri e' stato poi insignito del world Fashion Award in serata al Palazzo Brancaccio.

 
 Nino Lettieri


Molto applaudito e' stato il defile di Gian Paolo Zuccariello, che con maestria e designs a colpi di pennello interseca i tessuti in un puzzle caledoiscopico;dopodiche' mi recavo nell'indiscutibile bellezza del Palazzo Brancaccio dove sempre grazie all'invito di Mariella Valdiserri che aveva in gestione anche questo evento fuori calendario, il World Fashion Award, hanno sfilato stilisti italiani e stranieri in nome dell'eleganza e del Bon Ton, un artista molto apprezzato e' stato l'Olandese Addy Van Den

 
 Gian Paolo Zuccarello

Krommenacker,premiato piu'volte,ed anche quest' oggi e' stato sbalorditivo e regale,esibendo tinteggiature pastello illuminate da sfere di cristalli su tessuti superleggeri e semitransparenti. Un Azzurra di Lorenzo ci presenta invece una Sposa odierna pratica nella sua modernita ' dove il corto della Hepburn prevale sul lungo e dove innumerevoli cocktail dress in tema le fanno da seguito. Premiata anche Pinda4Grot,un trend giovane in versione giocosa e clownesca, come quelle donne che sfilano in parate con in volto il trucco da clown per difendere i propri diritti e le proprie liberta'.Tres chic anche la sfilata della Cerrone basata su capi intriganti coinvolti in un fashion system che evidenzia tutte le sinuosita' del corpo, non poco provocatori alcuni e piu romantici altri, permeati di fascino ed originalita''.

Termino con questa rassegna di Moda all'ex Caserma Guido Reni, con l'ultima sfilata sul "The look of the year", il trionfo di tendenze a camouflage con pantomime come negli abiti di Giovanna Campisi e cigni e leonesse nella Sposa di Isabella Caposano. Ma mentre mi accingo a lasciare alle spalle questa Rome Fashion Week, un incontro casuale con la giornalista Barbara Castellani mi proietta in un ultimo evento relativo alla bellezza sia dell'uomo che della donna, una

 
 Azzurra Di Lorenzo

conferenza presentata dalla stessa Barbara dove uno dei piu' quotati maghi della chirurgia estetica presentava un suo ultimo libro " Il bisturi della felicita", il prof. Silvio Smeraglia accompagnato dal suo inseparable Collaboratore nonche'

 
 Cerrone

fratello, Davide. Nella sala riunione della Mediolanum che si presta spesso per convegni del genere, Silvio Smeraglia ci ha erudito da capo a piedi su tutti i metodi,sistemi e segreti della chirurgia estetica, spiegandoci tutti i miglioramenti che essa puo' apportare, con un minimo rischio e senza dolore, infatti nel suo trattato spiega tutte le tecniche degli interventi che avvengono senza espletare sintomi di dolore usando un macchinario da lui brevettato che ci consente ora di affrontare queste operazioni chirurgiche senza paure. Il libro ci da una conoscenza a 360 gradi su questo campo molto richiesto ma che ancora incute timori, vi consiglio di leggerlo. In concomitanza e' stato inoltre presentato dalla Rosspharma un siero antieta' completamente organico il cui principio attivo si ricava infatti da un alga dell'Atlantico,dal forte effetto lifting risolve tutti gli inestetismi dovuti all'invecchiamento del collo e del volto, ridonando freschezza e sicurezza.

 
 Jennifer Lopez - Versace

Settembre 2019 a Milano:una Milano dai grandi nomi e le grandi Griffe, da Armani a Gucci,da Fendi a Bottega Veneta e poi Prada,Maxmara,Alberta Ferretti,Versace con la sua testimonial d'eccezione l'attrice

 
 Prada

Jennifer Lopez ed ancora Marras, Scervino.Etro,Marni, Peter Pilotto, Tommy Hilfinger e tanti altri che si alternano su passerelle classiche o reinventate per stupire e fare tendenza, capitanate da supermodels quali Gigi e Bella Hadid,Cara Delevigne,sempre coloratissime e pronte per un estate a suono di ritmi Cafe del Mar e procrastinar...

Collezioni ben rifinite e totalmente ecosostenibili predominate da una rigida concettualita'' con spennellate che ricalcano sempre di piu' le immagini iconiche dei precursori del bello: obsolete tra il virtuale ed il reale, un azzardo che travolge asimmetrie e seduzione, un caldo di dolce quotinianita' per un intraprendente femminilita' innovativa e diversa che compiace le nostre esigenze.


I settings effervescenti e climatizzati, dalle piscine metropolitane al teatro La Scala, senza dimenticare gli

 
 Gucci

street parties.
Il nome Moda che si ripropone come sempre per quanto definita e pronta da indossare come una seconda pelle e che indossiamo regolarmente con sicurezza, e' indispensabile,gioca e dirige le nostre azioni alternandosi su tutte le passerelle del mondo e nella sua raffinatezza e' un

 
Julien Mac Donald

demaquillant del make up della couture, come infatti si e' visto a Roma, al Prati Bus District,durante le sfilate di Luglio, dove Patrick Pham,ci ha proposto dei materiali intrecciati a mano dagli artigiani della citta' imperiale della Dinastia Nguyen del Vietnam,di alto pregio,mentre una Sabrina Persechino, con la sua maestria ci offre come tributo alla scuola Bauhaus,di Architettura,Arte e Deign,una collezione Be Sign antivirale, che esalta il funzionalismo del movimento moderno con un razionalismo tecnologico e che si contrappone al decoupage Milanese anch'esso incontaminato ma piu' organico e trascendente, come nelle collezioni ispirate ai figli dei fiori,Woodstock,movimenti pacifisti e liberta', che con naturalezza sfocia in produttivita',un pozzo senza fine dove sete,ricami, colori pastello sono gli integratori che lo nutrono. Per quest'estate 2020 tuffiamoci nel nuovo che e' ancora antico ma attuale, classico e sobrio in questa girandola di caroselli sparsi per tutta la citta' di Londra,cominciando da Burburry, con il suo tocco magico di eleganza e' Victoria Beckham con capi molto ricercati e pieni di stile.un effetto total space oddity si rivela nella collezione di Julien Mac Donald. Christopher Kane affronta marine oceaniche tra svolazzi di onde mentre Erdem ti catapulta in Messico e tra le pampas argentine.


L'effetto bonbon questa volta esordisce con i vestiti baloom di Richard Quinn e la powder box cipria di Molly Goddard cosi delicata ed effettivamente semplicemente bella tanto da arrivare anche a pensare se il potenziale sviluppo dell'industria della Moda nei prossimi anni potrebbe emarginare il perbenismo di quanto si e' visto fin'ora e diventare uniforme per una popolazione sempre piu' robotica e priva di personalita' o potrebbe deragliare su campi inaspettati a sorpresa ed entusiasmarci ancora di piu'.


Una Parigi sadomaso si estrinseca in un Randez Vous di fashion parties dove la domination e' un must, una Parigi dove

 
 Burburry
 
 Richard Quin

Chanel e Dior se ne contendono lo scettro.

I Gioielli.

 

Scultura di Marina Corazziari esclusivamente fatti a mano hanno anche quest'anno soverchiato e superato di gran lunga tutte le altre proposte gioiello che si sono alternate da una parte all'altra del globo durante le settimane della moda. Da Roma a New York e' stato un successo clamoroso...il pubblico internazionale ha ammirato l'originalità,la creatività,la perfezione e l'unicità di questi pezzi prestigiosi che ti vestono dalla testa ad i piedi,arricchendo  sfolgoranti qualunque corpo possa permetterselo. Nella loro regalità esaltano l'esuberanza ed il portamento di qualsiasi donna facendoti sentire regina unica ed incontrastata nel tuo microcosmo. Questi ornamenti aderiscono sul corpo coinvolgendosi con la personalità di chi li indossa,rafforzandola e dandole quel tocco magico e di mistero dovuto al loro splendore...Marina questa artista poliedrica ha saputo cogliere in pieno quello che e' il gusto ed il desiderio di tutte le donne.



Si e' svolto a Roma oggi 11 giugno all'Hotel Quirinale il polo industriale che vede Cina ed Italia uniti in una simbiosi di creativita' ed innovazione. Ha parlato per il mercato del gioiello a basso costo ed in produzione su grande scala il capo della Guangdong Fashion Jewellery and Accessories Associacion, il signor Dacky Zhao che ha presentato alla stampa italiana il loro marchio "Bamoer Unique U", con il quale ha raggiunto vendite da capogiro in tutto il mondo grazie alle piattaforme digitali, quali Ali Baba ed Amazon. La sua proposta per il nostro paese e' quella di selezionare, possibilmente fra le giovani leve, i migliori designers del settore come anche della Moda e paracadutarli nella grande avventura di collaborazione e produzione di nuove tendenze da lanciare sul mercato, non escludendo la possibilita' di creare un grande e unico brand o addirittura di lanciare questi singoli brand tramite il loro network. I rappresentanti Cinesi sono aperti a qualunque tipo di collaborazione, in particolare perché associano per tradizioni ed antiche culture due Citta' che sono in piedi da diversi millenni, quali Roma e Xiang, analoghe in tutto quello che e' il Culto ed il rispetto delle loro culture,un gemellaggio che ci porta ad interagire e far si che i nostri obiettivi nella crescita siano comuni e ricchi di opportunita'. Fra applausi e chiarimenti ai quali la stampa italiana ha richiesto espressamente di colmare tutti i punti oscuri di questo progetto, abbiamo terminato questo piacevole incontro con strette di mano e scambi di informazioni necessarie per raggiungere gli obiettivi.

 
 collezione Sigrun

LFW febbraio 2019 - La nuance di una Moda scintillante ed eccitante apre una London Fashion Week con una retrospettiva dell'era dei Vichinghi,ostendando con ammirazione il brand piu' indiscusso sul periodo delle Dark Ages:un eredita' di un paese dove il dominio dei Vichinghi

collezione Josh

e di coloro che si sono susseguiti adottando una tradizione di sogni e simboli,ha aperto le porte a leggende in un contesto indiscriminato di eroi e maghi;"dov'e' la magia"potresti chiederti?;guarda e valuta:www.sigrun.co.uk


Sigrun questa donna forte e selvaggia di Islanda, ha tutta la mia ammirazione, la sua conoscenza e le sue doti,il craft ed hand made sono un alternativa alla minimal inutitile generazione robotica di manichini senza anima.Nel settore etnico fatto a mano troviamo le variopinte grandi ceste di Che Aranjuez(Facebook); mentre nel super shic le borsette gioiello di Rixo.Qui' a Londra si parla di 83 designers e circa 50 presentazioni, quasi impossibile seguire il tutto, ma e' un alternativa di scelta che spetta maggiormente all'ubicazione ed all'invito.
La straordinarieta' di questa moda d'oltremanica ne fa un culto iconico alla base di una societa' che si inebria di materialismo e sostentamento. Caroline Rush, presidente della Camera della Moda Britannica,asserisce che la loro industria non teme rivali ed e' a capo dello sviluppo del paese,ma l'uscita dall'Europa o la rinuncia al Brexit sono un ancora discutibile punto di osservazione per capirne l'influenza che avrebbe sulla Fashion Industry. Concernere per ravvedersi e creare l'inaspettato,il nuovo,diverso,unico ed il funzionale ecco il vero segreto del successo. Un tutto inaspettato nella globalizzazione di una metropoli senza sosta che ci fa dono di creazioni sempre piu' intriganti e caledoiscopiche.


L'entusiasmo di un giovanissimo stilista Josh che,a solo 13 anni, plasma le sue creature con cura, donando un impronta avveniristica ad una couture che esce da un dietro le quinte per portare tendenza: DesignedByJosh.com; queste passerelle di House of Ikons sono il palcoscenico della sostanza da indossare; qui ha trovato spazio il Curvy, quella Moda extra size, con la sinuosa collezione di Monica Jones ed una testimone di eccezione quale e' Hunter_Sinead_curvy_model. Mentre una supermodel arrivata appositamente da Boston,Catherine avvolta da pizzi in trasparenza ha sfoggiato abiti a sirena molto eclatanti e mozzafiato. Passiamo ai grandi nomi che hanno fatto copertina,quali Christopher Kane,Erdem,Riccardo Tisci per Burberry che ha aperto lo show con la super model Gigi Hadid.Sempre presente e'

 
 Abito Sposa Di Christine Kendall

stata la collezione di Victoria Beckham che ha preso luogo in uno scenario molto suggestivo quale e' la Tate Britain. Un apparizione in incognito della attrice Joan Collins ci ha molto sorpreso,

 
 David Beckham ed Anna Wintour

essendo rimasta molto nell'ombra in questi ultimi anni. Christine Kendall esponente della couture tipicamente anglosassone ha marcato il territorio con un abito da sposa la cui siloutte

 
 collezione Vittoria Beckham
Professional beauty

avvolgente si e' identificata nel superonismo di qualsiasi altro stilista qui' presente, la sua eleganza schietta ed ineguagliabile la rende unique ed ammirabile. Vivienne Westwood e Zandra Rhodes sono state tra le beniamine piu acclamate, testimonial e rappresentanti di bandiera di questa fashion Society tutta al femminile e sempre tutta al femminile in tandem con questa rassegna di stilisti internazionali si e' svolta ad ExCeL, la fantasmagorica Professional Beauty con sbalorditive tecniche innovative nel campo della cosmesi piu che naturale e meno invasiva del momento, come le macchine liposculptura e laser di Renova e Biotec Italia con il suo rappresentante Francesco Pierantoni che hanno avuto un successo da capogiro e portato in alto il numero delle vendite(www.biotecitalia.com). Ha terminato questa elettrizzante destinazione della Moda la sfilata super chic di Nina Naustdal con la sua Black collection,Children collection e Dog collection ispirata a fiori esotici, e ravvivata da applicazioni tridimensionali, dove anche i cani vestono in sintonia con i loro padroni.

 

Lady Fiorella Bellagotti

 
 Le spose nel vago di Myriam Pieralisi

E' terminata a Roma la periodica stagione dell'Alta Moda di Gennaio 2019,con la sfilata gotica di un Gattinoni della Middle Age in uno spazio del

 
 Gattinoni e il medio Evo - foto E. De Giorgio

Museo Macro ed anche questa volta la location era indovinata. La collezione aveva come baricentro la volutta' di uno specchio dell'anima, concentrata sui giovani esistenzialisti di oggi vogliosi di un rientro ad un passato piu' rigoroso,flebile ed austero, ma ricco di romanticismo e quasi catarchico,dove le chimere danzano inebriate di elusivita'. I capelli raccolti in reti dorate rendevano queste tenere dame del 300 evanescenti ed irreali, quasi sospese tra cielo e realta'; i colori le vestivano di trasparenze e sfaccettature di tonalita' caldo-oscure che come nuvole le portavano sempre piu' in alto.

Un Gattinoni che con originalita' e con l'incantesimo e' riuscito a creare una tendenza sempre piu' attuale in un working in progress che si basa sulle esigenze delle generazioni piu' teen (teenagers).

 
 Sabrina Persechino

Fra tutti i partecipanti a questo appuntamento della Moda, se ci soffermiamo sull'eleganza di stili e tradizioni,sono rimasta con il fiato sospeso quando a Palazzo Brancaccio mi sono imbattuta nella sfilata del Glamour di Addy Van Den Krommenaker, uno Stilista olandese, tra l'altro anche dedito ad opere umanitarie in Africa, che ha fatto scorrere nello splendore del salone di questa dimora gentilizia, un innumerevole e svariata tipologia di capi uniti da un denominatore comune: il Continente Nero, con la sua natura selvaggia,una terra dorata dal sole ma arida e secca nelle siluette avvolte da rasi translucenti,con la sua sabbia fluttuante nel vento del deserto nelle sete shiffons degli strascichi generosi di questi abiti in ricchi ed organici tessuti superleggeri stampati ad hoc che riprendevano i disegni leopardeschi e tigrati delle belve del luogo o la rara flora della savanna ridisegnata a pennello su alcuni pezzi, ognuno un piccolo capolavoro. Nella roma neoclassica poi ci ritroviamo all'Hotel Parco dei Principi dove piu di uno Stilista ha presentato il proprio lavoro, cominciando da Piero Camello con i gioielli di Loredana Corbo, Amalia Pulcherrima,LelkaLor e Myriam Pieralisi,queste ultime si sono concentrate piu' sulla

 
 I gioielli regalo di Marina Corazziari

Sposa e l'abito da cerimonia sfoderando entrambe una spiccata civetteria nelle scollature e nel see-through dei pizzi e del tulle.

Il geometrico metropolitano, strutturato nell'era moderna, con schemi,intagli e ritagli e giochi ad effetti visivo lo ritrovo nella collezione di

Sabrina Persechino,che nasce come Architetto prima di approdare al fashion Design dove imposta le sue conoscenza sulla materia prima che e' la Donna nell'immaginario collettivo, un manichino da istallare per farlo ammirare. "Souvenir De Paris" e' invece la nuova capsule

 
 By Thaher

collection di Marina Corazziari, che ripropone in chiave regale,confezionando i ricordi dei suoi viaggi nella Citta' piu' Bohemien del mondo, ed incastonandoli con maestria tipicamente italiana tra perle coloratissime e pietre preziose, raffigurando con eccentricita' ed eclettismo i luoghi a lei piu' cari sotto forma di emblemi e stemmi,farfalle e fiori, cigni ed arabeschi sfavillanti.

Tanti tanti nomi, tanti tanti artisti, poiche' di arte si deve parlare, hanno occupato questi spazi espositivi, io ne ho solo citati alcuni.....

 
 Addy Van Den Krommenacker

Di Lady Fiorella Bellagotti.

Contemporanea e pratica la collezione uomo Autunno-inverno 2020 presentata a Parigi in un'atmosfera sensazionale ai piedi della Torre Eiffel. Una passerella esclusiva dove questi capi eleganti e super attuali hanno gestito e capitanato l'uomo del 2020.

La mutevolezza e variabilita' degli stili da indossare a seconda dell'età e delle tendenze avevano un denominatore comune e ci hanno regalato ancora una volta la grandezza intercontinentale di questa Maison. Svariati sono i tessuti e la pelle e' anch'essa indispensabile nel completare questo look metropolitano nel quale prevale il colore nero in tutte le sue sfumature fino ad arrivare all'antracite ed ad un melange con il colore della terra. Si riprende inoltre un tema animalesque nella camicia bluson od addirittura nel lining, mentre gli accessori innumerevoli e perfetti nella loro particolarita' danno un tocco di superiorita' a questa sfilata seria e concreta.

 La stilista Zeynep Kartal ha molti ammiratori famosi infatti ha vestito molte celebrita' tra cui la regina della giungla Georgia Toffolo, Amanda Holden, Lady Gaga, Ceril Cole e Ellie Goulding. Zeynep veste le stelle con stile e crea capolavori che sono indossati in molti eventi importanti. La sua collezione primavera estate 2019 ha riscosso un sensazionale successo al Goldsmith Hall di Londra. Essa era ispirata allo Chelengk, una bellissima decorazione militare incastonata da trecento diamanti dell'impero Ottomano che fu data dal sultano Selin III al vice ammiraglio britannico Horazio Nelson. Lo Chelengk divenne sinonimo di alta moda nel 1700. Una sua replica consistente in 300 diamanti incastonati e' stata la parte più importante nello show, poiche' l'originale e' stato rubato nel 1851 e perso per sempre.

La collezione di Zeynep Kartal era in tono col gioiello, con brillanti sete blu e rosa ed iridescent pezzi in shiffon e comprendeva lunghi abiti, pantaloni, catsuits, abitini corti,giacche opulentemente ricamate che emulano la bellezza del brillante Chelengk ed i suoi 16 raggi. La firma con stile di Zeynep Kartal mostra una confidenza ed una sofisticata linea moderna e siluette molto eleganti. I lavori sono confezionati con sete naturali e pizzi fatti a mano ed organza, usando tecniche di alta moda con ricercata enfasi su tagli puliti. I ricami sono particolari e le applicazioni delicate. I suoi designs sono femminili e molto distinti. Zeynep ha lanciato il suo marchio nel 2013 avendo una lunga esperienza di circa 20 nell'industria della moda. La sua esperienza spazia in varie arie, è stata come il tessuto, designs, produzione e marketing, ma diventano una leader tra gli stilisti internazionali.

www.zeynepkartal.co.uk 

Di Kim Grahame

La Ville Lumiere, cosi' chiamata Parigi come anche detta la Grand Dame della Moda internazionale, ha ospitato come sempre per questa rassegna semestrale le collezioni primavera estate 2019; tra i nomi di rilievo abbiamo Chanel, Dior ed Yves Saint Laurent, che sono le colonne di questo

Gucci

affascinante impero. Gucci straordinariamente vi ha fatto un overture alquanto inaspettata, avendo scelto per il lancio della sua collezione la piattaforma parigina, ma in via eccezionale come dice Alessandro Michele "E' un omaggio alla Francia"; ospite all'ultimo grido e' stata la pop star

 
 Dior

asiatica Kaie sempre restando sul tema popstar,da Celine una eccezionale Lady Gaga era seduta in prima fila, accattivante e travolgente.

Maria Grazia Turi per Dior ha aperto e costernato la sfilata con uno sciame di ballerine che fluttuavavano in tulle e scarpette rosa arricchite con fiocchi tra stelle, lune e petali di fiori; la coreografia di Sharon e lo sfondo e' Bois de Boulogne, il gusto tende alla giovane corrente hipster.

Il Net a porter e' stato combattuto da collezioni di nicchia quale quella di Yves Saint Laurent, dove Antony Vaccarello ha ostentato su uno sfondo da Torre Eiffel, donne gazzella e feline amazzoni super glam; i grandi nomi di Catherine Deneuve e Cindy Crowford emergevano dal parterre.

Chanel

Gigi e Bella Adid modelle in primo piano hanno trascinato i giovani verso tendenze alla riscoperte del total look.

Balenciaga propone forme ampollose in vivide tinteggiature e Chanel veste le sue pretty signorine con tessuti sui generis. Questi tra i grandi nomi e tanti, tanti altri giovani autori di fashion designs han dato vita ad un carousel éclatante di Moda e colori.

Londra  - La sfilata di VIN + OMI collezione Primavera-Estate 2019 si è svolta nello spettacolare scenario Vittoriano del Grand Terrace di Saint Pancreas International in un clima di ecosostenibilita.

 

I designs di VIN + OMI hanno conquistato celebrità tra cui Beyoncé, Michelle Obama, Prince Harry e Debbie Harry e la loro ultima collezione era carica di energia e gioventu' creando uno uno stile artistico d'impatto.

I colori e le silhouette audaci sono accattivanti e giocose, un gioco di ritagli" in tessuto e le nuove arricciature sul bordi arricchiscono il look. Alcune T-shirt hanno messaggi in grassetto con scritto: "TUTTO È TUTTI", "BURST HIM" e "QUEEN BIODEGRADE" ed altri. VIN + OMI hanno presentato una collezione che è stata divertente ma che ha anche trasmesso un messaggio più profondo. "Pensando a cosa indossiamo, quello che gettiamo via,ciò che compriamo. Tutti dobbiamo pensare ed essere piu' responsabili ora. Il pensiero è la nuova religione, una  eco religione. Una religione che sta crescendo con la necessità e lo scopo di salvare il pianeta. I lavori di VIN + OMI riguardano la sostenibilità, il riciclaggio e il lavoro con la natura mentre sviluppano nuovi materiali ecologici. Questa collezione presenta molti dei loro diversi tessuti e processi eco-compatibili, tutti progetti di impatto sociale collegati. Le borse di questa stagione sono il risultato di una collaborazione con il London College of Fashion. Il progetto BIN 2 BODY è iniziato a London Fashion Week Men's dove hanno raccolto le bottiglie di plastica della settimana della moda e le hanno trasformate in tessuti durevoli in rPET che sono stati poi trasformati in borse. Con tutti i loro progetti di impatto sociale rPET, VIN + OMI si assicurano che il progetto ottenga i fondi per la raccolta e lavorino per fornire supporto continuo.

 

Il London College of Fashion e il Centro per la moda sostenibile stanno aprendo la strada a nuovi modi di lavorare attorno alla sostenibilità della Moda. Il nuovo tessuto metallico presentato per la prima volta in passerella è stato prodotto da lattine riciclate nel progetto CAN 2 CATWALK. Inoltre sono stati mostrati nuovi tessuti a base vegetale. Questi sono stati coltivati nei campi che circondano il loro studio di Cotswolds. Inizialmente stavano sviluppando modi di utilizzare piante che crescevano spontaneamente e che erano prontamente disponibili e potevano essere coltivate ovunque. Per la collezione VIN + OMI SS19 hanno introdotto un tessuto di ortica che ha una sensazione grezza non finita e un tessuto ibrido più intrecciato di ortica, prezzemolo di mucca, erba di salice rosa e lino. Inoltre, nella collezione c'era il loro 4GANIC - un tessuto a base di ortica e Flaxley - un tessuto ibrido di lino e prezzemolo di mucca. La collezione VIN + OMI utilizzava lattice organico proveniente dalla loro piantagione in Malesia, dove cura attentamente i lavoratori e le loro famiglie e assicura che la piantagione abbia un impatto negativo minimo sull'ambiente e un impatto positivo sugli abitanti del villaggio. Le loro scarpe in questa stagione sono un miscuglio di stagioni precedenti e scarpe destinate alla discarica. VIN + OMI crede con un tocco in più, il riciclo può tornare a essere nuovo.

 

 

 

Kim Grahame

Nei primati della Moda internazionale Milano Donna ne e' una delle regine incontrastate. Dalle locations più disparate alle tendenze più agguerrite si disnoda uno scenario tantrico ed assordante,fantasmagorico e vibrante. Anche qui tanti stilisti tutti sulla cresta dell'onda. Cominciando da Byblos che trae ispirazione dal festival Barning Man, che si svolge ogni anno nel deserto del Nevada: i suoi capi giovani e divertenti debuttano su di una passerella sorridente e gioviale. Antonio Marras tra fantasia e sogni ci trasporta al glamour di un passato glorioso riesumando bambole di

   
Etro  Fendi  Ferretti

porcellana. Giorgio Armani ci propone un trendy chic e iconoclastico mentre Genny fa sfilare le sue Barby in tulli di toni pastello arieggianti ai venti caldi dell'estate. Blumarine estrae delle delicate essences dai suoi completi goliardici. Fendi un colosso della Moda non può non ipnotizzare il suo parterre con forti effetti cromatici mentre tra i toni caldi e sabbiosi emerge anche un bianco glaciale, la collezione è arricchita da borse copiose e scarpe in tema, ospite e testimonial d'eccezione: Karl Lagerfeld. Acerba è la donna di Alberta Ferretti colma di romanticismo e sensualità. Un tributo al

   
 Marras Moschino

geniale maestro Yves Saint Laurent e' stato fatto da Moschino con i capi illustrati a sketches e graffiti da cui emerge una sinuosa silhouette. Ci ritroviamo in un carosello di designers intramontabili ognuno con un suo stile e clichet, con un brand che si estende oltre i confini e che prorompe ed irrompe e coinvolge un po' dovunque. Tra i molti artisti che hanno sfilato sono da annoverare la soffice collezione di Blumarine, l'esilarante Roberto Cavalli, Etro con i suoi completi California beach coloratissimi e geometrici ed inserti floreali, Versace, Biagiotti, Prada, Agnona e tanti tanti altri tutti da rivisitare ed ammirare.

Page 2 of 4
© 2022 FlipNews All Rights Reserved